L’USR e il MRI richiedono elezioni anticipate in seguito al rapporto MCV

0
62

L’Unione Salvate la Romania (USR)  e il Movimento Romania Insieme (MRI), fondato dall’ex primo ministro Dacian Ciolos, ha lanciato mercoledì un appello congiunto per elezioni anticipate in seguito alle critiche contenute nel rapporto MCV.

“Appello congiunto USR e RO+: Il segnale di allarme inviato da Bruxelles deve risvegliare tutti i politici responsabili, per chiedere le dimissioni del governo Dancila e le elezioni anticipate. L’Unione Salvate la Romania e il Movimento Romania Insieme (RO+) fanno appello ai politici responsabili per capire la gravità del segnale inviato da Bruxelles e agire nell’interesse della Romania e dei romeni, inviando urgentemente il governo di Dăncilă alla spazzatura della storia. Facciamo appello all’azione, per determinare elezioni anticipate. Questa è la forma democratica in cui ai cittadini viene data l’opportunità di scegliere il proprio futuro: la banda di Dragnea o l’Unione europea!”, dichiarano i rappresentanti dei due partiti in un comunicato stampa pubblicato sul sito dell’USR.

“Ieri è stato inviato un ultimo segnale di allarme da parte delle autorità europee, in modo chiaro e diretto, riguardante gli abusi e le deviazioni dallo stato di diritto dell’attuale coalizione PSD-ALDE. USR e RO + sono preoccupati per le reazioni dei leader PSD-ALDE in seguito alla pubblicazione del rapporto MCV, che non vogliono ammettere che stanno minando lo stato di diritto in Romania e che stanno allontanando il  Paese dai valori europei. Questa coalizione pericolosa ha modificato le Leggi della Giustizia e i Codici Penali senza chiedere l’avviso della Commissione di Venezia, mentendo spudoratamente le ambasciate e i funzionari europei, ha gassato i propri cittadini violando i diritti e le libertà che l’UE protegge, ha adottato leggi che intimidiscono la società civile e ha tentato di limitare la libertà di stampa. Non si può continuare così, vogliamo una Romania che andasse avanti nell’Unione europea. Una Romania che conti in Europa e che possa consolidare la democrazia, rafforzare lo stato di diritto e la prosperità dei propri cittadini”, hanno trasmesso i rappresentanti dell’ USR e del MRI.

I due partiti affermano di essere pronti per le discussioni tra tutti i partiti parlamentari.

“L’Unione Salvate la Romania e il Movimento Romania Insieme chiedono ai parlamentari della coalizione PSD-ALDE, che non sono ricattati dalla banda di Liviu Dragnea, di capire la gravità del momento e di agire nell’interesse degli elettori. L’USR e RO+ sono pronti di trovare il quadro necessario per le discussioni con i rappresentanti di tutti i partiti parlamentari e di agevolare il dialogo con tutte le forze democratiche nella società civile per far allontanare dalla Romania un gruppo criminale che mette in pericolo il futuro europeo”, secondo la fonte citata.

Il presidente dell’USR, Dan Barna, ha trasmesso che Liviu Dragnea e Calin Popescu Tariceanu “considerano l’Unione europea il principale ostacolo di fronte al sequestro totale della Romania”, mentre il presidente fondatore del MRI, Dacian Ciolos, ha affermato che “è un’emergenza” che il PSD e l’ALDE lascino il Governo.

NO COMMENTS