La Colonna Traiana, illuminata con i colori della bandiera nazionale di Romania

0
32

La sera del 14 ottobre 2018, i colori del tricolore romeno hanno illuminato uno dei monumenti più importanti del centro di Roma: la Colonna Traiana, l’opera emblematica dell’architetto Apollodoro di Damasco e una delle più grandi sculture antiche di bassorilievo, che illustra la nascita del popolo romeno e i profondi legami storici tra la Romania e l’Italia.

Il Presidente di Romania, Klaus Iohannis, ha partecipato, in occasione della visita di stato in Italia, al momento simbolico di illuminazione della Colonna Traiana. Vi sono stati presenti anche l’ambasciatore di Romania in Italia, George Bologan e il Presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito, insieme a un vasto pubblico di membri della comunità romena e rappresentanti delle autorità locali. Le associazioni culturali Romanitas e SPQR hanno offerto uno spettacolo di rievocazione storica, con una cerimonia di evocazione del passato dedicata alla pace e all’armonia tra i popoli.

L’evento fa parte della serie di iniziative culturali dedicate al Centenario della Grande Unione, con un significato speciale per la relazione bilaterale privilegiata tra la Romania e l’Italia, stati legati da affinità storiche, culturali e linguistiche, ma anche dalla comunità romena in Italia e da quella italiana in Romania. L’iniziativa segna inoltre anche il decimo anniversario dalla firma della Dichiarazione Congiunta sul Partenariato Strategico Consolidato romeno – italiano.

L’illuminazione della Colonna Traiana nei colori della Bandiera romena è un progetto dell’Ambasciata di Romania in Italia, realizzato con il sostegno del Comune di Roma – Assessorato alla Crescita Culturale e Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, del Parco Archeologico Colosseo e di Zètema Progetto Cultura, con la partecipazione delle associazioni culturali Romanitas e SPQR.

“Un evento commovente e pieno di significato. La pace sociale in Romania viene ricostruita, abbiamo bisogno di tali simboli”

Il Presidente Klaus Iohannis ha dichiarato domenica sera a Roma che la pace sociale in Romania viene ricostruita.

“La pace sociale in Romania viene ricostruita. E abbiamo bisogno di tali simboli per ricostruire la pace sociale in Romania”, ha dichiarato Iohannis a Roma, all’illuminazione della Colonna Traiana nei colori della bandiera romena.

Il capo dello stato ha detto che l’evento è commovente e pieno di significato.

“Penso sia un momento commovente e pieno di significato. La Colonna Traiana (…) viene considerata il certificato di nascita del nostro popolo e, illuminata nel tricolore, penso sia importante anche per la relazione tra i nostri popoli, gli conferisce un fascino speciale, ma ci mostra anche qual’è la nostra storia e speriamo di mostrarci anche il nostro futuro “, ha dichiarato Iohannis.

Il Presidente ha dichiarato di essere molto felice di partecipare all’evento.

“Un bel momento. Ringrazio gli organizzatori. (…) Sono veramente commosso e felice di poter vivere un momento come questo. È sensazionale – la Colonna Traiana illuminata nel tricolore. Penso che un simbolo più profondo e più bello tra i nostri popoli non ci sia. (…)  È commovente vedere così tanta gente, così tanti romeni”, ha dichiarato Iohannis.

All’arrivo alla Colonna Traiana, Klaus Iohannis e sua moglie sono stati accolti dalle autorità locali e da centinaia di persone, tra cui un gruppo di bambini della comunità di romeni in Italia. Ulteriormente la Colonna Traiana è stata illuminata nei colori della bandiera nazionale, momento in cui la gente presente ha iniziato a cantare l’inno della Romania.

Il Presidente e sua moglie hanno parlato con i bambini, hanno fatto foto e hanno ringraziato le persone presenti all’evento.

Incontro con i rappresentanti dei culti, un segnale che il Presidente Iohannis ha voluto trasmettere per avvicinarsi alla comunità di romeni

Il primo giorno in Italia del capo dello stato romeno l’ha dedicato ad una visita alla Diocesi Ortodossa Romena d’Italia e all’incontro con i rappresentanti dei culti: ortodosso, cattolico e romano-cattolico. In questa occasione, il Presidente della Romania si è congratulato con Sua Eccelenza Reverendissima Monsignor Siluan Vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, per il suo lavoro.

“L’incontro del presidente Klaus Iohannis con i rappresentanti dei culti come primo momento della visita di stato nella Repubblica italiana rappresenta un segnale che il presidente della Romania ha voluto trasmettere alla comunità romena in Italia, la più grande al di fuori dei confini della Romania, una comunità vicina sia alla chiesa e ai suoi rappresentanti, che al paese”, ha dichiarato l’amministrazione presidenziale.

Il Presidente romeno ha trasmesso l’apprezzamento per il contributo dei culti religiosi alle attività filantropiche e di sostegno sociale delle associazioni e fondazioni religiose svolte sia in Romania, che a sostegno dei romeni in Italia che si trovano in situazioni difficili.

Il presidente Klaus Iohannis ha incoraggiato il dialogo inter-religioso tra tutte le comunità religiose romene in Italia, che rappresenta un modello di buone pratiche anche per le altre comunità romene al di fuori del paese, un aspetto importante per preservare l’unità del popolo romeno, specialmente nel contesto della celebrazione nel Centenario della Romania moderna di quest’anno.

Inoltre, il Presidente della Romania e Sua Eccelenza Reverendissima Monsignor Siluan Vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia, insieme agli alti prelati presenti hanno avuto uno scambio di opinioni sugli aspetti attuali del loro lavoro.

Il presidente Klaus Iohannis ha regalato ai rappresentanti dei culti che hanno partecipato all’incontro, tre bandiere ufficiali della Romania, come simbolo del loro attaccamento al Paese.

NO COMMENTS