La Grande Guerra e l’Unificazione romena, in mostra al Vittoriano

0
15

La Grande Guerra e l’Unificazione romena. Un percorso storico e visuale a 100 anni dalla nascita della Grande Romania: una mostra evento che è stata  inaugurata il 2 ottobre al Museo Centrale del Risorgimento – Complesso del Vittoriano a Roma, per celebrare il Centenario della Grande Romania. L’evento ricorda anche la fine del primo conflitto mondiale, in cui la Romania e l’Italia hanno combattuto insieme, al fianco dell’Intesa.

La mostra, che rimarrà aperta fino al 31 ottobre (ingresso libero), è organizzata dall’Istituto Culturale Romeno di Bucarest tramite l’Accademia di Romania in Roma e l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, in partenariato con il Museo Nazionale di Storia di Romania, il Museo Centrale del Risorgimento al Vittoriano di Roma, il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Roma Tre e l’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana. I testi sono firmati dal prof. Francesco Guida della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi Roma Tre e dal vicedirettore del Museo Nazionale di Storia di Romania, Cornel Ilie.

L’unificazione della Romania nel 1918 coronava un progetto politico che le élites romene avevano definito già dalla metà dell’Ottocento, ha spiegato a Radio Romania Internazionale il direttore dell’Accademia di Romania in Roma, il prof.univ.dr. Rudolf Dinu. Il pubblico italiano scoprirà la sincronia dei movimenti risorgimentali italiano e romeno e la comunanza degli ideali europei seguiti da Italia e Romania lungo l’intero Ottocento fino alla Grande Guerra, ha aggiunto il direttore.

Da parte sua, il prof. Francesco Guida ha ricordato a Radio Romania Internazionale i più significativi momenti della collaborazione Italia – Romania durante la prima Guerra Mondiale. Un riferimento è la Legione Romena d’Italia, un corpo militare costituito prevalentemente da prigionieri di nazionalità romena, che avevano combattuto per l’Impero austro-ungarico.

NO COMMENTS