Fermate in Costa Rica l’ex ministro del turismo romeno, Elena Udrea, e l’ex capo della Procura antimafia, Alina Bica, condannate per corruzione

0
59

La polizia romena ha confermato, stamane, che l’ex ministro del Turismo romeno, Elena Udrea, e l’ex capo della Direzione Investigativa dei Reati di Criminalità Organizzata e Terrorismo (la Procura antimafia), Alina Bica, sono state fermate in Costa Rica, in seguito alle informazioni trasmesse da Bucarest. Secondo fonti giudiziarie, le due saranno ascoltate dal tribunale. Elena Udrea e Alina Bica hanno inoltrato domande di asilo in Costa Rica, motivo per cui i giudici potrebbero rinviare una decisione sull’estradizione. Udrea e Bica erano indagate, sorvegliate e monitorate dalle autorità costaricane, in quanto latitanti e perseguite dall’Interpol, in seguito alle condanne definitive ricevute in Romania in una serie di fascicoli di corruzione. Per molto tempo ritenuta il personaggio piu’ influente della cerchia dell’ex presidente romeno Traian Basescu, Udrea è stata condannata in via definitiva, dall’Alta Corte di Cassazione e Giustizia, a 6 anni di reclusione, per tangenti e abuso d’ufficio. Lo stesso tribunale ha condannato in via definitiva Alina Bica a 4 anni di reclusione, in un fascicolo in cui era accusata di favoreggiamento del delinquente.

NO COMMENTS