Visita del Ministro romeno della Giustizia, Toader, a Roma

0
24

L’accelerazione della riforma delle procedure di trasferimento dei detenuti, tra le questioni discusse con la controparte italiana, Bonafede

L’accelerazione del processo di riforma delle procedure di trasferimento dei detenuti è stato uno degli argomenti discussi dal ministro della Giustizia, Tudorel Toader, con la controparte italiana, Alfonso Bonafede, durante una visita di due giorni effettuata a Roma.

Secondo un comunicato del Ministero della Giustizia, lunedì e martedì, il ministro Tudorel Toader e il Segretario di Stato, Marieta Safta, hanno effettuato una visita a Roma.

Nella prospettiva dell’assunzione dalla Romania della presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, il ministro italiano della giustizia ha manifestato “massima disponibilità” nell’offrire il sostegno dell’istituzione che dirige, dichiara la fonte citata.

“Durante l’incontro, i due ministri hanno ribadito l’impegno reciproco nell’accelerazione del processo di riforma delle procedure di trasferimento dei detenuti, una questione di vecchia data sull’agenda politica italiana, nonché all’attenzione del ministro romeno della giustizia. Allo stesso tempo, sono state affrontate anche questioni rilevanti come la tutela dei minori, l’istituzione del magistrato di collegamento, la resa operativa della Procura Europea (EPPO), l’estensione delle competenze dell’EPPO nel settore riguardante il terrorismo come risposta giudiziaria transnazionale efficace a questo crescente pericolo”, si legge nel comunicato citato.

La delegazione romena ha effettuato lunedì una visita al Penitenziario di Rebibbia, dove è stata ricevuta dal Segretario di Stato nel Ministero italiano della Giustizia, Vittorio Ferraresi e dal capo del Dipartimento dell’Amministrazione dei Penitenziari, Francesco Basentini.

Il secondo giorno della visita, la delegazione romena ha avuto un incontro con il rettore dell’Università La Sapienza, il professor Eugenio Gaudio.

“Durante l’incontro – a cui hanno partecipato il professor Bruno Botta, prorettore responsabile per le relazioni internazionali, il professor Paolo Ridola, decano della facoltà di giurisprudenza e il professor Antonello Biagini, presidente della Fondazione La Sapienza, la parte romena ha presentato il progetto dell’organizzazione, presso l’ università di Roma, con il sostegno del Ministero romeno della giustizia, dell’Ambasciata romena in Italia, dell’Istituto Culturale Romeno di Roma e dell’ambiente universitario, un convegno internazionale su temi di giurisprudenza, durante l’esercizio della presidenza romena del Consiglio dell’Unione europea “, informa la fonte citata.

Secondo il Ministero romeno della Giustizia, è stata discussa l’importanza della ricerca giuridica e della collaborazione universitaria, sottolineando il ruolo della giurisprudenza, della cooperazione e del ravvicinamento dei sistemi giuridici nel consolidamento dell’Unione europea.

NO COMMENTS