Una località di Prahova che ha partecipato al concorso “Il villaggio culturale della Romania”, promossa in Italia

0
19

La località di Prahova, Izvoarele, che nel 2015 è stata tra i 13 finalisti del concorso “Il villaggio culturale della Romania”, viene promossa in Italia e  in altri paesi grazie a un progetto cofinanziato dall’Unione europea.

Per più di cinque anni, l’organizzazione non governativa “La curva di cultura” del comune di Izvoarele, nella contea di Prahova, ha messo in applicazione progetti locali, nazionali e internazionali con e per i giovani di questa comunità. Una delle iniziative è stata rappresentata dal progetto “Giovani imprenditori per la comunità”, che ha avuto come risultati una serie di workshop di formazione imprenditoriale, consultazioni con la comunità locale e, infine, la realizzazione di un marchio locale per il comune di Izvoarele.

Il marchio locale è stato registrato all’OSIM ed è utilizzato dai piccoli produttori per promuovere e commercializzare i loro prodotti in occasione di fiere e festival.

Ma il lavoro dell’organizzazione “La curva di cultura” di promozione del potenziale artigianale e turistico del comune viene continuato dal progetto “Izvoarele Unveiled”, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma Erasmus +, un progetto che ha portato volontari internazionali che hanno creato una serie di materiali per la promozione della comunità e dei suoi abitanti. ” Izvoarele Unveiled” ha debuttato a marzo 2016 e si è concluso nel mese di agosto 2018, periodo di tempo che ha riunito quattro volontari provenienti da Spagna, Italia, Repubblica Ceca e Argentina, ma anche studenti romeni, della Facoltà di Antropologia, nell’ambito di un partenariato con l’Università di Bucarest, con lo scopo di documentare lo stile di vita locale e di promuoverlo.

Alla domanda sul perché è stato bisogno di volontari dall’estero, i rappresentanti dell’organizzazione di Izvoarele hanno risposto: “Perché vogliamo che questa promozione della comunità si svolga anche a livello internazionale, e per questo era necessaria una prospettiva straniera. Inoltre, i giovani stranieri coinvolti offrono anche un modello da seguire dalla comunità riguardante il coinvolgimento civico e lo spirito di iniziativa, questi giovani essendo laureati di liceo o dell’università, alla ricerca, come i giovani di Prahova, di una strada da seguire nella vita e desiderosi di apprendere una serie di abilità e conoscenze. La rivelazione della vita rurale di Izvoarele si è svolta passo dopo passo. All’inizio è stato difficile perché la lingua e la cultura erano ancora sconosciute. Ma la squadra ha riunito le sue forze con quella degli studenti di Antropologia di Bucarest, che sono rimasti qui per due settimane, periodo in cui hanno fatto ricerche sul terreno durante l’estate. In quel momendo sono stati creati dei legami tra i volontari e la comunità. Con l’aiuto del Centro Culturale di Izvoarele, le porte di molte famiglie si sono aperte. E dietro le porte – cortili, animali e prelibatezze gastronomiche. Per metà dell’anno, volontari provenienti dall’Italia, dalla Spagna, dalla Repubblica Ceca e dall’Argentina sono andati dappertutto nella località con telecamere e microfoni per creare una galleria della vita a Izvoarele.

Il loro coinvolgimento nella comunità ha fatto nascere molte storie. Ed è venuto anche con un pò di lavoro, i volontari conquistando il cuore della gente del posto quando si sono sporcati le mani per lavorare in giardino, hanno raccolto legna per l’inverno o hanno dato una mano al taglio del maiale.

Ma è venuto anche con divertimento, perché quasi ogni settimana hanno ballato con gli anziani nel loro club, hanno celebrato i compleanni, hanno imparato il romeno attraverso canzoni e recital di poesie.

È venuto anche con esperienze uniche come partecipazioni alle celebrazioni, alle fiere di artigianato o a rituali tradizionali durante le feste. Si sono impegnati nel lavoro, nel divertimento o nella festa, e poi hanno messo sulla carta una raccolta di storie. Tutte fanno parte di un documento a cui hanno lavorato per un’altra meta’ dell’anno: una monografia culturale del comune, a disposizione di chiunque con un solo clic. Tutto il loro lavoro è un’introduzione molto buona, ma solo un’introduzione.

Sulla pagina discoverizvoarele.ro c’è ancora uno spazio illimitato, che può ospitare anche per altri contenuti, con l’aiuto della gente del posto e degli stranieri che vedono la bellezza di Izvoarele. Grazie alle loro abilità di fotografia e comunicazione, è stato creato un canale Instagram pieno di ricordi e immagini del comune.

I risultati di questo progetto sono stati presentati sia agli abitanti di Izvoarele che agli abitanti di Ploiesti, nell’ambito di un evento ospitato dalla Biblioteca “Nicolae Iorga”, ma anche a Bucarest. Inoltre, la bellezza di Izvoarele verrà promossa fuori Romania, in Italia, Spagna, Repubblica Ceca e Argentina, grazie ai quattro volontari che sono rientrati a casa.

NO COMMENTS