Le quattro candidature per la carica di procuratore-capo della Direzione Nazionale Anticorruzione sono state bocciate

0
59

La  procedura di selezione sarà ripresa

Venerdì, il Ministero della Giustizia romeno ha annunciato che le quattro candidature per la carica di procuratore-capo della Direzione Nazionale Anticorruzione sono state bocciate e la procedura di selezione sarà ripresa. Un comunicato stampa precisa che è stato valutato che nessuno dei candidati riunisce i requisiti necessari ad assumere la dirigenza della DNA. Giovedì, i quattro candidati hanno sostenuto un colloquio di lavoro: Florentina Mirica, procuratore capo servizio presso la Sezione Lotta alla Corruzione della DNA, Cristian Lazar, viceprocuratore capo presso la Sezione Inchieste Penali della Procura Generale, Marius Iacob, viceprocuratore capo della DNA, ed Elena Grecu, procuratore capo servizio nella struttura centrale della DNA. La carica di procuratore capo della DNA è rimasta vacante in seguito alla revoca di Laura Codruta Kovesi tramite un decreto firmato il 9 luglio dal presidente Klaus Iohannis, per applicare una decisione della Corte Costituzionale in tal senso.

Toader, consigli per il futuro capo della DNA: Valutare i procuratori, posizionare la Direzione nei parametri delle leggi della giustizia

Il ministro della Giustizia, Tudorel Toader, ha dichiarato lunedì sera, alla scadenza del termine per la presentazione delle domande per la Direzione Nazionale Anticorruzione, che il nuovo procuratore capo della DNA avrà una grande responsabilità e che dopo la nomina dovrà fare una valutazione dell’ istituzione e dei procuratori, e dovra’ anche posizionare la Direzione “nei parametri delle leggi della giustizia”.

“C’era la paura e un grande dibattito sul fatto che non avremmo candidati, che si tratta di una forma di riserva, di timore da parte dei potenziali candidati per la direzione della DNA. Vediamo pero’ che, al contrario, oggi, nell’ultimo giorno, si sono iscritti quattro candidati, persone con esperienza, non so se positiva o negativa. Non farò alcuna valutazione su di loro. Mi aspettavo ad un numero piu’ grande di candidati. Loro, i procuratori, conoscono meglio la necessità di riformare la DNA, sanno cosa sta succedendo nella DNA e la necessita’ dei procuratori e dell’istituzione nel suo insieme di ritornare alla normalità, in un comportamento di applicazione, di interpretazione della norma legale penale, nei parametri della legge, nei parametri costituzionali “, ha dichiarato Tudorel Toader su RomaniaTV.

Il ministro ha anche sottolineato che la persona che verra’ nominata capo della DNA avrà piu’ missioni.

“Non è una semplice carica di capo, ma anche una grande responsabilità che la persona nominata dovra’ assumere. Cosa dovra’ fare? La mia opinione è che, prima di tutto, devra’ fare una valutazione della DNA con i punti forti e deboli, diversa da quella che ho fatto io. Arriveranno le nuove leggi della giustizia e dovra’ posizionare la DNA nei parametri delle leggi della giustizia. Dovra’ rendere responsabili tutti quelli che lavorano per la DNA, che siano procuratori, esperti, personale ausiliario. Rendere tutti responsabili, perché in Romania, come dice la Costituzione, nessuno è al di sopra della legge. La legge della giustizia arriva con la responsabilità dei magistrati. Personalmente, non voglio che i magistrati rispondano, che facciano errori per dover rispondere, ma devono sapere che se commettono errori, potrebbero essere responsabili dal punto di vista legale”, ha detto Tudorel Toader.

NO COMMENTS