Feel your City – un progetto turistico unico lanciato dagli studenti delle scuole superiori

0
81

Feel your City è il modo in cui un gruppo di adolescenti ha cercato di avvicinare le attrazioni turistiche della città di Cluj alle persone con disabilità visive

Il turismo è una nozione di cui si può parlare in molti modi. È possibile effettuare analisi economiche, avviare programmi per determinati tipi di turisti o adottare misure infrastrutturali per evidenziare o facilitare l’accesso a una particolare destinazione turistica. Tutto ciò, per fare più visibile le bellezze o le cose interessanti in una particolare regione per un gran numero di persone.

Ma cosa facciamo con le persone che non possono vedere? Questa è una domanda alla quale danno poca importanza coloro che sono coinvolti nel fenomeno. Per loro, i non vedenti non sono una priorità perché non sono il pubblico di destinazione. Bene, un gruppo di giovani di Cluj Napoca ritiene che i deficit visivi non dovrebbero impedire a nessuno di godersi la città in cui vive o la città che sceglie di visitare.

Così, questi ragazzi hanno lanciato un progetto pilota chiamato Feel your City, attraverso il quale intendono trasformare Cluj in una città aperta ai non vedenti. Ciò richiede alcune semplici modifiche in termini di pubblicità e presentazione dei principali punti di interesse a Cluj. Prima di tutto, gli obiettivi turistici dovrebbero essere dotati di audioguide. Quindi, ogni monumento dovrebbe essere accompagnato da una targhetta informativa in Braille e da una maquette in miniatura del monumento. Inoltre, come parte del progetto, gli iniziatori vogliono introdurre menu in Braille in diversi caffè e ristoranti della città. Infine, forse il passo più importante è quello di offrire programmi di formazione per le guide locali, in modo che la presentazione dei luoghi sia adattata alle esigenze di questo particolare tipo di pubblico.

Il progetto è in corso dall’estate del 2017, ma dal momento che è un progetto ampio, il raggiungimento degli obiettivi proposti sopra richiederà il prolungamento di esso anche per il tutto il 2018 e anche oltre. Così come me ha sottolineato uno degli iniziatori, un tale progetto è in effetti un processo continuo attraverso il quale la popolazione è incoraggiata a prendere coscienza dell’esistenza di gruppi svantaggiati ed a venire più spesso al loro sostegno.

 

Fonte: http://www.imperialtransilvania.com

NO COMMENTS