L’ Istituto Italiano di Cultura di Bucarest, numerose e stimolanti manifestazioni culturali per la Festa della Repubblica

0
127

L’Istituto Italiano di Cultura intende contribuire alle celebrazioni per la Festa della Repubblica proponendo numerose e stimolanti manifestazioni culturali che a partire da fine maggio proseguiranno per tutto il mese di giugno.

Il 30 maggio, alle ore 19.00, l’Istituto Italiano di Cultura, nell’ambito dell’iniziativa “Fare cinema” del Ministero degli Affari Esteri, ospita una lezione-concerto del Maestro Leandro Piccioni, che racconterà al pubblico le proprie esperienze di musicista compositore, direttore d’orchestra e pianista, con esempi musicali e ascolti di registrazioni audio-video di sue colonne sonore. Pianista e compositore, autore di colonne sonore, Leandro Piccioni ha orchestrato e diretto le varie musiche da film. Dal 2001 collabora con Ennio Morricone con il quale ha svolto concerti nei più grandi auditorium e arene in tutto il mondo e con le più importanti orchestre superando, solo negli ultimi tre anni, i 70 concerti per più di 500.000 spettatori.

Il 31 maggio, alle ore 19.30, abbiamo invitato il celebre organista Domenico Severin che suonerà nella Cattedrale cattolica San Giuseppe di Bucarest nell’ambito della prima edizione del Festival Internazionale di Organo. In programma musiche di Bach, César Franck, Franz Liszt, Charles Tournemire, Olivier Messiaen. Domenico Severin ha ottenuto il diploma di Organo e Composizione organistica al Conservatorio B. Marcello di Venezia e il diploma di Analisi Musicale al C.N.R. francese di Boulogne-Billancourt, diventando in seguito organista titolare della Cattedrale St. Etienne della città francese di Meaux. La sua attività concertistica lo porta ad esibirsi in numerosi festival organistici. Il suo repertorio comprende alcuni tra gli autori contemporanei più significativi e si estende fino alle prime opere scritte per lo strumento, attingendo spesso alla scuola italiana organistica degli inizi del Novecento.

Il 3 giugno, alle ore 13.00, allo stand della casa editrice Corint al Bookfest (Romexpo) sarà presentata la versione romena del libro “North Korea: the country we love to hate” / “Corea de Nord: între fascinație și teroare” di Loretta Napoleoni, alla presenza dell’autrice. Il volume sarà presentato la sera anche presso la Libreria Pavesiana. Saggista e giornalista, Loretta Napoleoni si è occupata dello studio dei sistemi finanziari ed economici attraverso cui il terrorismo finanzia le proprie reti organizzative. Nata e cresciuta a Roma, vive da molti anni nel Regno Unito, a Londra. Numerose le sue pubblicazioni che hanno come tema il terrorismo. Per la Rizzoli ha pubblicato nel 2010 “Maonomics”, una critica al sistema economico occidentale partendo dal successo cinese. Il libro ha vinto il premio Singapore Critics Choice Best Nonfiction on Economics e nel 2010 il Premio dell’Associazione per il Progresso Economico. Nel 2014 è uscito, per Feltrinelli, “ISIS. Lo stato del terrore”. La partecipazione di Loretta Napoleoni al Bookfest è frutto della collaborazione tra la Casa Editrice Corint e l’Istituto Italiano di Cultura.

Il 5 giugno, alle ore 19.00, l’Istituto Italiano di Cultura ospiterà l’inaugurazione della mostra fotografica “Passeggiando tra le fontane di Roma” di Rodica Marinescu. Artisti invitati: Madalina Papastere e Venus Mateescu. La mostra resterà aperta fino al 21 giugno ed è un omaggio degli autori alla Festa della Repubblica.  Rodica Fleşariu Marinescu è nata a Braşov e attualmente lavora presso al Museo del Contadino Romeno di Bucarest. Ha pubblicato presso la Casa Editrice Paideia, nel 2004, il libro “Roma – tra diario e fotografia” e alla Casa Editrice Martor, nel 2016, il libro bilingue italo-romeno “Roma inedită / Roma inedita”. Ha dedicato all’Italia e, a Roma in particolare, una serie di mostre fotografiche tra cui ricordiamo “Sentimenti”, “Il fascino di Roma”, “Sentimenti in dialogo”, “I Paesaggi della fede”.

 

E sempre all’Istituto si svolgeranno due eventi il 6 giugno: alle ore 12.00 verrà presentato il secondo numero del giornale del Liceo Bilingue Ion Neculce a cura del prof. Federico Collesei, docente presso lo stesso liceo, mentre alle 18.30 è prevista una serata musicale- lezione con gli allievi del Collegio Nazionale d’Arte Dinu Lipatti di Bucarest, classe di pianoforte, coordinata dalla professoressa Maria Ionescu.

Un evento di particolare rilievo avrà luogo il 13 giugno, al Museo Nazionale d’Arte della Romania. Si tratta della mostra d’arte “Opere del patrimonio della Galleria d’Italia, Intesa Sanpaolo Bank”. Saranno esposte quattro opere di grande valore artistico e storico: Michele Marieschi (Venezia 1710-1744) – “Veduta del Canal Grande con le Rive del Vin e del Carbon”, 1730-1735; Hendrik Frans van Lint (Anversa 1684- Roma 1763) – “Veduta della Chiesa della Salute con la Punta della Dogana”, 1750; Francesco Guardi (Venezia 1712-1793) – “Piazza San Marco verso San Geminiamo”, 1775-1780 ca; Canaletto (Venezia 1697 – 1768) – “Capriccio con chiesa gotica e laguna”, 1720-1721 ca. La mostra è organizzata da Banca Intesa Sanpaolo.

Da ultimo presentiamo l’ormai tradizionale Notte Bianca dell’Istituto Italiano di Cultura, ricca di eventi ed emozioni. Inizierà alle ore 20.00 del 22 giugno con l’inaugurazione della mostra “Un Caravaggio di campagna” di Virgilio Forni, appartenente alla Fondazione Sartirana Arte di Pavia. Si tratta di una collezione di oli su tela e cartoni rappresentanti nature morte, frutti e verdure, cacciagione, ecc. Le opere, databili tra gli anni trenta e settanta del secolo scorso, sono il frutto della passione per la pittura di Virgilio Forni un singolare artista, amico dei maggiori autori dell’epoca e da essi stimato.

Alle 20.30, è in programma un concerto del gruppo Aranira, il quale ricrea le atmosfere tipiche della musica popolare dell’Italia centro-meridionale con l’uso degli strumenti più caratteristici di questo linguaggio (l’organetto ed il tamburello). Il repertorio del gruppo spazia per tutta l’area del centro-sud richiamando le musiche popolari più interessanti, quali pizzica, tarantella, tammurriata, ecc. Seguirà, alle 22.00, la proiezione di un film, commedia all’italiana, nel giardino dell’Istituto e la serata si concluderà con la Mezzanotte di Cuoco, vale a dire spaghettata per tutti.

A tutti i nostri connazionali e agli amici dell’Italia auguriamo una buona Festa della Repubblica e li invitiamo a partecipare alle manifestazioni culturali dell’Istituto Italiano di Cultura.

NO COMMENTS