Victor Ponta ha lanciato l’agenda politica della Piattaforma Pro Romania: In autunno nominiamo il candidato per le elezioni presidenziali. E’ qui presente in sala, ma non sono io

0
34

L’ex Premier Victor Ponta ha lanciato l’agenda della Piattaforma Pro Romania, annunciando che in autunno verrà organizzato un Congresso, dove verrà nominato il candidato per le elezioni presidenziali del 2019, candidato “che è oggi presente in sala” .

L’ex Premier ha annunciato che il partito Pro Romania presenterà una richiesta per la costituzione di un gruppo parlamentare, attualmente costituito da 11 deputati.

Accanto a Victor Ponta, insieme agli altri due co-fondatori della Piattaforma Pro Romania, Daniel Constantin e Sorin Campeanu, sono saliti sul palco altri personaggi politici co-optati nel nuovo partito. Si tratta dell’ex ministro delle Finanze, Ioana Petrescu, Nicolae Banicioiu, l’ex ministro delle comunicazioni nel Governo Grindeanu, Augustin Jianu, Emilia Meirosu, Gabriela Podasca, Mircea Dobre, Mihai Sturzu, Catalin Nechifor e Alin Vacaru, quest’ultimo in qualità di segretario generale del partito Pro Romania.

Ecaterina Andronescu, presente all’evento: non intendo lasciare il PSD

All’evento organizzato in occasione del lancio dell’agenda politica della piattaforma Pro Romania, ha partecipato anche Ecaterina Andronescu, sulla quale è stato detto che potrebbe dimettersi dal PSD per unirsi al partito di Ponta, in modo che ulteriormente diventasse il candidato nelle elezioni presidenziali da parte del nuovo partito politico.

La presenza di Ecaterina Andonescu al lancio dell’agenda politica 2018-2024 del partito di  Victor Ponta arriva nel contesto in cui diversi membri del PSD si sono dimessi dal partito e si sono uniti a Pro Romania.

“Può esserci (n.r. – Ecaterina Andronescu il candidato per le elezioni presidenziali). Non ne abbiamo discusso direttamente e non posso dire nulla. Dirò solo che se ci sono due candidati molto forti che rappresentano la destra, Signor Iohannis e Signor Tariceanu, ed è obbligatorio avere un candidato forte anche nel centro, centro-sinistra e se il PSD non ha candidato, abbiamo noi un candidato che il PSD ama. È uno dei candidati che noi sosteniamo di tutto il cuore “, ha detto Victor Ponta.

Il fondatore Pro Romania, Victor Ponta, ha dichiarato che la Andronescu è venuta perché è stata invitata.

”L’ho invitata e sto parlando in questo momento con molti dei miei ex colleghi del PSD. Ho parlato molto chiaro con loro: Pro Romania è di centro sinistra, porta vanti le politiche degli anni passati. Se si tratta della questione di un’alleanza politica, penso che la cosa più naturale sia con il PSD, ma sicuramente senza il signor Dragnea e il suo team che quando hanno ragione, li sosteniamo, quando no, li critichiamo “, ha dichiarato Ponta.

“Ad ottobre-novembre, organizzeremo un congresso, non solo per scegliere le cariche, ma per impostare tutte queste politiche. Vogliamo nominare i candidati per il Parlamento europeo tra quelli che parlano romeno e inglese bene. Vogliamo nominare un candidato per le elezioni presidenziali, perche’ in questo momento ci sono già due candidati. Entrambi, importanti. Il signor Iohannis e il signor Tariceanu. Nella zona di centro, centro-sinistra non c’è un candidato. Noi vogliamo proporre un candidato, che è anche qui, oggi, in sala, ma non sono io”, ha detto Victor Ponta.

Ecaterina Andronescu ha dichiarato lunedì che non intende lasciare il PSD, anche se ci sono alcune cose che non le piacciono. Le dichiarazioni arrivano nel consteso in cui l’ex ministro della Pubblica Istruzione ha partecipato al lancio dell’agenda politica del partito Pro Romania di Victor Ponta.

“Non intendo lasciare il PSD, ma non posso dire che mi dà soddisfazione il modo in cui stanno succedendo le cose ultimamente. Per il momento non è un problema per me (n.r – lasciare il PSD). (…)Mi preoccupa il fatto che il partito è guidato in maniera diversa. Non dev’essere una sola persona a prendere tutte le decisioni e questo mi preoccupa”, ha detto Ecaterina Andronescu a Romania Tv.

NO COMMENTS