Dancila ha scritto al Presidente della CE per chiedergli chiarimenti in merito alle richieste relative alla situazione di alcuni casi di corruzione

0
205

In seguito alla pubblicazione nello spazio pubblico di informazioni relative a un documento ufficiale inviato al Governo dalla Commissione Europea nel 2012, in cui venivano chieste informazioni sulla situazione giuridica e sulla creazione di fasi procedurali nei casi di presunta corruzione ai vertici, la Premier Viorica Dancila ha inviato una lettera al presidente della CE, Jean-Claude Juncker per chiedere chiarimenti su questo tema.

“Come primo ministro del Governo Romeno, ho la responsabilità di ricorrere a tutte le leve legali e morali per la protezione e la promozione della Romania come stato democratico in cui funziona la separazione dei poteri nello stato, l’indipendenza della giustizia, ed in cui vengono garantiti i diritti e le libertà fondamentali del cittadino. Per questi motivi e in considerazione delle nostre convinzioni comuni, mi rivolgo a Lei, signor Presidente, su un argomento che preoccupa l’opinione pubblica in Romania. Faccio riferimento ad una lettera indirizzata alla Commissione Europea, il 10 ottobre 2012, inviata al Ministro della Giustizia di allora, la signora Mona Pivniceru, che contiene 21 richieste indirizzate dall’istituzione europea al Governo romeno relativamente al Meccanismo di Cooperazione e Verifica (MCV). Ci sono anche richieste dirette e concrete, su alcune cause penali e su certe persone indagate per reati di corruzione e abuso d’ufficio, rispettivamente George Becali, Adrian Nastase, Serban Alexandru Bradisteanu, George Copos, Tudor Alexandru Chiuariu, Ion Dumitru, Decebal Traian Remes, Catalin Voicu, Dan Voiculescu”, si dichiara nella lettera della premier romena.

“Visto il rapporto di partenariato costruito dalla Romania con l’Unione Europea, rapporto fondato sulla trasparenza e sulla fiducia, La prego, signor Presidente, di chiarire gli aspetti di fatto e giuridici relativi al documento in questione. È essenziale per la nostra collaborazione istituzionale e per il rafforzamento del funzionamento della giustizia in Romania, chiarire se il documento attribuito alla Commissione europea è autentico, se è l’unico documento di questo tipo in grado di interferire con il funzionamento della giustizia e con la separazione dei poteri nello stato. Sono convinta che a breve, attraverso il vostro coinvolgimento diretto, avremo la possibilità di capire le ragioni, i motivi e i criteri che sono stati alla base della stesura da parte dei rappresentanti della Commissione europea di questo elenco nominale, la modalità in cui le informazioni richieste e ottenute da parte dell’Istituzione europea hanno contribuito all’analisi e alla valutazione dei progressi registrati dalla Romania nell’ambito del Meccanismo di Cooperazione e Verifica”, si dichiara inoltre nella lettera inviata dalla Dancila a Juncker.

“Credo siano necessari urgenti chiarimenti, Presidente Juncker, specialmente da quando, su mia richiesta, il ministro della giustizia Tudorel Toader mi ha informato che l’invio di tali richieste imperative alle autorità romene da parte della Commissione Europea è stata una pratica ripetuta. Sono convinta che la vostra risposta includerà dettagli rilevanti e utili, che ci permetteranno di ottenere risultati importanti nell’ambito del MCV, basati sui valori del rispetto della democrazia, dello stato di diritto, dei diritti e delle libertà fondamentali del cittadino, in una società caratterizzata dalla mancanza di qualsiasi discriminazione, dalla giustizia, dalla verità e dalla parità dei diritti”, si legge nel documento firmato dal capo dell’Esecutivo di Bucarest. Dancila ha colto l’occasione per sottolineare che “è necessario togliere il Meccanismo di Cooperazione e Verifica, per eliminare qualsiasi dubbio e per non pregiudicare la credibilità del nostro partenariato”.

Iohannis: Ho pregato il presidente Juncker di trattare con la massima serietà la lettera ricevuta dal premier

Il presidente romeno, Klaus Iohannis, ha dichiarato, venerdi  a Bruxelles, di aver discusso col presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker, della lettera del premier di Bucarest, Viorica Dancila, sul tema dei fascicoli di corruzione al vertice. Il capo dello stato ha pure dichiarato di aver pregato il presidente Juncker di trattare con la massima serietà la lettera ricevuta dal premier, nel contesto delle preoccupazioni legittime dell’opinione pubblica romena.

NO COMMENTS