I sindacati edili romeni e italiani hanno siglato un accordo di collaborazione per la tutela dei lavoratori romeni

0
249

Le federazioni sindacali edili romeni e italiani, FGS Familia e Fillea CGIL, hanno siglato un accordo per la tutela ai lavoratori romeni nel settore edile si legge in un comunicato stampa pubblicato martedì.

“Il patto di collaborazione che abbiamo siglato oggi con il sindacato delle costruzioni romeno FGS Familia rappresenta un ulteriore strumento di tutela dei lavoratori edili, sia di quelli che sono in procinto di trasferirsi in Italia, sia di quelli che dopo aver lavorato in Italia vogliono tornare in Romania”, ha dichiarato il segretario generale di Fillea CGIL, Alessandro Genovesi.

Il presidente di FGS Familia, Gheorghe Bălăceanu, dichiara che “il settore edilizio in Romania è un settore vulnerabile con una forte carenza di manodopera, e i lavoratori migranti e distaccati sono anche loro vulnerabili, non conoscono i loro diritti e non sono informati su di loro “.

Per le organizzazioni firmatarie, contrastare il dumping e lo sfruttamento dei lavoratori edili romeni in Italia, che rappresenta la piu’ grande comunità di lavoratori stranieri, e provare a sostenere la sindacalizzazione dei lavoratori romeni, attraverso una rappresentanza più forte del movimento sindacale in Europa e nei due Paesi, rappresentano una priorità.

L’accordo di collaborazione prevede anche l’impegno delle due organizzazioni nella formazione dei sindacalisti in Romania, azioni congiunte in Romania per informare i lavoratori e gli attivisti sindacali, far conoscere la legislazione vigente in Italia e in Romania nel campo lavorativo, la sicurezza sul lavoro e la tutela dei diritti dei lavoratori, la lotta contro il lavoro in nero e contro tutte le forme di sfruttamento, nonché una serie di scambi informativi e organizzativi tra i sindacati firmatari.

NO COMMENTS