Agenda comune CCIB e Sistema Italia, per lo sviluppo delle relazioni economiche e commerciali bilaterali

0
191

Il Presidente della Camera di Commercio ed Industria del Municipio Bucarest (CCIB), Sorin Dimitriu, ha incontrato giovedì S.E. Marco Giungi, l’Ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica Italiana in Romania. L’alto diplomatico è stato accompagnato da rappresentanti dell’Ambasciata e di altre istituzioni che operano in Romania nell’ambito del Sistema Italia: Nicoletta Fioroni, primo segretario, capo dell’Ufficio Economico e commerciale dell’Ambasciata; Luca Gentile, Direttore dell’Agenzia Italiana per il Commercio Estero (ICE), che rappresenta il settore promozione commerciale dell’Ambasciata, Roberto Musneci, il Presidente della Camera di Commercio Italiana per la Romania, prof. Ezio Peraro, il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura; Giovanni Villabruna e Rocco Ferri, il Presidente e rispettivamente il Direttore Generale di Confindustria Romania. Da parte della CCIB, insieme al Prof. Univ. Dott. Ing. Sorin Dimitriu hanno partecipato: George Vodislav, Direttore Generale, Prof. Dott. Ing. Ion Hohan, il Presidente della Sezione Servizi, Pavel Pughin, il Presidente della Sezione Industria, Prof. Dott.Iing. Gheorghe Gheorghe, Presidente della Sezione Ricerca-Sviluppo-Innovazione e Ioan Sbera, Presidente della Sezione Membri Collettivi.

In apertura dell’incontro, il Prof. Univ. Dott. Ing. Sorin Dimitriu ha presentato l’attività della CCIB, organizzazione rappresentativa per l’ambiente d’affari della Capitale, con apertura e riconoscimento internazionale, ma anche la strategia di relazioni esterne della Camera di Bucarest. Riguardante lo sviluppo della collaborazione commerciale-economica tra i due Paesi, l’organizzazione a Bucarest della “Giornata delle opportunità di affari” nel primo semestro di quest’anno, seguita dalla “Settimana dei prodotti italiani in Romania”, sono passi efficaci per una migliore conoscenza reciproca e per l’individuazione delle opportunità di business. Inoltre, secondo il Presidente della CCIB, la collaborazione su progetti industriali su terzi-mercati, la collaborazione nel settore della ricerca, con accento sul settore aerospaziale, ma anche nel settore universitario rappresentano vantaggi per entrambi i Paesi.

Ricordando che la Repubblica Italiana è il secondo partner commerciale della Romania con un volume degli scambi commerciali bilaterali di oltre 14 miliardi euro nell’anno precedente, con il maggiore numero di aziende a capitale straniero registrate in Romania (oltre 45 mila), che non esiste settore economico senza una collaborazione tra i due Paesi, S.E. Marco Giungi ha fatto una presentazione del Sistema Italia, che riunisce partners della zona pubblica e privata, con lo scopo di sostenere le aziende italiane che operano all’estero, Romania inclusa, di promovere gli interessi di queste aziende e di lavorare con partners romeni per capitalizzare le opportunità di business e di investimenti nei due Paesi, ma anche su terzi mercati. In questo contesto, l’Ambasciatore della Repubblica Italiana ha aprezzato le proposte del Presidente della Camera di Bucarest, sottolineando la loro convergenza con le principali linee di attività del Sistema Italia e ha riconfermato la collaborazione da parte del team che lavora sotto l’autorità dell’Ambasciata.

Durante l’incontro, gli ospiti hanno sottolineato la disponibilità nella realizzazione di scambi di esperienza e promozione di buone pratiche in settori come: energia verde, superamento della crisi dei certificati verdi, gestione dei rifiuti, sistema di sanità, promozione di progetti culturali. Dal loro canto, i Presidenti delle sezioni della CCIB, partecipanti all’incontro hanno espresso il desiderio di stabilire contatti con le istituzioni italiane che operano sul territorio della Romania, e individuare potenziali partners italiani per l’ambiente d’affari di Bucarest.

Nel prossimo periodo, per la messa in pratica dei progetti su cui si sono concentrate le discussioni, il team della CCIB lavorerà con l’ICE e con la Camera di Commercio Italiana per la Romania per l’organizzazione della “Giornata delle opportunità di affari dedicata all’Italia” e della “Settimana dei prodotti italiani in Romania”, con i rappresentanti di Confindustria Romania nel settore della ricerca e per la partecipazione a progetti industriali su terzi mercati e con le autorità dell’Ambasciata nel settore aerospaziale.

Alla fine di ottobre 2017 (dati disponibili), Italia era il secondo partner commerciale della Romania dal punto di vista del volume degli scambi commerciali (12,2 miliardi euro) con un peso di 10,6% nel commercio romeno, rappresentando il secondo mercato di destinazione delle merci romene (5,9 miliardi euro e un peso di 11,2%) e il secondo Paese di origine dei prodotti importati (6,3 miliardi euro, con una quota di mercato di 10,1%). L’anno 2017 registrerà sicuramente un record al livello degli scambi commerciali romeno-italiani su tutti tre i livelli.

A dicembre 2017, secondo i dati dell’Ufficio Nazionale del Registro delle Imprese, in Romania erano registrate 45.542 società a capitale italiano (21,2% dal totale delle società straniere in Romania, il primo posto a questo indicatore), con un capitale investito di 2,4 miliardi euro, rappresentando il 5,43% dal capitale straniero sottoscritto nel nostro Paese, ciò che colloca la Repubblica Italiana sul sesto posto nella classifica dei Paesi che investono in Romania.

NO COMMENTS