Dragnea: Il congresso straordinario del PSD, il 10 o il 17 marzo

0
226

La convocazione del Congresso straordinario del PSD verrà fatta il 10 o il 17 marzo, ha dichiarato mercoledì, il leader del partito, Liviu Dragnea, in seguito alla seduta del Comitato Esecutivo Nazionale (CexN) del PSD, affermando che la location per questa riunione è ancora da definire.

“Riguardante il Congresso –il 10 o il 17 marzo, verrà individuata nei prossimi giorni una location per un Congresso serio in una delle due date”, ha affermato Dragnea.

Egli ha dichiarato che nel CexN del PSD e’ stata presa in discussione la possibilità di organizzare elezioni per i vicepresidenti.

“Io ho detto che sono d’accordo (con l’organizzazione di elezioni per vicepresidenti n.r), solo nel caso in cui modifichiamo la struttura del BPN e le competenze e la modalità di elezione dei vicepresidenti”, ha detto Dragnea.

Egli ha dichiarato mercoledì, prima della seduta del Comitato Esecutivo del PSD che vuole proporre la convocazione di un congresso straordinario, per ridefinire e rilanciare il programma governativo.

Dragnea ha menzionato che chiederà anche un voto di riconferma come Presidente del PSD.

Il Vicepresidente del PSD, Ecaterina Andronescu, ha dichiarato a sua volta in seguito alla seduta del CexN che esiste la possibilità di organizzare questo Congresso del PSD nell’Ardeal.

CexN del PSD ha deciso di sostituire 27 segretari di stato

Liviu Dragnea ha dichiarato mercoledì sera, in seguito alla seduta del CexN che ha deciso di sostituire 27 segretari di stato, in seguito alla valutazione della loro attività.

“Abbiamo completato la valutazione dei segretari di stato. Sono 27 segretari di stato che verranno sostituiti, su un totale di 96. Ci sono ancora 2-3 casi in cui ci saranno delle discussioni nei prossimi giorni”, ha dichiarato Dragnea.

Alla domanda sul perchè ha deciso la sostituzione, Dragnea ha risposto: “Per più ragioni. E’ possibile che in 2-3 casi si verifichino delle dimissioni, ma il Premier dovrebbe finalizzare i colloqui con i ministri”.

Dancila: Non abbiamo discusso su cambiamenti puntuali dei segretari di stato

Il Premier Viorica Dancila ha dichiarato mercoledì, che nella seduta del CexN del PSD ha fatto una valutazione dei segretari di stato, ma non si è discusso su cambiamenti puntuali di questi segretari, sottolineando che controllerà ogni settimana l’attività dei ministri.

“Abbiamo visto i posti vacanti, è stata fatta una valutazione dei ministri-segretari di stato. Per il momento non abbiamo preso in discussione dei cambiamenti puntuali. Abbiamo visto la situazione al livello di ogni singolo ministero, abbiamo ministeri dove c’è bisogno di segretari di stato, perchè ci sono posti vacanti”, ha dichiarato Viorica Dancila. Il Premier ha affermato che non conosce il numero dei segretari di stato che dovrebbero essere sostituiti.

“Non posso dire un numero, perchè non ho fatto una valutazione concreta. (…) La proposta per la nomina del segretario di stato arriva da parte del rispettivo ministro. Il Premier accetta oppure no, in base alla discussione con il rispettivo ministro”, ha sottolineato Dancila.

Il Premier ha detto che non può ancora valutare l’attività dei ministri.

“Si deve fare una valutazione a livello ogni singolo ministro. Non sono stata in grado. Son passate appena due settimane. E’ stato il periodo in cui ho valutato il luogo di origine. Ognuno ha stabilito un termine di risoluzione dei problemi nel programma governativo. Ho fatto un grafico puntuale per ogni ministero con il periodo in cui rientra nel programma governativo. E’ stata una tappa organizzativa. Adesso è iniziato il lavoro propriamente detto. D’ora in poi possiamo dire che abbiamo iniziato e possiamo valutare l’attività di ogni singola persona in base a principi corretti”, ha ribadito il Premier.

Dancila ha dichiarato inoltre che la valutazione dei ministri verrà fatta ogni settimana.

“Io come primo ministro, voglio fare la valutazione ogni settimana per capire la situazione per ogni misura a breve termine. Ritengo sia normale controllare l’attività dei ministri dal punto di vista del programma governativo. Poi faremo anche un’attività presso il partito, un’attività presso la coalizione governativa, così com’è normale, in base al programma governativo”, ha sottolineato Viorica Dancila.

NO COMMENTS