Incontro Melescanu-Ulianovschi a Bucarest: la Romania riafferma l’obiettivo di sostenere la Repubblica Moldova nel processo di integrazione europea

0
200

L’obiettivo strategico della Romania nelle relazioni con la Repubblica Moldova resta l’integrazione europea dello stato vicino, questa essendo “l’unica opzione che può portare  prosperità, sicurezza e libertà ai cittadini indifferentemente dall’età, dall’appartenenza, dalla lingua parlata o dalla confessione religiosa” ha dichiarato martedì il Ministro romeno degli Esteri, Teodor Meleşcanu, durante una dichiarazione stampa insieme al suo omologo moldavo, Tudor Ulianovschi.

“La relazione con la Repubblica Moldova resta una relazione prioritaria, di prim’ordine per la Romania, per tutta la classe politica e per la nostra società, soprattutto perchè quest’anno celebriamo il Centenario”, ha affermato il capo della diplomazia romena.

Egli ha sottolineato che “la stabilità e la prosperità della Repubblica Moldova sono essenziali per la Romania”, e l’integrazione europea è “l’unica opzione” per avere accesso a questi elementi.

Melescanu ha dichiarato di aver preso in discussione insieme al suo omologo anche il rafforzamento della presenza degli investitori romeni nella Repubblica Moldova e le prospettive di interconnessione energetica.

“Ribadisco la piena disponibilità della Romania nel sostenere gli obiettivi proposti dalla Repubblica Moldova sulla sua agenda europea attraverso dialogo politico e programmi di assistenza”, ha dichiarato Meleşcanu.

Il capo della diplomazia romena ha parlato anche dell’iniziativa delle autorità di alcune località moldave di raccogliere delle firme per l’unione con la Romania, atto di cui il Presidente moldavo Igor Dodon ha affermato che potrebbe dare inizio ad una “guerra civile”.

“Per quanto riguarda i rapporti tra la Romania e la Repubblica Moldova, il nostro obiettivo principale è quello di unire gli sforzi per assicurare il percorso europeo della Repubblica Moldova. Le dichiarazioni a livello locale relative all’unione con la Romania, dal nostro punto di vista rappresentano solo l’espressione del desiderio dei cittadini della Repubblica Moldova di avvicinarsi a quelli romeni, senza alcuna implicazione dal punto di vista legale. Da questo punto di vista penso che i riferimenti alla guerra civile siano completamente errati e sproporzionati”, ha affermato Meleşcanu.

Da parte sua, il Ministro degli Affari Esteri e dell’Integrazione Europea, Tudor Ulianovschi, ha apprezzato gli sforzi della Romania nella “missione di rafforzamento della sovranità della Repubblica Moldova”.

“Apprezziamo molto l’atteggiamento della Romania sia a livello governativo che a livello della società in genere”, ha affermato Ulianovschi e ha sottolineato che “questo atteggiamento resta invariato e non viene promosso in base a determinati fattori di congiuntura”.

Ulianovschi ha dichiarato che nel futuro verrà organizzata una nuova riunione tra il governo romeno e quello moldavo “come uno strumento strategico di questa collaborazione”.

Inoltre, egli ha sottolineato che la Romania è “il principale partner commerciale della Repubblica Moldova”. “Vogliamo che gli investimenti romeni nell’economia della Repubblica Moldova aumentino in maniera considerevole”, ha affermato il Ministro moldavo degli Esteri.

Ulianovschi ha affermato che “l’orientamento europeo della Repubblica Moldova resta un obiettivo prioritario fondamentale invariato” della politica interna ed esterna del suo Paese, perchè “esprime al meglio le aspirazioni della società ed i valori condivisi”.

Ulianovschi ha parlato anche delle riforme “concrete e evidenti” nel settore della giustizia della Repubblica Moldova ed ha menzionato i meccanismi di controllo dell’integrità dei giudici.

Inoltre, l’autorità moldova ha parlato anche dell’obiettivo di integrazione europea del suo Paese. “Viene registrata un’iniziativa di introdurre nella Costituzione della Repubblica Moldova l’obiettivo ed il desiderio di integrazione europea, per rafforzare questa priorità”, ha dichiarato Ulianovschi.

NO COMMENTS