La commissaria europea alla Politica Regionale, Corina Cretu: La Romania ha compiuto progressi negli ultimi mesi, arrivando ad un tasso di assorbimento di un miliardo di euro, ma il ritmo non deve rallentare

0
189

All’incontro di Bucarest con il neo premier romeno, Viorica Dancila, la commissaria europea alla Politica Regionale, Corina Cretu, ha dichiarato martedi che la Romania ha compiuto progressi negli ultimi mesi, arrivando ad un tasso di assorbimento di un miliardo di euro, ma ha affermato che il ritmo non deve rallentare. La commissaria ha ammonito che, se quest’anno non compie sforzi, la Romania perderà fondi europei importanti. Tuttavia, l’esponente europea ha espresso la fiducia che il nuovo Esecutivo di Bucarest verrà con le migliori soluzioni per accelerare l’implementazione.

Corina Cretu ha affermato che ci sono ritardi, specialmente per quanto riguarda lo sviluppo regionale, ma anche per i trasporti e la costruzione dei tre ospedali regionali, ma fino alla fine del mese di febbraio saranno trovate soluzioni per velocizzare il processo di attuazione dei progetti.

La commissaria europea ha affermato che la Romania ha registrato progressi l`anno scorso, recuperando i ritardi specialmente negli ultimi mesi, giungendo ad un tasso di assorbimento di un miliardo di euro dopo esser partita da zero, ma rischia di perdere altri miliardi di euro.

„Ho detto alla signora premier che quest`anno, se non si fanno sforzi sostanziali, la Romania rischia di perdere fondi importanti, inutilizzati negli ultimi anni, a dispetto dei progressi dell`ultimo anno. Ci sono ancora zone con ritardi, che spero non costeranno la Romania. Prima di tutto ci sono problemi con lo sviluppo regionale, parliamo del rischio di disimpegni nel 2018 di miliardi di euro, e anche per i trasporti e gli ospedali regionali ci sono ritardi”, ha dichiarato martedi la commissaria europea Corina Cretu, alla fine di un incontro con il premier Viorica Dancila.

Corina Cretu si è detta fiduciosa nel nuovo governo e con la speranza che tiene conto di questi problemi e ha aggiunto che fino alla fine di febbraio saranno trovate soluzioni in questo senso

„Ho tutta la fiducia nel nuovo governo, che prenderà in considerazione qursti problemi pendenti e spero che troverà le migliori soluzioni per accelerare l`attuazione. Abbiamo convenuto di trovare un piano di azione e ricevere proposte per accelerare I fondi europei sino al 23 febbraio”, ha detto la commissaria europea.

Da parte sua, il premier Viorica Dăncilă ha riconosciuto che ci sono ritardi per la costruzione della linea metropolitana M6 Stazione Nord – Otopeni e per la costruzione dei tre ospedali regionali a Cluj, Iasi e Craiova, ma entro il mese analizzarà coi ministri responsabili quanto incidono simili ritardi sulla Romania.

„Ho constatato che se i progetti per l`autostrada Sebes-Turda e il rinnovamento delle ferovie I lavori sono nei tempi previsti, ma purtroppo per l` Campia Turzii – Targu Mures e la costruzione della linea metropolitana M6 Stazione Nord – Otopeni e dei tre ospedali regionali a Cluj, Iasi e Craiova ci sono ritardi. Entro il mese mese analizzarà coi ministri responsabili la portata di questi ritardi e troveremo soluzioni per discuterle poi con lei. Ho chiesto al ministro per gli affari europei di presentarmi un prospetto con tutte le direttive europee che non sono state attuate o lo stato della loro attuazione”, ha detto Viorica Dancila.

Corina Cretu: Ho invitato la Romania di fare domanda per i fondi europei per rimettere in piedi una delle zono più povere, la Valle dello Jiu

La commisaria europea per la Politica regionale, Corina Cretu, Ha detto a Bucarest che ci sono regioni della Romania che hanno perduto o rischiano di perdere la loro produzione carboniera, chiedendo alle autorità del paese di domandare fondi europei per rimettere in piedi una delle zone più povere, la Valle dello Jiu.

„Ho informato la signora premier sull`azione che riguarda le regioni che hanno perduto o che rischiano di perdere la loro produzione carboniera e, in questo momento, ho invitato la romania a fare ddomanda per i nostri fondi destinati a rimettere in piedi una della zone più povere della Romania, la Valle dello Jiu. Credo sia un`iniziativa importante questo progetto pilota. Ho convenuto con la signora Dancila che mandi una richiesta in questo senso”, ha dichiarato Corina Cretu alla fine di un`incontro col premier Viorica Dancila.

Corina Cretu ha sottolineato che alla Commissione Europea esiste appoggio per aiutare la Romania.

Inoltre, la commissaria europea ha mostrato che il nostro paese ha beneficiato moltissimo dei fondi europei: più 60 % degli investimenti degli ultimi dieci anni sono stati realizzati con fondi europei. „La Romania ha beneficiato tantissimo dai fondi europei, è un beneficiario netto, più 60 % degli investimenti degli ultimi dieci anni sono stati realizzati con fondi europei.”, ha detto la commissaria europea.

Dancila: Vorrei moltissimo aumentare la portata europea del governo

Dal canto suo, Viorica Dăncilă ha dichiarato che ha chiesto a tutti i ministeri implicati nel processo di assorbimento dei fondi europei di presentare entro due settimane le soluzioni individuate affinchè, fino alla fine dell’anno, la Romania non perda nessun euro. Allo stesso tempo, il nuovo premier ha ammesso che si sono registrati ritardi nella costruzione di tre ospedali regionali, di una linea della metropolitana di Bucarest e dell’autostrada Campia Turzii-Targu Mures (centro).

Dancila ha aggiunto alla fine del incontro con la commissaria europea per la Politica Regionale, Corina Cretu, che vuole „aumentare la portata europea” del governo.

Il nuovo premier romeno ha precisato che, per il 2018, la somma complessiva che la Romania deve richiedere per i rimborsi per non rischiare il disimpegno è di 1,73 miliardi di euro, aggiungendo che ha chiesto ai ministeri responsabili di presentare nelle prossime due settimane soluzioni affinché la Romania non perda i fondi europei.

Il premier ha fatto una rassegna delle somme richieste alla Commissione Europea.

„Nel 2017 abbiamo dovuto soddisfare 34 condizionalità e abbiamo riuscito la conclusione del riconoscimento delle autorità di gestione in agosto. Oggi, il bilancio totale per le gare avviate è di 21,7 miliardi di euro, che rappresenta 79 la sută dell`assegnazione. Nel 2017 sono stati richiesti alla Commissione Europea 1,24 miliardi di euro, mentre nel 2016 non c`è stata nessuna richiesta per il quadro finanziario 2014-2020. I romborsi efettuati dalla Commisiione Europea nel 2017 sono stati di pari a 1,09 miliardi di euro”, ha dichiarato Viorica Dancila.

Lei ha precisato che, per il 20118, la somma complessiva che la romania deve chiedere per evitare il rischio di disimpegno è pari a 1,73 miliardi di euro.

„Ho chiesto ai ministeri coinvolti che in due settimane mi presentino le soluzioni trovate, affinché il 31 dicembre 2018 la Romania non perda nessun euro”, ha aggiunto Viorica Dancila.

NO COMMENTS