Il rapporto della CEDU per il 2017 : Presso la Corte sono stati registrati 9.900 casi di mancato rispetto dei diritti umani in Romania

0
162

La Romania occupa il primo posto in materia di denunce inoltrate dai cittadini contro lo Stato alla Corte Europea per i Diritti Umani, la maggior parte a causa delle condizioni di reclusione, in particolare il sovraffollamento. Il rapporto della CEDU per il 2017 indica che presso la Corte sono stati registrati 9.900 casi di mancato rispetto dei diritti umani in Romania. La CEDU ha dato ragione ai querelanti in 20 casi. Il presidente della Corte, Guido Raimondi, ha precisato in una conferenza stampa, di aver incontrato la scorsa settimana il ministro della Giustizia romeno, Tudorel Toader, il quale gli ha presentato un piano di misure per risolvere, entro il 2024, i problemi del sistema penitenziario. Secondo il rapporto CEDU, lo stato romeno è stato dichiarato colpevole anche anche dell’inosservanza del diritto a un processo equo in 11 casi, durata troppo lunga delle procedure giudiziarie in 6 casi, e violazione del diritto alla proprietà in altri 5 casi.

NO COMMENTS