Il fondatore della Ivan Bergh floral school italiana, presente alla prima edizione della Coppa della Romania di Arte Floreale

0
40

All’inizio del mese di novembre, la più nota località turistica di Valea Prahovei, Sinaia, ha ospitato la prima edizione della Coppa della Romania di Arte Floreale. La competizione, che si è svolta secondo le regole internazionali, è stata una vera esplosione di bellezza e colori, grazie a composizioni simili a vere e proprie opere d’arte. Bisogna tuttavia menzionare come, per la preparazione di questo concorso, gli organizzatori dell’evento – l’Associazione degli imprenditori del settore floreale della Romania – abbiano voluto offrire al pubblico presente a Sinaia anche il piacere di “rubare il mestiere” al fondatore della Ivan Bergh floral school italiana. Per la prima volta in Romania, fiorai talentuosi e appassionati a questo lavoro hanno avuto l’occasione di valutare le loro reali capacità. E questo è stato possibile grazie all’organizzazione, a Prahova, all’inizio del mese di novembre, della Coppa della Romania di Arte Floreale. La manifestazione è stata organizzata dall’Associazione degli imprenditori del settore floreale della Romania e ha avuto lo scopo di promuovere i valori dell’arte floreale romena e i maggiori rappresentanti europei in quest’ambito. Così, alla sua prima edizione, il concorso si è svolto secondo le regole internazionali applicate in tutte le competizioni che si svolgono dei paesi europei con tradizione floreale. E questo è stato evidente anche osservando i valutatori delle composizioni floreali dei concorrenti, visto che il presidente della giuria è stato il greco Marios Vallianos, con la sua ricca esperienza di organizzazione e arbitraggio dei maggiori concorsi floreali del mondo, e anche in qualità di inventore del sistema “dei 100 punti”, in base al quale giudicare nei concorsi organizzati e voluti dall’International Florist Organisatione, organizzazione che mette insieme più di 20 paesi del mondo. Accanto a Vallianos, la giuria è stata costituita da Pirjo Koppi, dalla Finlandia, vincitore del III posto nella Coppa Europea di Genova 2016, e che ha all’attivo partecipazioni a concorsi e dimostrazioni in tutto il mondo, insieme anche a Nicu Bocancea, fiorista romeno con grande esperienza e fama internazionale.

Il concorso è stato costituito da tre prove, e il tema di una delle tre è stato ispirato al più importante simbolo di Sinaia, il Castello di Peles. Concretamente, la prima prova del concorso è stata la realizzazione di una composizione floreale per una cena al Castello menzionato, la seconda prova – un bouquet con tematica hollywoodiana, vale a dire un bouquet offerto da un extraterrestre a una terrestre, e nell’ultima prova la sfida per i concorrenti è stata realizzare un’opera composta da fiori e dai materiali messi a disposizione dagli organizzatori. E nelle tre prove, i concorrenti, otto fiorai di grande esperienza – provenienti da Bucarest, Galati, Sinaia, Craiova, Iasi, Piatra Neamt, Bistrita e Cluj –, hanno realizzato vere opere d’arte di fiori, e il primo premio è stato vinto dalla concorrente di Piatra Neamt, Alina Balanescu.

È tuttavia da menzionare come Ivan Bergh, il fondatore della celebre scuola di fiori italiana che porta il suo nome, prima e dopo l’evento a Sinaia, sia stato accanto ai partecipanti. In concreto, con l’intento di aiutare quanti abbiano una passione per la composizione floreale ad alto livello, l’Associazione degli imprenditori del settore floreale della Romania ha organizzato quest’autunno un Corso di tecniche di base per la composizione floreale moderna, in cui Ivan Bergh è stato docente.

Con un Curriculum Vitae impressionante, già considerando solo il riconoscimento europeo di cui la sua scuola floreale gode, le sue lezioni e dimostrazioni nel modellare i fiori sono state assai apprezzate. E anche i partecipanti al corso sono rimasti affascinati dalle sue capacità, comprendendo come nulla si utilizzi a caso, come per ogni tipo di fiore si applichi una tecnica differente di composizione, che nell’arte floreale esistono solo 12 colori da mettere insieme in base a regole strette, che 3-5-8 non sono cifre casuali e che l’arte floreale e la matematica sono strettamente legate.

Ma, affinché il corso avesse uno scopo preciso, Ivan Bergh ha voluto essere presente anche alla prima edizione della Coppa della Romania di Arte Floreale, organizzata a Sinaia. D’altra parte, un giorno prima della competizione vera e propria, tenutasi il primo novembre, questi ha raccontato ai partecipanti della “educazione in ambito floreale”, come anche degli standard internazionali e del certificato Europeo di arte floreale.

NO COMMENTS