Discussione telefonica Iohannis-Poroshenko in merito alla Legge sull’Istruzione in Ucraina

0
65

Il Presidente Klaus Iohannis mercoledì ha avuto una conversazione con il Presidente dell’Ucraina, Petro Poroshenko, su richiesta di quest’ultimo e in merito alla Legge sull’Istruzione recentemente adottata a Kiev, durante la quale il capo dello Stato ucraino ha trasmesso l’impegno fermo delle autorità ucraine a trovare una soluzione al problema creato dall’adozione della legge, affinché i diritti delle persone appartenenti alla minoranza romena, all’insegnamento in lingua materna non siano pregiudicati. Iohannis ha dichiarato che la visita programmata in Ucraina avrà luogo “dopo un’adeguata risoluzione dei problemi creati dall’atto normativo”.

“Il Presidente della Romania, il signor Klaus Iohannis, mercoledì 18 ottobre a.c., ha avuto una conversazione telefonica con il Presidente dell’Ucraina, il signor Petro Poroshenko, su richiesta di quest’ultimo. Il principale argomento di discussione ha riguardato la Legge sull’Istruzione recentemente adottata in Ucraina”, ha precisato l’Amministrazione Presidenziale in un comunicato stampa.

Secondo la fonte citata, il Presidente della Romania ha espresso “in termini fermi” l’insoddisfazione nei confronti dell’adozione della Legge, che produrrà effetti negativi sul diritto all’insegnamento in lingua materna degli appartenenti alle minoranze dell’Ucraina, compresa quella romena. Il Presidente Klaus Iohannis ha sottolineato come, prima di quest’evento, sarebbe stata opportuna una rigorosa consultazione dei rappresentanti delle minoranze nazionali presenti in Ucraina e con gli stati vicini con cui quest’ultima è imparentata.

Allo stesso modo, il Presidente della Romania ha ribadito la posizione della parte romena in merito al fatto che l’Articolo 7 della Legge, così com’è formulato attualmente, diminuisce in modo significativo i diritti delle persone appartenenti alla minoranza romena rispetto alla garanzia di ricevere un’istruzione in lingua materna.

Klaus Iohannis ha richiesto al Presidente Petro Poroshenko che l’Ucraina rispetti gli impegni presi costantemente con la parte romena in materia di rispetto nelle norme e degli standard internazionali rilevanti nella protezione dei diritti di quanti appartengano alle minoranze nazionali. Il Presidente della Romania ha inoltre rilevato sia importante che il livello e la qualità dell’istruzione in lingua romena non siano pregiudicati dalle nuove norme ed ha sottolineato come l’istruzione nella lingua ufficiale dello stato in cui vivono le minoranze non possa essere realizzata a scapito della lingua materna di quelle minoranze.

Il Presidente Iohannis ha colto quest’occasione anche per ribadire il costante sostegno della Romania a favore del percorso europeo dell’Ucraina e dell’integrità territoriale di questo paese, si legge ancora nel comunicato.

In base alla fonte citata, “il Presidente dell’Ucraina ha mostrato di comprendere appieno le preoccupazioni della parte romena ed ha trasmesso l’impegno fermo delle autorità ucraine a trovare una soluzione al problema creato dall’adozione della legge, affinché i diritti delle persone appartenenti alla minoranza romena, all’insegnamento in lingua materna non siano pregiudicati”. Allo stesso modo, il Presidente ucraino ha assicurato che l’Opinione della Commissione di Venezia in merito alla Legge sull’Istruzione, recentemente sollecitato dall’Ucraina, sarà rispettata.

“Il Presidente Petro Poroshenko ha rinnovato, in questo senso, l’invito rivolto al Presidente Klaus Iohannis di recarsi in visita ufficiale in Ucraina. Il Presidente romeno ha messo in evidenza che questa visita, che avrebbe dovuto tenersi nel mese di ottobre e che è stata rimandata dalla parte romena a causa della situazione creata dall’adozione della Legge sull’Istruzione, avrà luogo dopo un’adeguata risoluzione dei problemi creati dall’atto normativo menzionato”, specifica l’Amministrazione Presidenziale.

NO COMMENTS