Dragnea, una domanda ai procuratori: perché non investigano i casi in cui lo Stato romeno paga milioni di euro a compagnie private per lavori non realizzati?

0
261

Il leader del PSD mette a disposizione dei documenti in base ai quali la compagnia italiana ASTALDI SPA intima a CFR SA di pagare la somma di 71,5 milioni di euro

Il leader del Partito Social Democratico (PSD), Liviu Dragnea, venerdì a Sucevita, ha dichiarato che la Romania perde centinaia di migliaia di euro a causa di compagnie di stato obbligate a pagare aziende private per lavori non eseguiti, e ha sostenuto che i procuratori, invece di occuparsi di casi del genere, portano avanti indagini sulla legalità di alcune decisioni del governo e dei ministri, facendo così riferimento al caso Belina.

Egli ha affermato che CFR SA dovrebbe pagare 142 milioni di euro “come rivendicazione” a delle compagnie private, ed ha offerto ai giornalisti le copie di alcuni documenti a sostegno delle proprie affermazioni.

In base ad alcuni dei documenti messi a disposizione da Dragnea, la compagnia italiana ASTALDI SPA richiede a CFR SA il pagamento di 71,5 milioni di euro.

“A mio parere, credo che i procuratori, tra le due o tre decisioni di governo che investigano, e che sono anche legali, dovrebbero forse occuparsi di indagare anche il motivo per cui lo Stato romeno, tramite diverse compagnie di stato, debba pagare ad alcune aziende private, generalmente straniere, centinaia di milioni di euro. E in base ad alcune sentenze, dovrebbero vedere come riusciamo in Romania a non fare lavori sulle autostrade o per le ferrovie, ma li paghiamo ugualmente. E questa non è una situazione nata ieri, ma accumulata in anni. Avrete tutte le informazioni solo per CFR SA”, ha dichiarato Dragnea.

A suo parere, il Governo dovrebbe notificare la situazione ai procuratori competenti.

“In via teorica, il Governo dovrebbe inviare queste informazioni ai procuratori, perché non è normale quello che succede. Non mi permetto di commentare il giudizio dei tribunali quando hanno deliberato una cosa del genere, ma forse sarebbe necessaria un’analisi ben più seria, perché lo Stato romeno perde centinaia di milioni di euro”, ha aggiunto Liviu Dragnea.

Egli ha affermato che questi soldi si danno “per ogni sorta di rivendicazioni, non è una situazione unitaria”.

“A mio avviso, ascoltando molti colleghi, esiste la complicità di alcuni all’interno delle compagnie in questione. Sono claim. Esiste da anni una specializzazione in claim, in Romania. Non facciamo i lavori ma troviamo una virgola nel contratto, messa lì magari di comune accordo da chi ha redatto contratto o il capitolato e chiediamo soldi, ma i lavori non li facciamo. Si tratta di lavori d’infrastruttura”, ha precisato Dragnea.

NO COMMENTS