Le composizioni di Francesco da Milano e Giovanni Zamboni incluse nel Tour Nazionale “Musica nei Palazzi della Romania”

0
123

All’inizio di agosto, cinque spazi della Romania ricchi di storia – castelli e palazzi – saranno legati tra loro in modo speciale, contenuti all’interno della nuova edizione del tour nazionale “Musica nei Palazzi della Romania”. Il Protagonista dell’evento – Nicolae Szekely –, vincitore del primo posto al Festival Nazionale di Chitarra Classica di Sinaia del 1987, porterà sotto gli occhi del pubblico rarissimi accordi musicali, grazie agli strumenti che suonerà. E l’unicità dello spettacolo sarà confermata anche dal repertorio scelto, brani di compositori che hanno vissuto e composto centinaia di anni fa, tra cui appaiono anche gli italiani Francesco da Milano e Giovanni Zamboni.

Nel periodo 2-6 agosto 2017, in luoghi di speciale pregio storico e architettonico, avrà luogo la V edizione del Tour Nazionale “Musica nei Palazzi della Romania”. L’evento è organizzato dall’Associazione Pro Valores ed è finanziato dall’Unione di Creazione Interpretativa dei Musicisti romeni. I concerti compresi in quest’edizione saranno sostenuti dal menestrello moderno Nicolae Szekely, che avrà cinque concerti all’interno dei più importanti e noti spazi storici della Romania. Si tratta del Castello Huniazilor a Hunedoara, dove il concerto è programmato per il 2 agosto, alle ore 18:00, del Palazzo Magna Curia a Deva (3 agosto, ore 18:00), del Palazzo Marincu a Calafat (4 agosto, ore 17:00), del Castello di Peles a Sinaia (5 agosto, ore 16:00) e della Cittadella Neamtului a Targu Neamt (6 agosto, ore 17:00). In quest’occasione, Nicolae Szekely, accompagnato da cinque strumenti spettacolari, di rado presenti sui palcoscenici della Romania – viella, liuto, chitarra rinascimentale, chitarra barocca e arciliuto – proporrà uno spettacolo unico, arricchito da un autentico viaggio nella storia, e pieno della bellezza sonora medievale e barocca. All’attenzione dei contemporanei amanti della musica saranno presentate le immagini sonore dei grandi creatori del passato. Si tratta delle composizioni degli italiani Francesco da Milano e Giovanni Zamboni, ma anche di Adrian Le Roy, Diego Pisador, John Dowland, Gaspar Sanza e molti, molti altri.

Per il pubblico, ascoltare musica firmata da artisti italiani e composta centinaia di anni fa, di certo sarà un’esperienza realmente unica, tenendo presente con quali strumenti saranno interpretati i brani. Ad esempio, Francesco da Milano (18 agosto 1497 – 2 gennaio 1543) – noto sotto il nome di “Il divino” – è stato un noto compositore italiano. Nato a Monza, vicino Milano, questi ha lavorato per la corte papale quasi per l’intera durata della sua carriera, ed è considerato il principale compositore per liuto della sua epoca. Quanto a Giovanni Zamboni, rappresentante della prima metà del XVIII secolo, si è fatto notare in qualità di compositore di musica baracca. Allo stesso modo, ha gestito molto bene l’interpretazione musicale con differenti strumenti, come il liuto, la chitarra, la mandola e il mandolino.

In questo contesto, per Nicolae Szekely sarà una vera provocazione presentare in questo tour le composizioni scritte dai due compositori italiani, come anche l’interpretazione degli altri brani composti centinaia di anni fa, da presentare agli spettatori nei cinque spazi ricchi di storia. D’altra parte, era impossibile che l’artista non rispondesse a una tale provocazione, dal momento che nel 1987 ha vinto il primo premio del Festival Nazionale di Chitarra Classica di Sinaia. Stabilitosi a Hunedoara dopo il 1988, negli anni ’90 ha organizzato il Festival “Giornate della Chitarra Classica”, mentre il liutaio Gyorgy Lorinczi di Targu Mures ha stuzzicato il suo appetito musicale con una serie di strumenti speciali: viella e liuto, strumenti che hanno accaparrato la sua intera passione per la musica. Così, Nicolae Szekely, durante i festival medievali nel paese, ha partecipato alla master-class di Hopkinson Smith, che gli ha svelato i segreti di tecniche speciali per questi strumenti. Durante gli anni, l’artista ha sostenuto recital di musica rinascimentale presso la Cittadella Neamtului, il Castello dei Corvini, la Chiesa Fortificata di Biertan, la Casa di Cultura degli Studenti di Bucarest, la Cittadella di Rasnov, la Torre del Bastione di Cluj, la Chiesa Evangelica di Medias. Il mondo musicale di Nicolae Szekely si basa su un repertorio medievale e rinascimentale, di sconosciuta ricchezza e profondità.

NO COMMENTS