Tra i partecipanti al programma più longevo dell’Istituto Culturale Romeno ci sono anche italiani

0
170

A Brasov si sono aperti i corsi di lingua e civiltà romena – uno dei programmi di maggior importanza per la promozione della lingua e della cultura romena del paese e il più longevo programma dell’Istituto Culturale Romeno. All’edizione di quest’anno, hanno partecipato 40 corsisti provenienti da 15 paesi, tra cui anche l’Italia. Accanto ai corsi intensivi di lingua romena e alla partecipazione a una serie di lezioni su diversi argomenti, i partecipanti hanno a disposizione un ricco programma di documentazione culturale, tra i cui obiettivi sono comprese anche visite a Prahova.

Vista come una sorta di “Accademia estiva”, a Brasov è stata inaugurata la XXIII edizione dei Corsi di lingua, cultura e civiltà romena, organizzata dall’Istituto Culturale Romeno, rivolta agli stranieri. Quest’anno, i corsi più longevi del programma ICR e uno dei maggiori programmi di promozione della lingua e della cultura romena del paese avranno luogo fino al 29 luglio 2017. Il programma è organizzato in partenariato con la Facoltà di Lettere dell’Università della Transilvania di Brasov, con il Museo “Casa Muresenilor” e con il Centro Culturale Reduta. Come per l’edizione precedente, i corsisti provengono da diversi paesi: Gran Bretagna, Islanda, Portogallo, Italia, Spagna, Belgio, Germania, Olanda, Svizzera, Slovenia, Ungheria, USA, Canada, Brasile e Cina.

Il programma comprende 60 ore di corsi intensivi di lingua romena, come anche una serie di lezioni tematiche di varia natura. In questo modo, il corso di lingua romena è sostenuto dal prof. dott. Mihaela Gheorghe, quello di storia – dal prof. dott. Adrian Cioroianu, quello di letteratura romena – dallo scrittore e critico letterario Ioana Parvulescu, e quello di cinematografia dal critico cinematografico Irina Margareta Nistor e dal regista Vicente Pascual. Allo stesso modo, i corsisti parteciperanno ad atelier creativi su diversi argomenti – giornalismo e pubblicità, gastronomia e recitazione. Allo stesso tempo, giacché le ore di teoria nell’insegnamento della lingua romena devono essere accompagnate da ore di pratica, il programma di documentazione culturale offre ai corsisti stranieri anche una serie di itinerari legati, in modo pratico, alla cultura e alla tradizione romena, come anche escursioni presso alcuni dei maggiori punti d’interesse turistico.

Così, nell’agenda delle escursioni appaiono Gura Raului, Transfagarasan – dove avrà luogo un corso atipico, chiamato “romeno ad alta quota” – Sighisoara e Malancrav, il Canion Sapte Scari, la Cittadella di Brasov. Dal programma di visite non è stato esclusa la regione di Prahova, dove i corsisti potranno oltrepassare la soglia della Casa Memoriale di George Enescu a Sinaia, e della Dimora Urlateanu, nella città di Urlati.

Tra i 40 corsisti presenti, alcuni sono già alla seconda, terza o quarta partecipazione, come nel caso di quelli provenienti dall’Olanda o dal Brasile. Allo stesso modo, alla sua seconda partecipazione al corso di lingua, cultura e civiltà romena è anche un corsista italiano, proveniente dalla Sardegna e residente in Belgio. Come gli altri colleghi corsisti stranieri, è tornato a frequentare i corsi organizzati dall’Istituto Culturale Romeno perché imparare la lingua è considerata un’opportunità e un beneficio, soprattutto dal punto di vista professionale.

La maggior parte dei partecipanti alla “Accademia estiva” sono professori, traduttori e ricercatori. Accanto ai corsi e alla partecipazione alle lezioni, il programma include anche feste tematiche e una serata internazionale in cui si festeggia il multiculturalismo di quest’evento.

Ciascun gruppo è composto da 8-12 corsisti. Il livello principianti ha come obiettivo la comprensione di informazioni semplici, come anche la comunicazioni in situazioni usuali. Nel livello intermedio, sono sviluppate le attività di comprensione di testi più complessi e anche di comunicazione scritta e orale coerente, su diversi argomenti. I corsisti del livello avanzato invece perfezionano la comprensione delle sottigliezze e la formulazione di pareri e pensieri, utilizzando espressioni ricche di sfumature. Alla fine dei corsi, i partecipanti sostengono un esame (scritto e orale), dopo il quale possono ottenere un certificato di competenza linguistica, offerto dalla Facoltà di Lettere dell’Università Transilvania di Brasov, e un certificato di valutazione del livello di conoscenza della lingua romena, rilasciato dall’Istituto Culturale Romeno.

NO COMMENTS