Il Governo guidato da Mihai Tudose ha ottenuto la fiducia del Parlamento con 275 voti favorevoli

0
78

Tudose: la Romania non ha bisogno di un governo rilassato.  Dragnea: il Parlamento, più forte dopo la mozione. Il Premier, un buon manager

Mercoledì, il governo guidato da Mihai Tudose ha ottenuto la fiducia del Parlamento, con 275 voti favorevoli e 102 contrari.

Tutti i ministri proposti da Mihai Tudose avevano ricevuto in mattinata una notifica della commissione di specialità.

Otto parlamentari PSD non sono stati presenti al voto di fiducia al Governo Tudose, tra cui Victor Ponta e Liviu Plesoianu, che avevano già annunciato di non sostenere questo Esecutivo.

Dopo aver ricevuto il voto di fiducia dal Parlamento per i membri del Governo, Mihai Tudose si è recato a Cotroceni per deporre giuramento di fronte al Presidente Klaus Iohannis.

Dragnea: considero Tudose un buon manager; dovrà dimostrarlo nel modo in cui gestirà il governo

“Faccio sapere al signor Primo Ministro eletto, Mihai Tudose, che seguiremo con molta attenzione, e allo stesso tempo con maggior vicinanza, che i termini del programma di governo siano rispettati (…) Richiamo l’attenzione del futuro gabinetto sul fatto che l’impegno preso da noi, uomini politici, di fronte ai cittadini è stato quello di aumentare le entrare dei romeni, non solo per quelli impegnati nel settore pubblico”, ha dichiarato Liviu Dragnea.

Il Presidente della Camera dei Deputati ha sostenuto come, a suo parere, il Premier designato, Mihai Tudose, sia un buon manager. “Il signor Mihai Tudose è un manager che considero buono, che nominiamo oggi perché realizzi la nostra strategia di sviluppo della Romania negli anni che verranno. Ho fiducia nel fatto che sarà un buon manager, e non gli rimane che dimostrarcelo tramite il modo in cui governerà”, ha concluso il leader del PSD.

Liviu Dragnea ha espresso la propria fiducia rispetto al fatto che il Governo Tudose avrà buone prestazioni, sarà efficiente e determinato nel realizzate quanto stabilito nel programma di governo.

“Per la prima volta, il Governo ha ricevuto un chiaro segnale di come il potere politico sia nel Parlamento”

“Dopo circa sei mesi di governo, la coalizione PSD-ALDE si presenta di fronte a voi con una nuova formula di governo e con un nuovo Primo Ministro per chiedere nuovamente il voto di fiducia del Parlamento. È davvero una situazione inedita nella scena politica romena, che una maggioranza parlamentare cambi il suo Premier eletto tramite una mozione di sfiducia. Sì, è la prima volta in cui si verifica una cosa del genere ma, con assoluta convinzione, dico sia un bene che questa classe politica abbia usato anche questa opzione, di cui nessun’altra maggioranza parlamentare si è mai avvalsa”, ha affermato il Presidente della Camera dei Deputati.

Liviu Dragnea ha sostenuto che, dopo la mozione di sfiducia contro il Governo Grindeanu, il Parlamento sia diventato più forte.

“Dico a tutti che oggi, dopo la mozione di sfiducia adottata contro l’ex governo, il Parlamento è più forte ed è tornato a occupare il posto che gli spetta, in rapporto al potere esecutivo. Per molto tempo, il Parlamento è stato trattato come un’appendice del Governo, come una macchina del voto che doveva approvare in serie OUG emessi dal governo”, ha aggiunto il leader PSD.

Egli ha poi affermato che, per la prima volta, il Governo “ha ricevuto un segnale chiaro di come in Parlamento risieda il potere politico e la legittimità data dal voto dei romeni”.

“Le cose cominciano a cambiare realmente in questa nuova legislatura. Per prima cosa, il numero delle ordinanze è stato considerevolmente ridotto e abbiamo avuto leggi importanti, che sono discusse seriamente nel Parlamento della Romania con dibattiti reali, carichi della legittimità politica ottenuta tramite il voto”, ha sottolineato il Presidente del PSD.

Tudose: Ho capito sia stato tirato un freno; mi è stato detto di trasformate questo freno in accelerazione ed è proprio quello che farò

“Oggi mi è stato affidato il difficile compito di condurre un nuovo governo della coalizione PSD-ALDE. È un momento politico che probabilmente in futuro sarà più chiaro di quanto non lo sia per noi ora. Sono un uomo tecnico, un uomo dei numero e posso dire che la Romania si trova ora in un buon momento economico. Assistiamo a una crescita economica, crescita industriale, aumento dei salari e dei consumi. Ciò che manca è una crescita vigorosa degli investimenti e un aumento delle entrate dello stato. Mi piace credere che per questo mi trovo alla guida di questo governo”, ha dichiarato il Premier eletto alla presentazione del programma di governo durante la plenaria del Parlamento.

Mihai Tudose ha garantito che non esisteranno per lui “altri obiettivi” oltre alla realizzazione del programma di governo e al recupero dei ritardi “apparsi strada facendo”.

Egli ha dichiarato come il governo Grindeanu abbia portato le cose su una giusta direzione, sebbene insufficiente rispetto a quanto si è proposto di fare il governo PSD-ALDE.

“Non vogliamo criticare quanto è stato fatto, ma mi rendo conto sia esistito un freno, e a me è stato detto di trasformare questo freno in accelerazione e intendo farlo. Quando ha ricevuto la fiducia, a gennaio, il Premier Grindeanu ha parlato di un governo normale. Ha fatto un discorso normale, bello, cui allora abbiamo applaudito tutti. Comprendo che il problema principale di questo governo sia stato proprio questa normalità rilassata. Io credo che oggi in Romania ci sia bisogno di un governo non rilassato”, ha rilevato Tudose.

Il Premier ha voluto precisare come “i grandi obiettivi siano ancora intatti”.

“Quello che abbiamo promesso in campagna elettorale sarà realizzato! Come potete vedere, il nuovo governo si è rafforzato. In questo momento, alcune cariche ministeriali sono occupate da uomini di punta del partito, uomini con peso ed esperienza. Questo dimostra come il PSD si assuma in modo chiaro e certo, la responsabilità politica del programma. Per il Governo sarà più semplice gestire l’amministrazione centrale, comunicare con il partito, essere rappresentato meglio politicamente. Il Governo sarà più efficiente”, ha aggiunto Tudose.

Allo stesso modo, il Premier ha parlato del Fondo Sovrano di Investimento e Sviluppo, che ha definito come “uno dei maggiori strumenti d’investimento, ed è pronto già da tempo”.

“In qualità di Ministro dell’Economia, mi sono preoccupato della sua costruzione. Ora, il Fondo diventerà operativo in brevissimo tempo e questo costituirà un segnale forte, dato dalla Romania all’ambiente imprenditoriale interno e internazionale. Un altro obiettivo importante del Governo, dopo sei mesi, è la crescita del grado di riscossione delle imposte, considerando una crescita economica sostenuta e la crescita degli investimenti.  Saranno prese rapidamente misure per una maggiore efficienza dell’ANAF” ha aggiunto Tudose.

Allo stesso modo, egli ha parlato degli altri obiettivi che il Governo che conduce intende raggiungere, tra cui ha elencato i fondi europei, il consolidamento del partenariato strategico con gli USA e lo sviluppo delle relazioni con la Germani e la Francia, ma anche con gli altri stati UE.

Tudose ha inoltre affermato di essere convinto del fatto che tutto debba partire dal rispetto delle leggi fondamentali.

“Le leggi devono essere chiare, in accordo con la Costituzione e con le norme europee, mentre coloro che amministrano la giustizia devono essere indipendenti, nello spirito e nella lettera della legge, senza immissioni da parte di nessuno e senza pressione da parte di nessuno”, ha aggiunto Tudose.

“Chi desidera normalità, si cerchi un lavoro a ore fisse”

Durante il discorso sostenuto in Parlamento, Mihai Tudose ha affermato che il nuovo governo dovrà superare la condizione di “normalità rilassata”, appartenuta alla leadership di Sorin Grindeanu.

“Credo che la Romania abbia bisogno di un governo vigile, in stato d’allerta, di sforzo permanente, che sia preoccupato di termini e realizzazioni (…) Chi desidera normalità, si cerchi un lavoro a ore fisse”, ha affermato Tudose.

Lo stesso ha assicurato ai parlamentari che s’impegnerà con tutte le sue forze per realizzare il programma di governo, modificato per recuperare i ritardi degli ultimi due mesi.

“Sono stato proposto dal Presidente del PSD, Liviu Dragnea, e accettato dal Presidente Iohannis per concretizzare le richiesta di crescita dei fondi statali e non intendo tradire la fiducia che mi è stata accordata”, ha aggiunto Mihai Tudose.

Vosganian: ALDE sostiene Mihai Tudose con buonsenso e a condizione che l’agenda riguardo lo stato di diritto

“Il PSD è un partito di sinistra ed ha la propria agenda. ALDE è un partito di destra e ha la propria agenda. Tra le due agende esistono elementi comuni: la difesa della democrazia, dei diritti e delle libertà fondamentali, la difesa dello stato di diritto e l’equilibrio dei poteri nello stato”, ha dichiarato Vosganian.

Il deputato ALDE ha affermato che la priorità della sua formazione è legata ai diritti dei cittadini e che attende misure in questo senso da parte del Governo, con “onestà”.

“Onestà significa però partenariato, buonsenso. Signor Tudose, le garantiamo che il nostro sostegno sarà di buonsenso, condizionato da quest’agenda che abbiamo in comune, lo stato di diritto”, ha dichiarato.

Vosganian ha fatto riferimento alla modifica dei codici penali, alla ridefinizione dell’abuso d’ufficio, alla separazione del conflitto di interesse di lobby dallo statuto del funzionario pubblico. Egli ha precisato che l’Esecutivo sarà “severamente monitorato”.

Il deputato ha aggiunto che spera nel successo di questo Governo: “Se questo Governo sarà efficiente, allora avremo l’argomento decisivo per la mozione di sfiducia”.

PNL: Questo governo non potrà essere altro che il braccio armato di una verità distorta e ignorante, oscillante tra utopia e distopia

Giovedì, dalla tribuna del Parlamento, il liberale Ben-Oni Ardeleanu ha criticato il nuovo governo proposto dalla maggioranza PSD-ALDE, che ha definito come il braccio armato di una verità distorta e ignorante, comparando il comportamento di Liviu Dragnea alla “tirannia comunista nord coreana”, e ha definito stupido il programma di governo del nuovo Gabinetto.

“Questo governo non può essere altro che il braccio armato di una verità distorta e ignorante, che oscilla tra l’utopia e la distopia (…) sono immagini degne della tirannia comunista nord coreana. Lei governa attraverso la paura e il terrore, signor Dragnea, e questo le si ritorcerà contro. Durante la rivoluzione sono morte molte persone, per avere diritto alla libertà di parola, al voto, eppure lei ha realizzato una contro-performance, con le più grandi manifestazioni di piazza dal 1989, oltre alla performance della mozione di sfiducia contro il suo stesso governo”, ha dichiarato il deputato PNL, Ben-Oni Ardelean, dalla tribuna del Parlamento.

Questi ha criticato duramente il programma di governo del Gabinetto, che dalle sue parole sarebbe stato modificato dai socialdemocratici “di notte come i ladri”.

USR: Il Governo Tudose è il meglio di PSD-ALDE? Zero? Rifiutate la legge sulla grazia, di giorno, come i  pentiti 

Durante i dibattiti di giovedì sulla nomina del Governo, il deputato dell’Unione Salvate la Romania (USR), Cristian Seidler, ha affermato che l’Esecutivo proposto da Mihai Tudose è “zero”, come mostra la valutazione fatta dai leader PSD, e ha chiesto al Premier di respingere la Legge sulla grazie, “di giorno, come i pentiti”.

“Signor Mihai Tudose, potete contare sull’USR perché se avrete iniziative simili all’OUG 13, saremo qui e in Piata Universitatii, da lei. (…) Se le sue intenzioni sono oneste, richieda ai suoi colleghi deputati di respingere la Legge sulla grazie. Di giorno, come i pentiti”, ha affermato Seidler.

Lo stesso ha criticato puntualmente alcuni ministri, come Florian Bodog, che non ha risolto la crisi dei vaccini. “Nel PSD-ALDE non siete proprio riusciti a trovare una persona più competente di Florian Bodog come Ministro della Sanita?”, ha affermato.

Kelemen: Il voto accordato al governo Tudose non è un assegno in bianco; l’UDMR non è d’accordo con la modifica del programma di governo

Durante la plenaria di giovedì, in cui il governo di Tudose ha ottenuto la fiducia, il Presidente dell’Unione Democratica dei Magiari di Romania (UDMR), Kelemen Hunor, ha dichiarato che i parlamentari dell’Unione Democratica dei Magiari di Romania sosterranno il Gabinetto, sebbene questo voto non sia un assegno in bianco e da parte loro non ci sarà accordo su ulteriori modifiche del programma di governo, come anche per l’imposta sul giro d’affari e sui guadagni globali.

“Oggi, secondo il protocollo di collaborazione, voteremo a favore della nomina del governo guidato da Mihai Tudose. Questo voto però non è un assegno in bianco, abbiamo notato alcune modifiche sostanziale nel programma di governo, che necessitano di maggiori spiegazioni e maggiori discussioni”, ha dichiarato il deputato UDMR.

Egli ha aggiunto che i parlamentari dell’Unione Democratica dei Magiari di Romania non sostengono l’imposta sulla cifra di affari e su quella dei guadagni totali.

“Ve lo dico già da ora, non potremo sostenere l’introduzione dell’imposta sulla cifra di affari e dovremmo sapere a cosa si riferisce la tassa di solidarietà. E nemmeno l’imposta sui guadagni globali ci sembra un’iniziativa capace di portare miglioramenti”, ha sottolineato il leader UDMR.

In chiusura, Kelemen Hunor ha affermato che i parlamentati dell’UDMR si aspettano “un dialogo da parte del Governo, un dialogo sincero su tutti i temi che entreranno nel circuito decisionale”.

Pambuccian: I membri del gruppo delle minoranze voteranno come preferiscono; non abbiamo nulla da commentare, sarebbero solo critiche negative

Il deputato delle minoranze nazionali, Varujan Pambuccian, durante la plenaria del Parlamento di giovedì, prima del voto di fiducia al Governo, ha dichiarato che ogni membro del gruppo voterà come preferisce, ed ha precisato non ci siano altri commenti da fare perché sarebbero solo critiche.

“L’unica cosa che intendo dire è che ogni membro del gruppo voterà come desidera. Non abbiamo fatto nessun commento, sarebbero solo critichenegative, e se dovessi dare un’impressione assolutamente personale, guarderei alla mia destra, guarderei alla mia sinistra e l’unica cosa che potrei pensare sarebbe una frase molto vecchia: ex nihilo nihil fit (dal niente non nasce niente. N.d.R.)” ha affermato Varujan Pambuccian.

 

Tudose dopo il voto di fiducia: Vi garantisco che il vostro voto sarà ricambiato da un governo responsabile

“Vi assicuro che il vostro voto sarà ricambiato da un governo responsabile, realmente volta all’interesse dei cittadini romeni. Che Dio ci aiuti e che Dio aiuti la Romania!”, ha dichiarato Mihai Tudose dopo l’annuncio del risultato nella plenaria.

 

NO COMMENTS