Quanti Governi sono caduti in Romania tramite mozione di censura?

0
419

Negli ultimi 26 anni, sono state deposte in Parlamento 33 mozioni di censura, escludendo quella proposta da PSD e ALDE contro il proprio Governo. Tra le mozioni deposte, solo due sono state anche adottate. Una contro il Governo Boc 2, l’altra contro il Governo Ungureanu, mostra l’analisi pubblicata da Digi24.ro.

L’unica legislatura in cui non siano state deposte mozioni di censura è stata quella tra il 1990 e il 1992.

Nel periodo 1992-1996, le Camere riunite del Parlamento hanno dibattuto e votato cinque mozioni di censura, firmate dai rappresentati PNTCD, PER, PNL-CD, PD, URMD, PL ’93, PSDR, PAC, PL e FSN. Tutte le mozioni sono state respinte.

Durante la legislatura 1996-2000, sono state deposte quattro mozioni, due nel 1997, una nel 1998 e una nel 1999. Tutte le mozioni sono state respinte.

Durante il Governo Nastate, sono state deposte solo due mozioni di censura, nel 2001 e nel 2003 da parte di PRM, PD e PNL. Entrambe le mozioni sono state respinte con un travolgente voto “contrario”.

Nella legislatura 2004-2008, in Parlamento sono state deposte ben 6 mozioni di censura. Cinque sono state respinte e una (promossa da PRM e PDL e sostenuta anche da alcuni parlamentari d’opposizione, PSD e PC) non è più stata dibattuta, dopo il ritiro delle firme da parte dei due promotori.

Il maggior numero di mozioni di censura, per un totale di 11, è stata deposta durante la legislatura 2008-2012. Tra queste, una non è più stata dibattuta (nell’ottobre del 2010, la mozione intitolata “Legge di Educazione Nazionale, una legge anti-educazione e anti-romena”, promossa da PSD e PNL, non è più entrata dell’ordine del giorno dopo il ritiro della firma di 72 parlamentari), un’altra non è più stata votata (nel dicembre del 2010, la mozione intitolata “Legge sui salari di un governo irresponsabile”, promossa da PSD e PNL, non è più stata votata quando un uomo, in segno di protesta, si è lanciato da un balcone della sala plenaria), sette sono state respinte, e solo due sono state adottate.

La prima mozione adottata, in 13 ottobre del 2009, è stata deposta da PNL, UDMR e PSD, dopo l’uscita dei socialdemocratici dal governo. Intitolata “11 contro la Romania”, la mozione ha ottenuto 254 voti a favore e 176 contrari. Dopo la caduta del Governo Boc 2, alla vigilia della campagna elettorale per le presidenziali, l’allora presidente Traian Basescu propose come premier Lucian Croitoru (respinto dal Parlamento) e Liviu Negoita (il cui investimento è stato congelato dal Parlamento fino alle elezioni). Dopo lo scrutinio presidenziale e la vittoria elettorale di Traian Basescu, è stato proposto come premier Emil Boc, e la sua convalida come tale è avvenuta il 23 dicembre del 2009.

La seconda mozione di censura adottata ha riguardato di Mihai Razvan Unghureanu. Deposta da PNL e PSD, e intitolata “Fermate il Governo ricattabile! Così no, mai!”, la mozione ha ricevuto 235 voti a favore e nove voti contrari. Dopo la caduta del Governo Ungureanu, si è installato il Governo Ponta.

Durante la legislatura 2012-2016, i Governi Ponta hanno resistito a quattro mozioni di censura. Due deposte nel 2014 e due nel 2015, da parte dei parlamentari PDL, PNL, PSRO e PPDD (le ultime due formazioni erano di Mircea Gonea e di Dan Diaconescu).

Nell’attuale sessione del parlamento, la mozione deposta da PSD e ALDE è la seconda, dopo quella di PNL e USR dell’inizio di febbraio, mozione considerata respinta dopo aver raccolto 161 voti favorevoli e 8 contrari.

NO COMMENTS