Carmen Dan: Credo ci confrontiamo con un realistico tentativo di colpo di stato

0
353

Il Ministro degli Interni dimissionario, Carmen Dan, ritiene che le azioni del Premier Sorin Grindeanu possano essere considerate “un realistico tentativo di colpo di stato”.

“Credo che in questo momento ci confrontiamo con un realistico tentativo di colpo di stato. (Grindeanu – N.d.R.) è il Premier in carica fino alla mozione, ma è solo, non ha più un Gabinetto. Credo che questi due elementi non possano essere separati. Un Premier non può svolgere le sue funzioni senza un Gabinetto. Il tentativo disperato di costituire un Gabinetto, esercitando pressione continua e negoziando (…), significa che intendi creare una struttura che non è costituzionale. Io la vedo così, un tentativo disperato di imporre un governo, eludendo la Costituzione”, ha dichiarato Carmen Dan ad Antena 3, venerdì.

La stessa ha mostrato come, nel caso in cui il Presidente Klaus Iohannis firmasse il decreto in merito al cambiamento della sua carica, insieme a un decreto che ponesse Sorin Grindeanu ad interim, cederà all’istituzione la funzione di Ministro degli Interni.

“Se il signor Presidente Iohannis firmasse i decreti, e i decreti fossero pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, io, persona che rispetta le leggi, cederei al signor Grindeanu il posto di Ministro degli Interni e presuppongo farebbe tutto ciò che dice il Segretario Generale”, ha affermato Carmen Dan.

A suo parere, Victor Ponta ha desiderato fortemente tornare a essere premier e “crede di esserci riuscito”.

“Quello che bisogna ricordare è la fretta straordinaria nel risolvere questo problema, nel senso che è stata esercitata una pressione straordinaria sul Segretario Generale del Governo. Per quel ne so, il Segretario Generale del Governo non ha delegato la sua carica. Per quel che ne so, il Segretario Generale del Governo, nel momento in cui ha preso questa interessante posizione, è mancato per mezz’ora per via delle pressioni. Bisognerebbe notare l’assenza dal lavoro di un alto funzionario pubblico con altri metodi, non per un’assenza di mezz’ora”, ha affermato Carmen Dan.

Essa ritiene che gli atti tramite cui sia stato sostituito il Segretario Generale del Governo, siano illegali e “normalmente, tali azioni dovrebbero essere disfatte”.

In merito alla possibile “guerra di informazioni” al centro della quale si trova la Direzione Generale di Protezione Interna, il Ministro dimissionario ha precisato come questa sia già in corso.

“Non direi che a partire da oggi si possa parlare di incertezza rispetto alla Direzione Nazionale di Protezione Interna, giacché ho appena detto che quest’ultima è operativa al 100% e d’ora in avanti, in conformità alle attribuzioni e competenze che detengono, quelli della DGPI assicureranno il necessario servizio di protezione e informazione per il Ministero degli Interni”, ha affermato Carmen Dan.

NO COMMENTS