Teodor Melescanu: Romania e Italia hanno relazioni bilaterali forti e privilegiate

0
188

La Romania e l’Italia hanno relazioni bilaterali forti e privilegiate, ha affermato martedì il Ministro degli Affari Esteri, Teodor Melescanu, inviando “le più calorose felicitazioni e auguri” in occasione della Festa della Repubblica italiana.

“In nome del Governo della Romania, desidero trasmettere le più calorose felicitazioni e auguri ai nostri amici italiani e partner, con cui condividiamo una diversità di connessioni in molti ambiti. La Romania e l’Italia hanno relazioni bilaterali forti e privilegiate, costruite sui legami storici e sui valori comuni che hanno preso forma nel 138 anni di relazioni diplomatiche”, ha dichiarato Melescanu nel discorso pronunciato martedì sera, durante il ricevimento organizzato presso l’Ambasciata Italiana in occasione della Giornata Nazionale di questo paese.

Allo stesso tempo, Teodor Melescanu ha parlato della “cooperazione economica dinamica” tra i due paesi e delle relazioni strette tra romeni e italiani.

“I romeni presenti in Italia costituiscono la maggiore comunità straniera italiana e, allo stesso tempo, la più grande comunità romena oltre confine”, ha affermato Melescanu.

Secondo il Ministro degli Affari Esteri, la Romania e l’Italia rappresentano “due voci forti” nell’Unione Europea, che collaborano per il beneficio dei cittadini e partecipano in modo attivo alle discussioni sul futuro dell’UE.

A sua volta, l’Ambasciatore italiano, Marco Giungi, ha fatto riferimento alle strette relazioni tra Italia e Romania, parlando tanto delle radici culturali, quanto anche dei legami politici ed economici tra i due paesi.

“Sono ancora nuovo in questo paese, ma quanto più conosco il paese e la sua gente, tanto più scopro somiglianze con la mia patria”, ha dichiarato l’Ambasciatore italiano, precisando come romeni e italiani abbiano “radici comuni”, visibili tanto nei nomi dei due paesi, quanto anche nella lingua e in molti aspetti della vita quotidiana.

Il ricevimento è iniziato sulle note degli inni nazionali di Italia e Romania, cantati dal mezzo soprano Andreea Ilie e dal baritono Alexandru Constantin.

Allo stesso tempo, il Coro dell’Opera Nazionale di Bucarest, condotto dal maestro dl coro Daniel Jinga, ha cantato il Coro dei prigionieri ebrei “Va, pensiero” dell’Opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi.

D’altra parte, durante il ricevimento, l’ex Ambasciatore della Romania in Italia, Dana Manuela Constantinescu, ha ricevuto l’onorificenza “Stella d’Italia” nel grado di Cavaliere.

Al ricevimento organizzato presso l’Ambasciata Italiana, erano presenti anche numerose personalità pubbliche e politiche della Romania, tra cui il Ministro dell’Educazione Nazionale, Pavel Nastase, la principessa Maria, il soprano Mariana Nicolesco e anche gli ambasciatori e i rappresentanti del corpo diplomatico del nostro paese.

NO COMMENTS