Sebastian Ghita è stato liberato dall’arresto in Serbia. L’ex parlamentare ha pagato una cauzione di 200.000 euro

0
108

Venerdì, l’ex deputato Sebastian Ghita è stato liberato dall’arresto in Serbia, dopo aver pagato una cauzione di 200.000 euro, senza avere però la possibilità di lasciare Belgrado, secondo un comunicato stampa della corte.

Dopo il versamento della cauzione alla Banca Nazionale della Serbia, da parte dell’avvocato della difesa, il giudice ha disposto la revoca dell’arresto e la liberazione di Sebastian Ghita.

L’ex parlamentare ha l’obbligo di rimanere nella sia “residenza temporanea – il territorio della città di Belgrado” e di presentarsi presso una sezione di polizia due volte al mese.

Il passaporto di Ghita è stato confiscato dal tribunale.

Nel caso in cui Sebastian Ghita lasciasse la propria residenza senza l’approvazione della corte, i magistrati confischeranno, senza il suo consenso, la cauzione versata per la liberazione.

L’ex parlamentare è stato preso a Belgrado il 13 aprile. Secondo fonti vicine all’indagine, il fermo di Sebastian Ghita è avvenuto alle ore 23:45, mentre quest’ultimo era su una strada di Belgrado, insieme al fratello. Quando gli è stato chiesto un documento, Ghita ha presentato un atto di identità e un permesso sloveno, mentre suo fratello ha consegnato alla polizia i suoi veri documenti.

In Romania, l’ex parlamentare è stato visto l’ultima volta nella notte tra il 19 e il 20 dicembre 2016, mentre lasciava un evento organizzato dall’SRI. Vi aveva preso parte come membro della commissione parlamentare di controllo, momento in cui i poliziotti che lo seguivano, su richiesta dei procuratori, hanno perso le sue tracce. Secondo alcune fonti, Ghita guidava sulla SN1 a circa 200 km l’ora e, a un certo punto, un altro camion avrebbe bloccato i poliziotti. In seguito, l’auto di Ghita è stata trovata presso la sua abitazione, e la polizia ha creduto dormisse.

A carico dell’ex deputato sono stati emessi finora mandati d’arresto preventivo in contumacia, all’interno di due inchieste della DNA.

NO COMMENTS