Specialisti stranieri, anche italiani, presenti a “I giorni dell’Odontotecnica” 2017 – Sinaia

0
436

La più nota stazione di Valea Prahovei – Sinaia – continua a essere ospite di importanti riunioni nell’ambito medico. Così, dopo che, tra il 10 e il 14 maggio, si è riunita qui l’élite medica in materia di anestesia e terapia intensiva, all’interno di cinque eventi dallo stesso tema, alla fine della scorsa settimana presso il Casinò Sinaia ha avuto luogo la XVII edizione del Congresso “I giorni dell’Odontotecnica”.

Nel periodo 18-20 maggio 2017, il Centro Internazionale di Conferenze, Casinò Sinaia, ha ospitato il Congresso “I giorni dell’Odontotecnica”. L’evento medico, diventato già tradizione, è arrivato alla sua XVII edizione ed ha riunito specialisti del settore, dalla Romania e dall’estero. È stato organizzato dall’Associazione Nazionale degli Odontotecnici e dell’Ordine degli Odontotecnici, compreso nel Programma di Educazione Professionale Continua dell’Odontotecnica. Alla manifestazione non sono mancati i rappresentanti di alcune aziende del settore, produttori e distributori di materiali e apparecchiature odontotecniche, recatisi a Sinaia per presentare attrezzature e tecniche moderne in materia. Accanto all’esposizione e alle conferenze, “I giorni dell’Odontotecnica” hanno compreso dibattiti su differenti temi, presentati dagli specialisti stranieri provenienti da Italia, Croazia, Slovacchia, Germani, Polonia, Grecia, Ungheria, Turchia. Da menzionare, in confronto agli altri invitati stranieri, lo specialista odontotecnico italiano ha avuto il numero maggiore di presentazioni durante la riunione, specialmente durante il primo e l’ultimo giorno di congresso. Più esattamente, all’apertura dell’evento organizzato a Sinaia, Marco Vannini ha presentato una relazione sul tema “Progettazione in CAD/CAM o cera di una barra di impianti nel sistema OT-Equator – anelli elastici”, giacché la sua esperienza in materia è considerata un esempio di buona pratica per tutti i presenti all’evento. D’altra parte, considerata dagli specialisti in materia una tecnica che guarda al futuro, in continua evoluzione, la tecnologia CAD/CAM è di estrema importanza tanto per l’odontotecnica, quanto anche per l’odontoiatria, cui offre molti vantaggi. I suoi scopi precisi e realmente utili in ambito odontoiatrico, grazie ad una maggiore efficacia del trattamento dentistico, sono la standardizzazione delle ristrutturazioni di protesi, lo sviluppo di nuovi gruppi di materiali e concetti di trattamento dentistico. La denominazione di questa tecnologia può esser associata alla ristrutturazione delle protesi ottenuta tramite tecnologie di fresatura. D’altra parte, il nome del sistema è costituito dalle iniziali delle parole che denominano i suoi processi di realizzazione: CAD (computer aided design), che significa modellare con l’aiuto del computer e CAM (computer aided manufacturing), che si riferisce alla manifattura con l’aiuto del computer. Tramite questa tecnologia digitale, l’apparato realizza un design personalizzato per ogni caso clinico in parte. Allo stesso tempo, durante l’ultima giornata de “I giorni dell’Odontotecnica”, lo specialista italiano ha presentato un work-shop sul tema “L’uso corretto dei sistemi di fissaggio Rhein ‘83”.

Gli altri specialisti odontotecnici stranieri hanno presentato relazioni su vari temi, come: Casi complessi realizzati con le ultime tecnologie; Dalla creazione manuale alla odontoiatria digitale; L’arte dell’occlusione dentale, il marketing del laboratorio dentale, l’igiene e la profilassi nel laboratorio dentale; L’approccio nell’impianto protetico; L’apporto della tecnica dentale numerica e digitale a beneficio dell’estetica dentale.

NO COMMENTS