Un signore della politica romena

0
253

Liberale di padre in figlio, scrittore, epigrammista, ad oggi presidente onorario del Partito Nazional Liberale – ex leader per lungo tempo di questo partito politico – Mircea Ionescu-Quintus vive oggi a Ploiesti ma, ogni volta che la salute glielo permette, partecipa alle riunioni dei liberali, e la sua ultima presenza si annovera nella seduta del Consiglio Nazionale di Coordinazione, organizzata il 4 marzo a Bucarest.

Signore della politica romena, Mircea Ionescu-Quintus ha compiuto il 18 marzo 2017 la veneranda età di 100 anni, che gli è valsa il titolo di più longevo politico della Romania, rimasto saldo nello stesso partito politico – il PNL. Egli è nato il 18 marzo del 1917, a Kerson, in Ucraina. È sposato con Viorica Ionescu-Quintus, compagna di vita e di attività politica, ed entrambi vivono oggi nella zona di Prahova, a Ploiesti.

Persona piena di umore, qualità che probabilmente l’ha aiutato a sopravvivere alla detenzione politica, Mircea Ionescu-Quintus proviene da una famiglia di vecchia tradizione liberale. Ha avuto per modello I. G. Duca ed ha avuto il privilegio di ricevere consigli di vita dal grande Nicolae Iorga. Suo padre è stato, d’altra parte, un importante liberale, avvocato di professione e con molti mandati in parlamento. Mircea Ionescu-Quintus ha all’attivo una ricca attività, tanto nella giustizia quanto in politica. Dopo aver terminato, nel 1938, la Facoltà di Diritto dell’Università di Bucarest, specializzandosi in diritto costituzionale, è stato detenuto politico durante il regime totalitario – ha sofferto nelle prigioni comuniste e al Canale – come veterano di guerra, in grado di maggiore.

Membro del PNL dal 1945, il suo percorso politico è stato il seguente: 1990-1992 – vicepresidente del PNL, 1990-1991 – vicepresidente della Camera dei Deputati, 1990-1992 – deputato a Prahova, 1993-2001 – presidente del Partito Nazional Liberale, 1991-1992 – ministro della Giustizia nel Governo Stolojan, 1996-1999 – vicepresidente del Senato, 1996-2000 – senatore di Prahova, 1999-2000 – presidente del Senato, 2000-2004 – senatore di Prahova. Dal 19 ottobre del 2002 è presidente onorario del PNL.

Da menzionare che, avvocato di professione, nel periodo 1940-1987 è stato avvocato presso l’Ordine degli avvocati di Prahova, e dopo il 1990, per qualche anno, è stato professore universitario di diritto costituzionale.

Membro dell’Unione degli Scrittori della Romania, Mircea Ionescu-Quintus è scrittore, autore di numerosi volumi di epigrammi, novelle e memorialistica. Ugualmente, è presidente e presidente onorario di numerose fondazioni e associazioni culturali. Allo stesso tempo, grazie alla sua attività, ha ottenuto numerose onorificenze. Così, nell’aprile del 2009 ha ricevuto dal presidente dell’epoca, Traian Basescu, il grado di generale di brigata, in pensione, decorato, inoltre, con l’Ordine “Corona della Romania” con spade e nastro per le virtù militari. È cittadino ad onorem delle città di Ploiesti e Orsova.

Eternamente giovane nello spirito, Mircea Ionescu-Quintus ha condotto la propria esistenza, come anch’egli ha affermato ogni qualvolta ne ha avuto occasione, secondo il principio: “Sarò vecchio solo nel momento in cui crederò di non aver nulla da fare”. D’altra parte, l’anno scorso, quando ha compiuto 99 anni, in attesa dei 100 anni di vita, ha scritto per se stesso anche un epigramma: “Verso i cento si sommano gli anni / come nei boschi coraggiosi alberi / E a dirlo saranno in molti / Che mai significa cento al giorno d’oggi!”, spiegando come cent’anni possano significare molto. “Cent’anni significano qualcosa quando sei deciso fin dai primi passi che farai nella vita a servire i tuoi cari, a servire la professione, a servire il popolo da cui provieni”, ha tenuto a precisare questi più volte.

A Ploiesti, l’inaugurazione di una mostra con i lavori della Collezione “Ionescu-Quintus”

Per il compimento dei suoi 100 anni, una delle principali istituzioni culturali di Ploiesti, città natale di Mircea Ionescu-Quintus – il Museo di Arte – ha desiderato rendergli omaggio organizzando un’inedita esposizione. Si tratta della mostra “Quintus 100 – opere della Collezione «Ionescu-Quintus»”.

Così, fino al 25 marzo, il pubblico potrà ammirare le 36 opere che hanno costituito la prima collezione della Pinacoteca di Ploiesti, creata nell’anno 1931 su iniziativa di un gruppo di intellettuali della città, tra cui l’uomo politico e collezionista d’arte Ion Ionescu-Quintus, l’architetto Toma T. Socolescu e lo storico Dumitru Munteanu Ramnic. 17 delle 36 opere presentate all’interno di questa esposizione sono appartenute alla famiglia Ionescu-Quintus, tra cui anche pitture firmate da Nicolae Grigorescu, Gheorghe Petrascu, Iosif Izer, Stefan Luchian, Nicolae Tonitza. La collezione della Pinacoteca del municipio di Ploiesti è stata la base su cui si è costituito il museo d’arte, e l’anno scorso sono stati celebrati gli 85 anni della sua creazione.

NO COMMENTS