Papa Francesco verrà in Romania

0
419

Papa Francesco verrà in Romania! In questo momento si svolgono intense negoziazione tra la parte romena (L’Amministrazione Presidenziale, la Chiesa Cattolica, la Chiesa Greco-Ortodossa, la Patriarchia Romena) e il rappresentante della Santa Sede, e non è stata ancora annunciata una data ufficiale. D’altra parte, la visita è possibile grazie all’invito che il presidente Klaus Iohannis ha rivolto a Papa Francesco in occasione della visita fatta in Vaticano, nel 2015.

Il Sindaco Generale del Municipio di Bucarest, Gabriela Firea, venerdì ha avuto un incontro con il prof. Alberto Quattrucci, segretario generale della Comunità Sant’Egidio, con cui ha discusso della visita in Romania, l’anno prossimo, del Supremo Pontefice. “Attendo con emozione e gioia questa visita in Romania e a Bucarest del Pontefice. Desideriamo sia un evento memorabile, com’è stata anche la visita nel 1999 di Papa Giovanni Paolo II in Romania”, ha affermato il Sindaco Generale della Capitale.

Durante la discussione sono stati toccati argomenti riguardanti lo sviluppo sostenibile delle comunità, la lotta contro la povertà, l’impatto dell’ondata migratoria sul futuro dell’Europa.

In modo in cui si svolgono le comunicazioni è cambiato in modo significativo negli ultimi anni, e le autorità devono tenerne conto, adattarsi e rispondere in modo efficiente a tutti i bisogni dei membri della comunità, ha affermato il Sindaco Generale della Capitale. “Ad oggi, la città – che si tratti della Capitale o di qualsiasi altra città – non ha solo una dimensione sociale ma anche una spirituale. Sono necessari punti di comunicazione, di sostegno, perché solo insieme è possibile aiutare i bisognosi. Abbiamo d’altra parte la collaborazione straordinaria della Chiesa Ortodossa Romena, e anche dei rappresentanti di altre comunità religiose, perché il nostro scopo è comune: la convivenza nella pace e nel rispetto”, ha dichiarato Gabriela Firea. Quest’ultima ha aggiunto che, come Sindaco del Municipio di Bucarest, sostiene numerosi progetto sociali, uno dei quali è il Partenariato tra le generazioni, avviato l’anno scorso dalla municipalità.

A sua volta, il professor Alberto Quadrucci ha presentato i principali progetti che la sua organizzazione gestisce a livello internazionale, dal sostegno delle persone bisognose fino al sostegno di dialoghi interculturali, religiosi e delle negoziazioni di pace. Allo stesso modo, ha proposto l’intenzione di realizzare una serie di eventi internazionali a Bucarest, nel 2019, dedicati al sostegno del dialogo e alla convivenza pacifica tra le comunità dei diversi paesi del mondo.

La Comunità Sant’Egidio è stata costituita a Roma nel 1968 ed è un movimento laico d’ispirazione cattolica, cui hanno aderito finora oltre 60.000 persone. È stata riconosciuta dal Consiglio Pontificio per Laici della Santa Sede come associazione internazionale di credenti di diritto pontificio.

NO COMMENTS