L’ANAF fa luce sul caso della coppia Iohannis. Che succede alla proprietà

0
299

Gli ispettori fiscali dicono che, al momento, lo stato romeno non è proprietario dell’immobile perso definitivamente in tribunale dalla famiglia presidenziale, perché presso il Tribunale di Sibiu è stato avviato un processo in cui si deciderà chi deterrà questa casa. Per ora, nei documenti, i proprietari sono due mariti, morti cinquant’anni fa.

“In seguito alla decisione irrevocabile della Corte di Appello di Brasov nel dossier numero 262/62/2014, gli organi fiscali hanno chiesto all’Ufficio Regionale del Catasto e Pubblicità Immobiliare di Sibiu una rettifica nel registro fondiario, allo scopo di radiare il diritto di proprietà degli imputati Bastea Ioan, Johanis Carmen Georgeta e Johannis Klaus Werner”, mostra l’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione Fiscale (ANAF).

Quindi, dopo la rettifica nel registro fondiario, il diritto di proprietà sull’immobile in questione è ritornato ai defunti proprietari Ghenea Elisei e Ghenea Maria, precisa il Fisco. I due sono tuttavia deceduti cinquant’anni fa.

Di conseguenza, l’ANAF di Sibiu ha chiesto al notaio pubblico competente di fornire il certificato di eredità, che constati la qualità di successore dello stato romeno per il secondo immobile di Sibiu, in via Nicolae Balcescu, n. 29, mostra Digi24.

Ciò significa che lo stato diventerà proprietario della casa dopo che sarà pronunciata la decisione in un altro processo, in corso presso il Tribunale di Sibiu. Questo dossier ha come oggetto proprio l’annullamento del certificato di eredità, precisa ANAF.

“Precisiamo in questo senso che, al momento, presso il Tribunale di Sibiu, è stata avviata una nuova azione giudiziaaria dai presunti successori dei defunti Ghenea Elisei e Ghenea Maria, che chiedono l’annullamento del certificato di eredità dello Stato Romeno e per questa ragione, il notaio pubblico, rinvia l’emissione del certificato summenzionato”, si mostra nella risposta dell’ANAF per Digi24.

“In base alla motivazione della decisione pronunciata dalla Corte di Appello di Pitesti, mediante cui è stata respinta la contestazione in annullamento formulata dai querelanti Lazurca Georgeta, Iohannis Carmen Georgeta e Iohannis Klaus Werner, si chiederà nuovamente al notaio competente di provvedere all’emissione di un supplemento del certificato di eredità dello Stato Romeno per l’immobile di Sibiu, in via Nicolae Balcescu, n. 29, contea di Sibiu”, precisa ANAF.

NO COMMENTS