Polemiche tra l’attuale e l’ex premier sui ritardi e sulle perdite legati all’assorbimento dei fondi europei

0
151

Il premier Sorin Grindeanu ha annunciato all’inizio di questa settimana che i suoi ministri pubblicheranno nel prossimo periodo una radiografia aggiornata della situazione, accusando il Governo Ciolos di un “dramma”, in materia di ritardi e perdite legati all’assorbimento dei fondi europei, che non possono essere più recuperati.

“Io e i miei colleghi non abbiamo parlato della pesante eredità ricevuta, ma bisogna farlo e nel prossimo periodo ogni ministero dovrà presentare una radiografia aggiornata della situazione che l’ha trovata e di quali saranno gli obiettivi da raggiungere. È assolutamente necessario e accadrà di sicuro”, ha dichiarato Sorin Grindeanu ad Antena 3.

Lo stesso ha denunciato “ritardi e perdite” legate all’assorbimento dei fondi europei da imputare al governo precedente, condotto da Dacian Ciolos, che “non possono essere più recuperati”, parlando di un “dramma” con cui si confronta la Romania quando “ci sono governi che non si preoccupano del bene dei cittadini”.

“Quest’anno ci sono 5,2 miliardi di euro (assorbimento fondi europei – ndr) e per questo dobbiamo accendere i motori. Ci sono certe cose, saranno dette nel prossimo periodo, che non si possono più recuperare, purtroppo. Ripercorrendo quanto avvenuto nel 2016, presenteremo una situazione aggiornata sui fondi europei. Certi ritardi e quello che si è perso nel 2016, purtroppo, non si può più recuperare. Io credo sia realmente un dramma, al di là di tutto, passare da un budget all’altro, quando ci sono stati governo incapaci di preoccuparsi del bene dei cittadini”, ha affermato Grindeanu.

Ciolos: La pesante eredità nell’ambito dei fondi europei non esiste; Grindeanu: Per l’esercizio 2014-2020, l’assorbimento è zero

Dopo le dichiarazioni di Grindeanu, l’ex primo ministro Dacian Ciolos ha scritto su Facebook che la pesante eredità nell’ambito dei fondi europei non esiste.

“Il signor Sorin Grindeanu non riesce, dopo quasi due mesi di governo, a uscire dalla logica delle affermazioni false fatte dal PSD in campagna elettorale. Tanto più grande è la mia delusione visto che adesso ha accesso ai dati ufficiali e non deve fare altro che chiederli ai suoi ministri. La pesante eredità nell’ambito dei fondi europei non esiste, signor Grindeanu, cerchi di governare in modo trasparente e di costruire sulla base delle politiche e dei progetti avviati l’anno scorso, invece di alzare fumo fasullo come quello «zero fondi europei»”, ha scritto Cioloş sul suo conto di Facebook.

Subito dopo, in riferimento al post dell’ex primo ministro Dacian Ciolos, che definisce la pesante eredità nell’ambito dei fondi europei come inesistente, l’attuale premier ha risposto che “per l’esercizio del budget 2014-2020, i fondi sono zero”, precisando che, se Ciolos ignora questa cosa, gli mostrerà i documenti ufficiali.

“Ho visto una dichiarazione dell’ex primo ministro Ciolos legata al fatto che l’anno scorso sono state attirate somme di denaro. Io credo che lui sappia molto bene a cosa mi riferisco – parliamo dell’esercizio del budget 2014-2020. Siamo nel 2017, e Ciolos è stato primo ministro nel 2016. Per l’esercizio del budget, i fondi 2014-2020 sono zero. Se non sa che sono zero, gli mostreremo i documenti ufficiali”, ha dichiarato il premier Sorin Grindeanu.

NO COMMENTS