Al Castello del “Nababbo”, degustazione dal vigneto… della saga della famiglia Antinori

0
194

Con il suo maestoso panorama sui Monti Bucegi, il Castello Cantacuzino di Busteni – del “Nababbo”, com’era soprannominato colui che dispose la costruzione di questo famoso edificio – continua ad organizzare degustazioni di vini che provengono da vigneti celebri. Un evento simile ha avuto luogo il 25 febbraio 2017, il giorno dopo “Dragobete” – la variante romena della festa dell’amore –, evento durante il quale sono stati venduti soprattutto i vini Vitis Metamorfosis. Di fatto, l’evento è stato organizzato per diffondere, ancora una volta, la storia della famiglia Antiori, il cui spunto è la somiglianza tra il Vigneto Dealu Mare di Prahova e la Toscana italiana.

Così, in occasione dell’evento presso il Castello Cantacuzino, gli organizzatori hanno preparato la degustazione di vini di una… saga familiare detentrice dei vigneti Vitis Metamorfosis, proprietà di una famosa famiglia che in Italia ha una lunga storia nell’ambito della produzione di vini per 26 generazioni. Si tratta della famiglia del marchese Piero Antinori che, assistito dalle sue tre figlie, ha sviluppato a Prahova, la compagnia Vitis Metamorfosis. La storia “Vitis Metamorfosis” in Romania, a Prahova, prende spunto dalla somiglianza tra il Vigneto Dealu Mare e la Toscana, una delle più note regioni viticole d’Europa e del mondo. Prima che il marchese Antinori decidesse dove svolgere l’attività di produzione in Romania, gli specialisti della compagnia avevano visitato numerosi vigneti in tutte le grandi regioni viticole, scegliendo, alla fine, il Vigneto Dealu Mare di Prahova, visto il suo enorme potenziale, le ottime condizioni e il terreno molto buono. Le vigne sono state coltivate su colline con leggera pendenza, mentre le differenti varietà di uva sono state rigorosamente selezionate in base alle caratteristiche di ciascuna parcella.

Grazie alla ricca esperienza nell’ambito della produzione vinicola, che copre decine di generazioni, la compagnia ha deciso di promuovere le varietà autoctone, ottenendo anche la certificazione di vigna ecologica. Così, fondata sul lavoro di persone appassionate, Vitis Metamorfosis sperimenta continuamente le vigne e le cantine, la selezione di varietà autoctone e internazionali, metodi di coltivazione e temperature di fermentazione, tecniche di vinificazione tradizionali e moderne, con essenze di legno, varietà di barili e periodi di stagionatura in bottiglia. Si tratta certamente di un lavoro di squadra, in cui ognuno ha il proprio ruolo e consegna la propria visione in ogni bottiglia di vino, e il riconoscimento dei prodotti realizzati è infatti stato coronato da numerosi premi, ottenuti in prestigiosi concorsi di vino organizzati a livello nazionale e internazionale.

E il Castello Cantacuzino, con i suoi dintorni unici e il fascino aristocratico, è il posto ideale per godere di un vino di qualità. Il Castello Cantacuzino si trova a Busteni, nel Quartiere di Zamora, e sorge sul sito di una antica casa di caccia del XVIII secolo, in cui la famiglia Cantacuzino si fermava prima di proseguire per Brasov. Costruito in stile neoromeno, il Castello Cantacuzino a Busteni ha un grande valore architettonico, storico, documentario e artistico. Fu costruito nel 1911, per volere del principe Gheorghe Grigore Cantacuzino – soprannominato il Nababbo – ex ministro della Romania tra gli anni 1899-1900 e 1904-1907. La sua architettura è probabilmente il maggiore contributo della Romania al patrimonio culturale mondiale. La facciata è di pietra tagliata e placcata all’interno con mattoni. A forma di quadrilatero, col lato meridionale aperto, il castello si inserisce perfettamente nel paesaggio e copre una superficie di 3148 mq, cui si aggiungono i 3,5 ettari del corte e del giardino.

NO COMMENTS