Una crisi fatale?

0
170

I socialdemocratici non mollano. Il ministro della Giustizia Florin Iordache lascia il posto ad Ana Birchall, ma le modifiche al Codice Penale restano una priorità. L’ex ministro non va però in pensione, ma aiuterà il partito dall’interno della Commissione Giuridica della Camera dei Deputati. Si può dire che segue in Parlamento la meta dei socialdemocratici, che presto diventerà proposta di legge. E l’attuale maggioranza potrà facilmente adottarla. Prima di essere la meta del partito lo è certamente per alcuni suoi leader. A cominciare da Liviu Dragnea. Dopo la pubblicazione di una parte delle trascrizioni delle intercettazioni telefoniche che riguardano l’accusa di abuso d’ufficio, per tutti è chiaro che le prove non siano per niente trascurabili. E il rischio di una sua nuova condanna probabilmente non lo lascia dormire. Anche il processo del presidente del Senato, Calin Popescu-Tariceanu, sta per cominciare. Intanto la Corte Costituzionale ha scelto la via della prudenza. Non deve scordare che i suoi giudici sono stati scelti in gran parte dai partiti e prima di tutto da quello che oggi è al potere. E poiché certi ambasciatori stranieri a Bucarest sono stati troppo critici con gli attuali leader, il ministro degli Esteri, Teodor Melescanu ha deciso di controllare personalmente il dialogo di tutti i membri del governo con i diplomatici. I socialdemocratici cercano nello stesso tempo di limitare l’influenza di un leader come il sindaco di Iasi, vicepresidente del partito, che si è mostrato abbastanza critico con la linea politica scelta da Liviu Dragnea. Non c’è niente che impaurisce di più l’attuale presidente della Camera dei Deputati come il progetto di un partito socialdemocratico diverso da quello che oggi lui dirige col pugno di ferro. O forse questo partito somiglia alla Democrazia Cristiana: dopo aver governato tanti anni e aver dominato la vita politica del paese, è venuto il momento di una crisi fatale e il partito si è sciolto. Nel caso dei socialdemocratici romeni non si tratta di fantascienza.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY