Un’allieva di Bergamo, tra i 28 vincitori del concorso “Juvenes Translatores”

0
633

Nella lista con i nomi dei 28 vincitori della competizione “Juvenes Translatores”, organizzata dalla Commissione Europea, c’è un solo italiano. Si tratta di un’allieva, nata nell’anno 1999, del Liceo Linguistico Statale “Giovanni Falcone” di Bergamo. Insieme agli altri concorrenti, dichiarati vincitori in questo concorso, la premiata d’Italia è stata invitata, all’inizio del mese di aprile 2017, a Bruxelles, per ritirare il suo trofeo e il diploma.

Carolina Zanchi, allieva del Liceo Linguistico Statale “Giovanni Falcone” di Bergamo, appare nella lista dei 28 vincitori del concorso “Juvenes Translatores”. I premiati, allievi della scuola media superiore nati nel 1999, sono stati annunciati proprio dall’organizzatore della competizione annuale – Commissione Europea – all’inizio del mese di febbraio. L’allieva italiana, come gli altri 27 partecipanti dichiarati vincitori, sarà presente il 6 aprile 2017 a Bruxelles, per ritirare il premio e il diploma.  I trofei saranno consegnati dal commissario Günther Oettinger, responsabile del budget e risorse umane della Commissione Europea. Inoltre, in un messaggio inviato tramite un comunicato stampa alla Commissione Europea, egli ha voluto congratularsi personalmente con i vincitori di questa competizione. “Congratulazioni ai vincitori della 10° edizione di questo concorso. I genitori e i professori devono sentirsi molto fieri dei risultati di questi allievi, con cui mi felicito per questa provocazione, che rappresenta un talento promettente. Conoscere una lingua straniera rende la mente aperta e rompe le barriere. Le lingue straniere ci aiutano a capire altri popoli e altre culture. Congratulazioni per la creatività e l’intuizione dimostrate in tutte le 24 lingue della UE. È una cosa ben fatta per tutti voi!”, ha dichiarato il commissario Günther Oettinger.

L’edizione 2016-2017 di questa competizione ha segnato il 10° anniversario del concorso. Le traduzioni hanno rappresentato da sempre una parte integrante dell’UE, anche se inizialmente il concorso prevedeva quattro lingue e ora è arrivato a 24, segno che l’impiego di tutte le lingue della UE è stato essenziale tutti questi anni. In quest’edizione, oltre 3000 ragazzi dell’intera Unione Europea hanno tradotto testi, utilizzando 152 combinazioni di lingue compresa la traduzione dalla lingua greca al lettone e dal bulgaro al portoghese. L’allieva italiana, del liceo di Bergamo, ha tradotto dalla lingua tedesca alla lingua italiana. Ha dovuto tradurre un testo proprio in riferimento al concorso cui partecipava, rispettivamente sulla trasmissione live della decima edizione del concorso europeo di traduzioni della Commissione Europea, atteso da migliaia di allieve e allievi. Carolina Zanchi non è stata l’unica concorrente della competizione. Per l’Italia hanno partecipato, in tutto, 360 allievi di 73 unità di insegnamento. D’altronde, l’Italia è stato il paese che ha avuto il maggior numero di partecipanti, al primo posto per numero di istituti d’insegnamento partecipanti, superata solo dalla Germania (87 scuole) e dalla Francia (74 scuole).

“Juvenes Translatores” è un concorso che riconosce i meriti dei giovani traduttori migliori d’Europea, allo scopo di promuovere sia l’apprendimento di una lingua straniera che la professione di traduttore. In sostanza, il concorso avviato nel 2007, ha lanciato una provocazione ai giovani appassionati di lingue straniere, sottolineando l’importanza delle competenze nella traduzione e del ruolo del traduttore, come “mediatore” tra le lingue. L’Organizzatore dell’evento è la Direzione Generale di Traduzioni della Commissione Europea (DG Traduzioni), e la competizione si rivolge alle scuole dell’Unione Europea. Per l’edizione 2016-2017, le unità d’insegnamento che hanno desiderato partecipare hanno dovuto iscriversi online, nel periodo 1 settembre – 20 ottobre 2016. In seguito, ha avuto luogo un sorteggio delle unità d’insegnamento iscritte, per selezionare i partecipanti al concorso. Ciascuna delle scuole selezionate ha dovuto scegliere tra due e cinque allievi partecipanti e introdurre nel database il loro nome e le la combinazione delle lingue scelte, entro il 21 novembre 2016. Il testo di traduzione si è svolto simultaneamente in tutte le scuole partecipanti, presso le loro sedi. Il testo di traduzione ha avuto luogo il 24 novembre 2016 e dopo, la DG Traduzioni ha valutato e ha scelto un lavoro vincitore per ciascun stato membro della UE: i criteri di valutazione sono stati i seguenti: correttezza, capacità di scrivere correttamente (scelta delle espressioni adatte, osservanza delle regole di grammatica), capacità di scrivere fluentemente e creatività delle soluzioni trovate.

Hanno partecipato allievi da Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Regno Unito. In totale, hanno partecipato 3.243 allievi di 728 unità d’insegnamento.

Ogni edizione il numero dei partecipanti cresce sempre di più e il concorso incoraggia alcuni dei partecipanti a continuare con le traduzioni anche a livello universitario, perché diventino traduttori professionisti.

NO COMMENTS