Il Parlamento ha dato il via al progetto di budget per il 2017

0
345

Il premier Grindeanu: È  un budget centrato su progetti, si dà un segnale di stabilità

Il progetto del budget di stato è stato adottato martedì dal Parlamento con 208 voti a favore e 105 contrari, e quello delle assicurazioni sociali con 208 a favore e 107 contrari. Contro i progetti hanno votato PNL, USR e PMP. Il budget per il 2017 è stato adottato in tempo record, dopo solo 13 ore di dibattiti in plenaria, divise in due giorni.

Il premier Grindeanu ha partecipato al voto, ringraziando alla fine i parlamentari per la rapidità dimostrata e ha trasmesso un messaggio per l’ambiente d’affari, che la Romania resterà un paese con un’economia prevedibile. “Ringrazio il Parlamento per aver adottato in regime d’urgenza il budget per l’anno 2017. Abbiamo tutti bisogno di questo budget. Era necessario adottarlo prima, seguendo un calendario normale, e questo sarebbe stata la cosa migliore per la Romania. Vorrei trasmettere un messaggio di stabilità agli investitori e riconfermare la determinazione del Governo a sostenere l’ambiente d’affari”, ha affermato il premier Sorin Grindeanu, dopo il voto.

Grindeanu: Il budget per il 2017 – centrato su progetti; si è usciti dalla filosofia del budget di stato di tipo contabile

Il premier Sorin Grindeanu ha dichiarato martedì che, per la prima volta, il budget adottato dalla plenaria del Parlamento è centrato su progetti, superando così un tipo di “filosofia contabile”, del “budget di stato di tipo contabile”.

“Siamo estremamente contento che oggi sia stato adottato il budget di stato, è una cosa positiva. (…) Non è stato un lavoro semplice fare in modo che in questo periodo, con un calendario assai stretto, si abbia un budget che tenga conto del programma di governo. Questa è una cosa importante, cambiare la filosofia con cui è stato costruito questo budget, una filosofia che non è solo contabile, com’è stato finora – il budget di stato di tipo contabile. E mi spiego: ogni volta ci sia crescita o diminuzione economica, per ciascuna istituzione in parte si aumentava o diminuiva il budget con quella percentuale. Noi, per la prima volta, abbiamo finanziato tramite questo progetto di budget i programmi con cui ci siamo presentati di fronte ai cittadini nel programma di governo e questa è stata una cosa estremamente importante per noi. Ci misure che sono state approvate e anche misure dell’anno scorso, che continuano ad essere finanziate anche dal budget di quest’anno”, ha affermato Grindeanu in Parlamento.

Il primo ministro ha aggiunto che un altro messaggio importante legato all’adozione del governo è che si è fatto “un passo verso la stabilità”.

Sorin Grindeanu ha poi spiegato che anche se il budget è stato adottato un più tardi, si spera saranno recuperati gli eventuali ritardi di implementazione.

“Spero di recuperare il ritardo nel corso dell’esercizio e ad ogni modo siamo all’inizio di febbraio. Le elezioni sono state programmate abbastanza tardi, all’inizio di dicembre, il calendario poteva essere più rapido nell’esercitarsi direttamente, nell’avere cioè un nuovo budget al più presto”, ha aggiunto il premier.

Nella riunione comune di lunedì, il Parlamento ha adottato, per articoli, il progetto di legge del budget statale sull’anno 2017, e i budget annessi di oltre 20 ordinatori di crediti, nella forma e con gli emendamenti ammessi dalle commissioni di budget-finanze, secondo Agerpres.

Il budget di stato e il budget delle assicurazioni sociali per il 2017 è stato adottato dal Governo il 31 gennaio.

Il ministro delle Finanze, Viorel Stefan, ha precisato allora che il budget è fondato su una crescita economica del 5,2%, su un deficit fiscale massimo del 3%, un tasso di inflazione dell’1,4% e una disoccupazione al 4,3%.

Lo stesso ha precisato che quest’anno nessuna imposta sarà aumentata, al massimo crescerà la base di imposta.

Il progetto del budget per il 2017 è stato fondato su un quadro macroeconomico, con un valore del PIL di 815,20 miliardi lei, una crescita economica del 5,2%, nelle condizioni di un tasso di inflazione dell’1,4%, di un guadagno medio salariale netto di 2.274 lei e di un corso medio dell’euro di 4,46 lei.

Le entrate del budget progettate per il 2017 rappresentano il 31,2% del PIL, essendo previsti 254,717 miliardi di lei.

Le spese del budget sono stimate a 278,817 miliardi di lei, cifra che rappresenta il 34, 2% del PIL.

Il deficit del budget (cash) è stimato al 2,96% del PIL, mentre il deficit ESA è del 2,98% del PIL, con inquadramento nell’obiettivo di deficit del budget al di sotto del 3% del PIL, secondo il Trattato di Maastricht.

“Il debito governativo, calcolato secondo la metodologia UE, è stimato al 37,7% del PIL, a un livello sostenibile al di sotto del 40% del PIL.

NO COMMENTS