Giovani italiani, volontari in progetti europei della Romania

0
697

In Romania continuano a essere realizzati sempre più progetti europei con il ruolo di unire i giovani tramite il volontariato, a prescindere dall’angolo di mondo in cui si trovino. Un esempio è il progetto sviluppato dai rappresentanti di un’associazione con sede sociale nel comune di Izvoarele, della contea Prahova, in cui sono stati coinvolti volontari stranieri, venuti anche dall’Italia.

L’Associazione “Curba de Cultura” ha annunciato di aver concluso con successo il progetto

Building Youth Supportive Communities (BYSC) 2. Il progetto è cofinanziato dall’Unione  Europea tramite il programma ERASMUS+, ed è gestito in Romania dall’Agenzia Nazionale per Programmi Comunitari nell’Ambito dell’Educazione e della Formazione Professionale. Creato con lo scopo di aumentare il livello di solidarietà e supporto che la comunità offre ai giovani, BYSC 2 è il secondo progetto messo realizzato nel comune di Izvoarele della contea Prahova, e ha come scopo offrire sostegno ai giovani e creare un quadro di sviluppo personale nelle comunità da cui provengono. Per raggiungere questo scopo, il progetto ha riunito anche volontari stranieri da Italia, Spagna ed Estonia. Insieme ai membri dell’associazione “Curba de Cultura”, i volontari stranieri, per sei mesi, nel periodo agosto 2016 – gennaio 2017, hanno organizzato eventi interculturali e attività interattive, organizzato un cinema all’aperto e atelier di lavoro manuale (un esperimento inedito è stato l’intaglio in noci di cocco). Sono state organizzate anche mostre di arte grafica, anche se, gli incontri più gradevoli sono stati con evidenza quelli in cui, alla fine di una giornata, ciascuno è riuscito a porre “mattoni” al proprio sviluppo personale.

Grazie a metodi di educazione partecipativa, i volontari d’Italia, Spagna ed Estonia hanno visitato ogni settimana le scuole dei villaggi del comune di Izvoarele, più esattamente Izvoarele, Homoraciu, Schiulesti e Cernesti, e, una volta al mese, i licei ”Romeo Constantinescu” e ”Nicolae Iorga” di Valenii de Munte, ma anche il Liceo Tecnologico Maneciu, del comune Maneciu. Sono state tenute lezioni interattive di educazione interculturale, anche se l’attività più apprezzata è stato la confezione di ornamenti per vari feste – Halloween o Natale. Non ultimo, i volontari hanno discusso dei paesi da cui provengono e sulle differenze tra le culture, hanno promosso il volontariato e l’educazione partecipativa e invitato i bambini e i giovani che hanno incontrato a fare volontariato e a prendere parte ai progetti del programma europeo Erasmus+.

“Le attività non si sono svolte solo presso le unità di insegnamento, ma anche in altri posto come il Centro per la Gioventù dell’Associazione Curba de Cultura, i centri culturali dei villaggi Izvoarele e Homoraciu, nei parchi degli stessi villaggi, ma anche presso il Centro Culturale di Valenii de Munte. Inoltre, la Giornata Internazionale dei Volontari è stata festeggiata anche dai volontari d’Italia, Spagna ed Estonia che, insieme ai giovani della comunità, hanno organizzato un evento del tipo “Biblioteca viva” dove nuovi invitati, ex ed attuali volontari, hanno raccontato della loro esperienza di volontariato in altri paesi.

Oggi il progetto Building Youth Supportive Communities 2 è arrivato alla fine, i volontari italiani, spagnoli ed estoni torneranno a casa, ma i risultati del loro lavoro restano in comunità: le vite di oltre 300 allievi sono state influenzate positivamente dal tempo trascorso con loro e i loro professori sono diventati molto più fiduciosi nei metodi di educazione non formale. In più, l’impatto del loro lavoro dei volontari si è riversato anche sul centro della gioventù dell’associazione, il numero dei giovani che lo frequenta è aumentato sempre di più, e il loro interesse a conoscere e imparare è sempre maggiore, hanno annunciato i rappresentanti dell’Associazione “Curba de Cultura”.

“Curba de Cultura” è un’organizzazione non-governativa e non-profit, dedicata all’educazione non formale, alla cultura e alle opportunità di partecipazione dei giovani nell’ambiente rurale della Romania. Lo scopo dell’associazione è rivitalizzare l’ambiente rurale della Romania, la sua missione contribuire allo sviluppo degli adolescenti e giovani come parte integrante delle comunità in cui vivono, utilizzando l’educazione non formale come sistema complementare al sistema formale di educazione. I valori che guidano i membri di quest’associazione sono l’educazione, la partecipazione, l’uguaglianza, il lavoro in squadra, lo sviluppo continuo, la conoscenza di sé, la tolleranza.

L’Associazione ha la sede principale a Prahova, a Izvoarele, località rurale vicina alla città di Valenii de Munte. Le altre organizzazioni affiliate si trovano nel villaggio Slon, nel comune di Cerasu, della contea Prahova, e Rosia Montana, contea di Alba.

NO COMMENTS