La mostra “Moving Van Gogh” al Castello Cantacuzino, aperta fino al 15 gennaio

0
376

“Moving Van Gogh”, la mostra inedita aperta al Castello Cantacuzino di Busteni, è stata prolungata fino alla metà del mese di gennaio. La decisione è stata presa dagli organizzatori, alla luce delle oltre 18.000 persone si sono mostrate interessate, fino alla fine dell’anno scorso, a essere testimoni di un progetto contemporaneo che porta il visitatore al confine fra il reale e l’immaginazione. Per chi l’anno scorso non sia riuscito a vedere i lavori del fantastico mondo di van Gogh, esposti in una delle più spettacolari destinazioni turistiche di Prahova – Castello Cantacuzino di Busteni – l’inizio dell’anno 2017 porta buone notizie. Gli organizzatori della mostra hanno infatti annunciato l’estensione del programma di visite fino alla data del 15 gennaio, dal momento che, fino alla fine dell’anno scorso, oltre 18.000 persone hanno visto i lavori del celebre pittore olandese esposti a Busteni. La mostra “Moving Van Gogh”, una mostra di silografie del celebre pittore, è stata inaugurata il 15 luglio 2016. In concreto, presso il Castello Cantacuzino rimane ancora aperta, per la prima volta in Romania, una collezione rara di silografia con disegni del pittore Vincent Van Gogh, realizzati in bianco e nero, alcuni dei quali, bozzetti di dipinti diventati poi famosi. L’idea è partita da alcune silografie realizzate nel 1892, una collezione vecchia e rara, realizzata in Olanda. I visitatori entrano per la prima volta nel mondo di Vincent Van Gogh al piano superiore del castello, nella galleria d’arte, dove due sale sono state allestite appositamente per la mostra delle silografie, cui segue un’altra sorpresa – le sale interattive. I lavori esposti nel castello di Busteni provengono dalla Germania e le opere interattive sono state realizzate da compagnie romene, con l’intento di rendere la mostra un momento in cui moderno, tecnologia e classico si uniscono in armonia. La mostra è presentata su due piani, e i visitatori avranno così l’occasione di vedere la parte classica dell’artista, composta appunto dalle silografie, per poi scoprire il suo mondo colorito tramite le sale interattive. Concretamente, le stelle, il cielo e gli enigmatici vortici dell’opera “Starry Night” del pittore olandese Vincent Van Gogh e i famosi girasoli dei suoi quadri prendono vita nella mostra interattiva “MOVING Van Gogh”, in cui è un ologramma dell’artista ad accogliere gli appassionati dell’arte.

Così, la Galleria d’arte del Castello Cantacuzino presenterà, fino al 15 gennaio, la sua quarta mostra importante che include animazioni, proiezioni, installazioni audio-video e un ologramma del grande pittore olandese, progetto contemporaneo che porta il visitatore al confine fra il reale e l’immaginario. Tre sale interattive, oltre 300 girasoli animati, che balleranno al ritmo dei passi dei visitatori, e un ologramma di van Gogh sono solo alcuni degli elementi centrali da scoprire nella mostra “Moving Van Gogh”. Inoltre, per un’esperienza alternativa, Cantacuzino Castle Art Gallery ha creato zone speciali in cui, grazie ad alcuni gadget, i visitatori potranno dipingere e ricreare serigrafie e opere famose dell’artista. Un altro elemento interessante della mostra è rappresentato da VAN GOGH-THEK, uno spazio allestito appositamente per la proiezione di documentari sulla vita e sulle opere del pittore olandese, Vincent van Gogh.

pag-8-expozitie-vangogh1

Cantacuzino Castle Art Gallery è stata creata nel 2015, e la sua prima mostra è stata dedicata al pittore spagnolo Salvador Dali. Sono seguiti poi i lavori grafici degli artisti Pablo Picasso e Marc Chagall, mostre che hanno accolto oltre 50.000 persone. D’altra parte, è il castello stesso a essere punto d’interesse, come monumento diventato storico pur essendo, fin dalla sua inaugurazione, una delle più moderne costruzioni d’Europa. Nel 2010 il Castello è stato aperto al pubblico e da allora è diventato una delle maggiore attrazioni di Valea Prahovei. Di un grande valore architettonico, storico, documentario e artistico, l’edificio è stato realizzato nel 1911, su richiesta del principe Gheorghe Grigore Cantacuzino, sopranominato il Nabab, ex ministro della Romania tra 1899-1904, 1904-1907. Costruito in stile neoromeno, è circondato da un parco i cui viali portano a cascate, fontane artigianali e fino a una grotta. È stato costruito in pietra e mattone, a partire dai progetti dell’architetta Grigore Cerchez e copre una superficie di 3.148 m. Gli interni dell’edificio hanno un forte carattere romantico, il cui fasto impressiona i visitatori per “l’eccesso” di bellezza: vetrate, stucchi di marmo, mensole, soffitti con travi a vista dipinte, ringhiere di legno, pietra o ferro battuto, ferramenta di bronzo e riccamente decorata, rappresentano l’eccellenza dell’attività artistica. Di più, i camini decorati con mosaici policromi aggiungono un tocco in più all’atmosfera di dimora signorile, accrescendo ancora il valore dell’edificio. Va precisato che il castello ha anche una collezione di araldica, in cui sono esposti i blasoni delle famiglie boiare apparentate ai Cantacuzini e un fregio di dipinti votivi con membri illustri della famiglia Cantacuzino del ramo montanino.

Il castello può essere visitato da lunedì a giovedì, tra le ore 10.00 – 18.00 e da venerdì fino a domenica, tra le ore 10.00-19.00. L’ingresso è permesso ogni ora: per visitare il castello o per il pacchetto castello e mostra Van Gogh: 10.05; 11.05; 12.05; 13.05; 14.05; 15.05; 16.05; 17.05; 18.05. La sola mostra di Van Gogh: 10.35; 11.35; 12.35; 13.35; 14.35; 15.35; 16.35; 17.35; 18.35. Le tariffe sono, per castello e mostra: adulti 45 lei/persona; pensionati 35 lei/persona; studenti 35 lei/persona; bambini 13-18 anni – 25 lei/persona, 6-12 anni – 17 lei/persona, ingresso libero per bambini sotto sei anni. Solo per la mostra, le tariffe sono le seguenti: adulti 30 de lei/persona; pensionati 25 lei/persona, studenti 25 de lei/persona, bambini 13-18 anni – 20 lei/persona; 6-12 anni – 16 lei/persona.

 

NO COMMENTS