Mercoledì e giovedì, un nuovo ciclo di consultazioni con i partiti politici a Cotroceni per la formazione del nuovo Governo

0
412

Venerdì, il presidente Klaus Iohannis ha dichiarato che convocherà il nuovo Parlamento il 20 dicembre, dopo aver chiamato i partiti che sono entrati nel Legislativo per consultazioni in vista del nuovo governo.

“Convocherò il nuovo parlamento, martedì 20 dicembre alle ore 12.00, mentre mercoledì 21 dicembre e giovedì convocherò le consultazioni con i partiti politici”, ha dichiarato Klaus Iohannis.

Egli ha voluto congratularsi con chi è entrato in Parlamento ma anche attirare l’attenzione sul fatto che alcun partito non ha vinto la maggioranza assoluta nel Legislativo.

“Voglio felicitare i partiti che sono riusciti ad entrare in Parlamento, certo, in primo luogo il PSD, che ha ottenuto il miglior risultato. Inoltre, mi congratulo con tutti i 465 parlamentari che formeranno il nuovo parlamento della Romania. In questo contesto, riguardo al risultato finale delle elezioni locali, seguendo le discussioni dello spazio pubblico, ho sentito molte volte il sintagma – voto popolare. Infatti, le elezioni sono un voto popolare, e il voto popolare in queste elezioni non ha designato alcun partito con maggioranza assoluta”, ha aggiunto il capo dello stato.

Se alla primo incontro di consultazioni convocato dal capo dello stato la settimana scorsa, PSD e ALDE hanno rifiutato di partecipare, ritenendo prematuro l’incontro, visto che il nuovo parlamento non era convalidato. Al contrario, i due partiti parteciperanno al nuovo incontro, e prepareranno nei prossimi giorni la proposta di premier e il programma di governo.

“Io deciderò chi nominare premier. I partiti sono preparati a negoziare”

 Il capo dello stato venerdì ha precisato che sarà lui a decidere alla fine chi sarà chiamato a formare il nuovo governo, non escludendo la possibilità di un PSD, vincitore delle elezioni con un risultato travolgente di oltre il 45%, non faccia parte della coalizione di governo.

“Questo ve lo dirò al momento giusto, quando deciderò chi nominare primo ministro”, ha dichiarato Klaus Iohannis quando gli è stato chiesto se ritenga possibile un altro governo, oltre quello formato da PSD e ALDE.

Inoltre il presidente ha affermato che le dichiarazioni dei leader politici in questo periodo denotano una tendenza alla negoziazione.

“In questo periodo si dicono molte cose, molte dichiarazioni (dei leader dei partiti – ndr). Tutti si preparano a negoziare. Allora è bene ascoltare le dichiarazioni con calma e aspettare la prova, vale a dire il voto di investitura”, ha spiegato il capo dello stato.

A suo parere, veicolare lo scenario delle elezioni anticipate è prematuro.

“Credo ci si affretti un po’ con questi scenari. Lasciamo che i rappresentanti dei partiti vengano alle consultazioni ed esprimano come immaginano la formazione del governo, a designare qualcuno e a votarlo in Parlamento e poi si vedrà”, ha sottolineato Iohannis.

Secondo Iohannis, le consultazioni anche nelle condizioni in cui i socialdemocratici sostengono di non essere disposti a presentare eventualmente una lista con possibili premier, si svolgeranno “con calma, con argomenti stabili, senza problemi”.

NO COMMENTS