Verdetto del CNATDCU per il dottorato del capo procuratore della DNA: Laura Codruţa Kovesi non ha plagiato

0
327

Il Consiglio Nazionale per Attestazione di Titoli, Diplomi e Certificati Universitari (CNATDCU) ha deciso giovedì che il capo procuratore della Direzione Nazionale Anticorruzione (DNA), Laura Codruta Kovesi, non ha plagiato il suo lavoro “Lotta contro la criminalità organizzata tramite disposizioni di diritto penale”, la proposta è quella di mantenere il titolo di dottore, ha dichiarato il presidente della Commissione di Scienze Giuridiche del CNATDCU.

La seduta di giovedì, durante la quale i Membri del Consiglio Generale del CNATDCU hanno stabilito che non ci sono gravi irregolarità nel lavoro di dottorato di Laura Codruta Kovesi, sono stati presenti in sala 23 membri del CNATDCU, e altri 11 sono intervenuti in videoconferenza su Skype. Due voti sono stati espressi per via telematica, in modo da assicurare il quorum.

Secondo il vicepresidente del CNATDCU, Mircea Bob, la decisione è stata presa con 35 voti “a favore” e un’astensione.

Mircea Adrian Bob, presidente della Commissione di Scienze Giuridiche del CNATDCU, ha dichiarato che la decisione è stata di mantenere il titolo di dottore per la Kovesi.

 

CNADTCU:  20 pagine plagiate su 444, circa il 4% della tesi

Il Consiglio Nazionale per Attestazione di Titolo, Diplomi e Certificati Universitari (CNATDCU) ha deciso di proporre al Ministro dell’Educazione il mantenimento del titolo di dottore nel caso di Codruta Kovesi, nel constatare che ci sono frasi plagiate per il 4%, e si tratta di generalità.

“La Commissione di lavoro ha constatato che la tesi valutata riprende passaggi da documenti senza citarli secondo il linguaggio accademico. Questi prestiti non autorizzati possono costituire plagio. I passaggi che si possono inquadrare nella definizione legale romena di plagio rappresentano circa 20 pagine su 444, ciò rappresentando circa il 4% della tesi. Quindi si constata una colpa nella costruzione della dimostrazione della tesi ma le circostanze specifiche devono essere prese in calcolo per determinare la sanzione. La percentuale constatata riguarda una piccola parte della tesi. Si tratta di frasi che non contengono idee originali o particolari. Si tratta di frasi formate da generalità. Dal punto di vista qualitativo, non si può constatare la mancanza di apporto scientifico della tesi. Nell’opinione della commissione di lavoro, il ritiro del titolo di dottore è una sanzione eccessiva. La Commissione di lavoro ha proposto che il titolo di dottore non sia ritirato. Il Consiglio Generale del CNATDCU ha deciso di trasmettere la proposta di mantenere il titolo di dottore. Nella tesi, infatti, il plagio non riguarda il contributo originale. Ci sono questioni di poca importanza o entrate già nel linguaggio di diritto comune. I primi due membri hanno analizzato anche un’altra tesi, la tesi del signor Ponta. Si tratta di questioni differenti. Nell’altro caso sono stati constatati prestiti massicci senza citazione mentre qui sono questioni di notorietà, utilizzate da tutti in questo modo”, ha spiegato Mircea Adrian Bob, presidente della Commissione di Scienze Giuridiche del CNATDCU.

Il 17 novembre, la Commissione di Etica dell’Università dell’Ovest Timisoara ha annunciato che 564 righe del lavoro di dottorato di Laura Codruta Kovesi, dal titolo “Lotta contro la criminalità organizzata tramite disposizioni di di diritto penale”, sono simili ad altre fonti ma per quanto riguarda la notifica relativa al plagio, gli specialisti hanno sottolineato che questa sia parzialmente giustificata. La fonte citata ha mostrato inoltre che sono stati verificati tutti i documenti messi a disposizione dagli autori della notifica e dalla persona in causa, verificando ciascun paragrafo della tesi oggetto della notifica e mettendoli a confronto con le fonti indicate dal programma informatico iThenticate.

Il Gruppo di Investigazioni Politiche (GIP) ha annunciato di aver notificato ufficialmente il Consiglio Nazionale per Attestazione di Titoli, Diplomi e Certificati Universitari (CNATDCU) in riferimento alla tesi di dottorato di Laura Codruta Kovesi.

Sebastian Ghita ha presentato presso l’Ufficio Generale della Procura un’autodenuncia in cui sostiene di aver partecipato, accanto ad altri dignitari dello stato romeno, alla falsificazione del rapporto della commissione tecnica sulla tesi di dottorato del capo procuratore della DNA, Laura Codruta Kovesi. A seguito dell’autodenuncia, è stato aperta un’indagine per istigazione a falso intellettuale. In replica, il capo procuratore della DNA ha annunciato di non aver plagiato.

 

Ministro dell’Istruzione, Mircea Dumitru: Nelle università con tolleranza zero per il plagio il lavoro sarebbe stato ripreso

Giovedì, il ministro dell’Istruzione, Mircea Dumitru, in riferimento alla decisione del CNATDCU nel caso di Laura Codruta Kovesi, ha dichiarato che nelle università con tolleranza zero per il plagio, la raccomandazione che si fa è di riscrivere quella parte della tesi che non è stata redatta correttamente.

“Se mi chiedete in qualità di professore, non di ministro, cosa succede, cosa avrei raccomandato in tale situazioni, certo – il titolo è stato conseguito nel 2011, presso l’Università dell’Ovest… In una tale situazione, nelle università a tolleranza zero per il plagio, la raccomandazione che si fa è di riprendere quella parte della tesi non redatta correttamente, prima di giungere al punto di sostenere la tesi di dottorato e di conferire anche un titolo”, ha dichiarato il ministro del’Istruzione, Mircea Dumitru.

Egli ha precisato che ora la tesi è stata già sostenuta e il titolo è stato conferito dal ministero.

“Se ci saranno contestazioni contro questa decisione (del CNATDCU – ndr), il ministero le prenderà in considerazione e certamente il CNATDCU ne discuterà” ha aggiunto Mircea Dumitru.

 

La reazione di Traian Basescu dopo la decisione sul dottorato di Kovesi: “Se il CNATDCU dice che plagiare 20 pagine va bene, allora sarà così” 

Il presidente PMP, Traian Bssescu, ha dichiarato giovedì che se gli specialisti del CNATDCU hanno deciso che Laura Codruta Kovesi ha plagiato 20 pagine “e va tutto bene, vuol dire che è così”.

“Io non posso commentare diversamente dalla risoluzione del CNATDCU, non sono uno specialista. Se loro dicono che non ha plagiato e che si tratta solo di 20 pagine va tutto bene, vuol dire che è così”, ha affermato Basescu.

 

Victor Ponta: Io la chiamo la commissione COCCOLINO. Lava chi dev’essere lavato

L’ex premier Victor Ponta ha commentato nel suo stile particolare il verdetto sulla tesi di dottorato di  Laura Codruta Kovesi.

“Non avete capito, questa è una commissione seria, io la chiamo COCCOLINO. Loro lavano chi dev’essere lavato, sporcano chi deve essere sporcato, è così, se a loro piace così. Hanno risolto il problema con Ponta, Oprea e con Toba, e si lava tutto. Onestamente, sono dei farabutti”, ha commentato Ponta, secondo Romania TV.

NO COMMENTS