La nuova sinistra

0
660

I neocomunisti di Ion Iliescu, oggi socialdemocratici, hanno lasciato una doppia eredità ai romeni. Per prima cosa, innumerevoli scandali di corruzione. Tanti da farci sperare, ogni tanto, che spariranno tutti i vecchi politici e si comincerà da capo con persone del tutto nuove. Come se la meta più invidiabile fosse proprio riuscire a sbarazzarsi di loro. Tutti e tre i presidenti che non sono stati socialdemocratici hanno vinto le elezioni perché promettevano di farla finita con il vecchio sistema. Ma poi deludevano, perché non riuscivano a portare contributi realmente diversi. E purtroppo finivano per somigliare ai loro avversari. Questa volta, è l’Unione Salvate la Romania a parlare così. Probabilmente si tratta di persone in buona fede ma potranno riuscire a neutralizzare il veleno sparso da Iliescu e dai suoi eredi per un quarto di secolo? Perché, se il cosiddetto centrosinistra torna sempre al potere è proprio per colpa di queste ripetute delusioni. La buona notizia è che, oltre una certa intenzione di non assumere un chiaro schieramento ideologico, il nuovo partito è piuttosto di sinistra. Era il tempo di rompere il funesto monopolio dei socialdemocratici, che per anni sono rimasti i soli rappresentanti dei valori di sinistra. E c‘era tanta demagogia in tutto questo e l’arroganza di chi non deve più rendere conto per i suoi tradimenti ideologici. Finora, i valori conservatori rappresentavano la sola alternativa elettorale. Adesso, come in altri paesi europei, sta per nascere una sinistra meno tradizionale. Più giovane e coraggiosa ma che non ha ancora avuto il tempo per dimostrare le sue virtù nell’esercizio del potere. Forse deluderà, ma una sinistra che non sia né marxista né conformista è proprio quello che serve nel caos post ideologico di oggi. E se l’Unione Salvate la Romania non avrà abbastanza successo, sarà anche perché molti di quelli che scelgono di votare per i socialdemocratici non lo fanno nel nome dei valori della sinistra. Lo fanno, come diceva Iliescu in un vecchio slogan elettorale, “per la nostra tranquillità”.

NO COMMENTS