Il presidente reitera: Il premier sarà politico non tecnocrate

0
440

Il presidente ha voluto precisare che il governo che s’installerà dopo l’11 dicembre sarà politico. Questo non significa necessariamente che Ciolos entrerà in un partito, ma che un partito proponga Ciolos.

“Dopo l’11 dicembre la Romania avrà un premier politico, un premier che sarà proposto da partiti politici. Premier tecnocratico significa premier indipendente dal punto di vista politico. Ciolos adesso è un premier indipendente perché io l’ho proposto senza che un partito l’avesse mai proposto prima. Avremo un premier che rappresenterà la volontà di un partito o di partiti che vogliano fare una proposta comune”, ha spiegato il capo dello stato.

Per quanto riguarda le accuse che lo vedrebbero implicato nella campagna elettorale, Iohannis ha dichiarato di non fare altro che addurre spiegazioni importanti per gli elettori.

“Non credo mi sentirete dire “votate questo o quel partito”. Ciascun elettore avrà la libertà di scegliere, ma io voglio partecipare ai chiarimenti e portare spiegazioni importanti ai romeni prima delle elezioni.

Ci sono partiti che hanno capito la necessità di riformarsi e che fanno tanti sforzi. Sapremo di più alla presentazione delle liste che i partiti presenteranno, ma si vede a occhi nudo che alcuni hanno eliminato i condannati, mentre altri li attirano come una calamita”, ha concluso Klaus Iohannis all’inizio della settimana scorsa.

 

Iohannis, sul futuro premier: Certo che Ciolos è una buona opzione. Non mi interessa affatto se sia o no membro di partito

Dopo aver dichiarato che dopo le elezioni non nominerà che un premier politico, il Presidente Iohannis ha spiegato le sue affermazioni giovedì, a Bruxelles, quando gli è stato chiesto se Dacian Ciolos resti una buona opzione per condurre il futuro governo.

“Certo che è una buona opzione. Se lo è stato per un anno e io l’ho nominato, perché non dovrebbe continuare ad esserlo ancora?

Ma questa nomina dipenderà dai partiti. Se i partiti assumono questa proposta – sapete che ci saranno incontri tra il presidente e i partiti dopo le elezioni, e se i partiti verrano a dirci di avere probabilmente una maggioranza, noi proponiamo Ciolos – allora la considerò come una proposta politica e terrò conto seriamente di questa proposta”, ha sottolineato il capo dello stato.

Iohannis ha spiegato che un premier politico è un premier assunto chiaramente da un partito o da una coalizione di partiti e che non gli interessa se abbia la tessera di membro o meno.

“Un premier politico a mio parere è un premier assunto chiaramente da un partito o da una coalizione di partiti. A me non interessa affatto se sia membro di partito con tanto di tessere o no, questo è   un problema del partito e della relazione tra il partito e la persona in questione.

Non è compito del presidente verificare se ha pagato la quota, non m’interessa. M’interessa l’impegno politico. Se una persona è assunta politicamente da un partito o da una coalizione di partiti, allora secondo me si tratta di un premier politico”, ha dichiarato Klaus Iohannis.

 

Il capo dello stato desidera formare un governo al primo tentativo

“Il dopo le elezioni è diverso dal prima delle elezioni. Adesso siamo nella fase di pre-campagna e campagna e, dopo, avremo una situazione che rappresenterà la volontà dell’elettorato, e che dovrà portare alla formazione di un governo.

Io non desidero una situazione in cui, dopo le elezioni, compaiano varie sensibilità e non si possa formare un governo, non mi auguro una cosa del genere. Io desidero un governo che si formi già al primo tentativo e allora negozieremo, discuteremo e vedremo chi avrà una maggioranza, chi proporrà chi, ma queste sono questioni che saranno discusse dopo le elezioni”, ha spiegato il presidente Iohannis, alla domanda su come veda una maggioranza PNL – USR.

In merito al caso in cui ci sarà una maggioranza PSD – PNL, il capo dello stato ha affermato che rivelerà le varianti in cui crede quando nominerà una persona per la carica di premier.

Il premier Dacian Ciolos ha dichiarato, sempre giovedì, in merito alla carica di premier dopo le elezioni, che non si tratterà dall’implicarsi, come ha fatto anche nel novembre dell’anno scorso, ma non crede che sia indispensabile.

Ciolos ha precisato tuttavia che non si vede implicato in una formula di governo che comprenda anche il PSD.

NO COMMENTS