La Confindustria riunisce a Bucarest società e istituzioni dei Balcani:

0
533
VINCENZO BOCCIA

Una nuova strategia italiana relativa all’internazionalizzazione nei Balcani e nell’Europa dell’Est

Il 19 ottobre avrà luogo a Bucarest l’Assemblea Generale della Confindustria Balcani, una federazione che include Romania, Bulgaria, Serbia, Bosnia, Albania e Montenegro.

Al forum, intitolato in modo suggestivo “Nuova strategia d’internazionalizzazione. Confindustria nei Balcani e nell’Europa de Est, provocazioni, opportunità e prospettive”, parteciperà anche Vincenzo Boccia, in qualità di invitato speciale il presidente Confindustria Italia.

“La zona balcanica rappresenta una regione strategica per le nostre società. Soprattutto per quelle piccole e medie. Questa è la ragione per cui desidero che la presidenza della Confindustria Balcani, che sarà concessa alla Confindustria Romania, la prima costituita tra le nostre rappresentanze internazionali e la più grande per numero di soci, rinnovi l’entusiasmo degli imprenditori italiani in questa regione e si estenda al di là della regione, per poter rispondere al numero sempre più grande di richieste di rappresentanze, provenienti anche da parte degli altri paesi dell’Europa dell’Est”, ha dichiarato Vincenzo Boccia, presidente Confindustria.

La Confindustria Balcani è il progetto federativo della Confindustria Italia, la principale organizzazione delle società di produzione e servizi d’Italia con oltre 150.000 società associate, che offrono posti di lavoro a oltre 5.000.000 persone e una cifra d’affari complessiva si oltre 500 miliardi di euro.

La Confindustria Italia ha sede centrale a Roma e 234 uffici territoriali sull’intero territorio italiano, e dal 1958 ha anche una sede propria a Bruxelles. L’attività dell’associazione è quella di garantire la centralità dell’impresa come motore di sviluppo economico, sociale e civile. Questi sono i motivi per cui la Confindustria rappresenta le imprese e i loro valori presso le istituzioni e le autorità.

Secondo quanto dichiarato dal presidente della Confindustria Romania, Mauro Maria Angelini, “Le rappresentanze internazionali della Confindustria, a partire dalla prima costituita, dalla Romania fino all’Albania, che ha aderito negli ultimi mesi, sono diventate un punto di riferimento per le società italiane che decidono di internazionalizzare la loro attività. Da oggi, una nuova strategia potrà essere realizzata all’interno di una vera rete, che migliori la comunicazione e la sinergia nelle azioni. In più, il sostegno concreto offerto dalla Confindustria Italia, con oltre 100 anni di tradizione associativa, permetterà a questo progetto di raggiungere obiettivi impensabili nel passato”.

L’incontro a Bucarest è particolarmente importante per le società italiane presenti in questa zona geografica perché per la prima volta è possibile comprendere la vera dimensione delle opportunità che la Confindustria è in gradi di offrire alle imprese italiane che svolgono la loro attività all’estero.

Grazie al partenariato con l’Ambasciata Italiana a Bucarest, all’evento parteciperanno numerosi rappresentanti delle autorità romene ed europee: il ministro delle Finanze, Anca Dragu, il ministro dell’Economia, del Commercio e della Relazione con l’Ambiente d’Affari, Costin Borc, il segretario di stato che rappresenterà il ministro degli Affari Esteri, George Ciamba, il ministro dell’Economia della Bulgaria, Daniela Vezieva, il ministro degli Affari della Bosnia, Zlatan Vujanovici, il consigliere del Primo Ministro del Montenegro, Vojin Vlahović, il ministro dello Sviluppo Economico, del Turismo, del Commercio e dell’Ambiente Imprenditoriale dell’Albania, Milva Ekonomi, membro del gruppo parlamentare per il sostegno degli investimenti italiani in Albania, Evis Kishi e il vice ministro degli Affari Esteri dell’Albania, Selim Belortaja.

S.E. Ambasciatore d’Italia a Bucarest, Diego Brasioli, ha dichiarato dal suo canto: “Si tratta di un’iniziativa particolarmente importante, visto il ruolo strategico della regione e l’interesse degli imprenditori italiani in questa parte dell’Europa e soprattutto per la Romania. In collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri d’Italia, l’Ambasciata Italiana a Bucarest e le altre rappresentanze diplomatiche della zona si sono mobilitate subito insieme alla Confindustria, a Confindustria Balcani e Confindustria Romania per assicurare un’ampia partecipazione istituzionale a questo incontro così importante”.

 

La delegazione Confindustria sarà ricevuta dal presidente Klaus Iohannis

La delegazione Confindustria Italia, condotta da Vincenzo Boccia sarà ricevuta mercoledì 19 ottobre a Palazzo Cotroceni dal Presidente Klaus Iohannis, ha annunciato venerdì Madalina Dobrovolschi, portavoce dell’Amministrazione Presidenziale.

In riferimento alla Conferenza “Una nuova strategia per l’internazionalizzazione. Confindustria nella zona Balcani e nell’est d’Europa. Provocazioni, opportunità e prospettive”, Dobrovolschi ha dichiarato: “si tratta di un evento che sottolinea ancora una volta le eccellenti relazioni economiche tra la Romania e l’Italia. Desideriamo trasmettere, attraverso un evento del genere, anche il nostro messaggio per incoraggiare l’imprenditorialità, la trasparenza e la prevedibilità nella zona dell’ambiente degli affari. Questa rappresentanza, la Confindustria Romania, ha aperto i battenti in Romania nel 2003. È cioè la prima rappresentanza della Confindustria all’estero e forse, per capire di cosa stiamo parlando, sarebbe il caso sottolineare il fatto che si tratta di una struttura patronale e molto numerosa, la più numerosa sul territorio romeno dal punto di vista della rappresentazione degli interessi stranieri in Romania: ben 400 membri che insieme rendono possibile l’esistenza di oltre 50.000 posti di lavoro”.

NO COMMENTS