Condanne definitive nel caso “Microsoft”: Dumitru Nicolae (Niro) e Dorin Cocos, condannati a 2 anni e 4 mesi ciascuno, Gabriel Sandu – 3 anni, Gheorghe Stefan – 6 anni

0
329

L’Alta Corte di Cassazione e Giustizia (ICCJ) ha condannato lunedì al carcere nel caso Microsoft Dumitru (Niro) e Dorin Cocos, a 2 anni e 4 mesi ciascuno, Gabriel Sandu, a 3 anni e Gheorghe Stefan, a 6 anni. L’Alta Corte ha aumentato così le sanzioni penali decise in prima istanza – la sentenza più greve, di 6 anni di carcere, era stata presa nel caso di Gheorghe Stefan “Pinalti”.

L’imprenditore Nicolae Dumitru è stato condannato a 2 anni e 4 mesi di carcere per traffico d’influenza nel dossier Microsoft, poiché la sanzione decisa inizialmente è stata aumentata a 1 anno e 6 mesi, con sospensione. Nicolae Dumitru sarà condotto in prigione solo quando i documenti saranno inviati dal tribunale alla polizia. Inoltre, l’istanza ha deciso che dovrà pagare allo stato 2.050.000 dollari e 1.000.000 euro.

Nell’ultimo termine di giudizio, l’avvocato dell’imprenditore ha chiesto ai giudici di disporre una sentenza con sospensione.

“Sono profondamente dispiaciuto di aver commesso quei reati. (…) Ho due figli di 25 e 26 anni”, ha dichiarato in lacrime ai giudici Nicolae Dumitru.

L’ex marito di Elena Udrea, l’imprenditore Dorin Cocos, è stato ritenuto colpevole di traffico d’influenza e riciclaggio di denaro, e il tribunale ha anche deciso la confisca di 9.000.000 euro e 2 anni 4 mesi di carcere.

L’ex sindaco di Piatra Neamt, Gheorghe Stefan, è stato condannato a 6 mesi di carcere per traffico d’influenza, e il tribunale ha deciso per lui la confisca di oltre 3.000.000 euro.

Gabriel Sandu, ex ministro delle Comunicazioni e della Società Informatica nel periodo 2008 – settembre 2010, è stato ritenuto colpevole per tangenti e riciclaggio di denaro, e nel suo caso la sentenza decisa è stata la confisca di 2.000.000 euro e una condanna a 3 anni di carcere.

L’Alta Corte di Cassazione e Giustizia (ICCJ), nel caso “Microsoft”, ha deciso condanne a carcere con esecuzione per tutti i quattro imputato indagati, che saranno incarcerati dopo l’emissione dei mandati di applicazione.

Al termine della giornata di lunedì, i quattro hanno dichiarato ai giudici di pentirsi per quanto accaduto, e hanno chiesto una sentenze con sospensione.

Gabriel Sandu ha dichiarato di aver sporto denuncia presso il Dipartimento di Giustizia degli USA, mentre Dorin Cocos e Gheorghe Stefan hanno assicurato i magistrati che non infrangeranno più la legge, mentre Nicolae Dumitru ha detto piangendo che ha due figli.

“Dal primo momento in cui mi hanno chiamato, mi sono reso disponibile a collaborare con la DNA. Inizialmente mi hanno rifiutato. Sostengo una denuncia in cui spiego cos’è accaduto. Io ammetto il reato, ammetto le dichiarazioni. Ecco da cosa parte questa denuncia. 104 milioni di dollari tra 2004-2008, è il pregiudizio del gruppo transnazionale Florica. V’informo che ho sporto denuncia presso il Dipartimento di Giustizia degli USA e presso il Ministero di Giustizia dell’Austria contro il gruppo Florica e i direttori Microsoft. Chiedo che questo sia il motivo per la diminuzione della mia sentenza e per una sentenza con sospensione. Ho fatto richieste specifiche all’ambasciata degli USA e dell’Austria per sapere come sono intervenuti nei miei confronti. 460 del 2009 è la Decisione di Governo, l’unica legale nell’affare Microsoft, tutte le altre decisioni e documenti sono illegali. Mi assumo la responsabilità di ciò che dico. Io so, adesso tutti i miei sforzi sono inutili perché durante il processo ho aspettato misericordia e compassione, e forse arriverà con sospensione. Non avrei dovuto farlo ma portare tutti i documenti, fare tutti gli sforzi. Tutti i ministri avevano direttive chiare dai partiti. Chi sarà assunto e dove. Ho ammesso tutto di fronte all’Alta Corte. Ammetto di aver chiesto e ricevuto oltre due milioni, per finanziare la campagna elettorale del 2009”, ha dichiarato Gabriel Sandu nel suo ultimo intervento.

L’ex ministro ha mantenuto le dichiarazioni fatte nella sala di giudizio e durante discussioni con i giornalisti.

“Il pregiudizio in questo caso è di 104 milioni di dollari nel periodo 2004-2008, e di 114,5 milioni di euro nel periodo 2009-2013. Le speranze sono grandi. Sono implicati tutti i ministri dell’Istruzione e delle Comunicazioni e anche chi è stato indagato solo con l’approvazione al presidente Traian Basescu. Ho fatto richiesta all’SRI per confermare lo stato di necessità nel 2009, ho fatto una richiesta all’STS per confermare lo stato di necessità del 2009, perché sono stato io a informare SRI e STS. Questo gruppo ha un altro contratto, il contratto del Ministero della Giustizia”, ha dichiarato Gabriel Sandu ai giornalisti, dopo il processo.

Anche l’avvocato di Gabriel Sandu ha chiesto in tribunale l’assoluzione o la condanna con sospensione al carcere.

“Giuro con la mano sulla Bibbia di essere profondamente dispiaciuto ma credo di poter più correggere qualcosa solo con un giusto comportamento ora. Mi dispiace di ciò che ho fatto, certamente non lo farò mai più. Ho creduto che un grande affare con Microsoft fosse una cosa positiva, mi sono sbagliato. Che Dio mi aiuti”, ha dichiarato Dorin Cocos di fronte al tribunale.

L’imprenditore ha chiesto, tramite il suo legale, una sentenza di otto mesi di carcere con sospensione.

“Mi ritengo colpevole e merito una condanna. Ma credo che un inquadramento corretto sarebbe quello dell’art. 13. Con la mano sulla Bibbia giuro di non aver chiesto e di non aver preso dall’affare Microsoft neanche un centesimo, neanche un centesimo è arrivato da me. Sono colpevole perché ho esercitato la mia influenza su Gabriel Sandu, e mi dispiace di averlo fatto. Voglio continuare a collaborare per stabilire dove sono andate le somme di denaro. Sono colpevole, merito una condanna. Se avessi conosciuto le leggi come le conosco adesso non sarei qui di fronte a voi”, ha dichiarato Gheorghe Stefan ai giudici.

Il difensore di Gheorghe Stefan ha lasciato che l’istanza decidesse sulla sentenza, senza fare richieste specifiche.

“Sono profondamente dispiaciuto di aver commesso quei reati. (…) Ho due figli di 25 e 26 anni”, ha affermato piangendo Nicolae Dumitru ai giudici. Il suo legale ha chiesto ai giudici una sentenza con sospensione.

NO COMMENTS