Anno scolastico nuovo, vecchi problemi: Oltre 3 milioni di scolari e bambini in età prescolare sono tornati in classe, 4200 scuole senza autorizzazione sanitaria

0
398

Iohannis, all’inizio dell’anno scolastico: L’istruzione è la via verso successo, non la corruzione, il nepotismo, la furbizia o il guadagno facile

L’istruzione è la via verso il successo e non la corruzione, il nepotismo, la furbizia o il guadagno facile, ha dichiarato il mese scorso il presidente Klaus Iohannis, durante l’apertura del nuovo anno scolastico presso il Liceo “Mihai Eminescu” della Capitale.

“Da molti anni sembra che l’educazione in Romania non sia necessariamente la via verso il successo o che in realtà siano altre le cose importanti, che non sempre la competenza o l’efficienza portino all’apprezzamento, alla promozione e al benessere. Il messaggio che voglio comunicare oggi ai presenti e a tutti coloro che ci ascoltano e che iniziano l’anno scolastico è questo: l’istruzione è la via verso il successo e dev’esserlo anche nella nostra Romania, non la corruzione, il nepotismo, la furbizia o il guadagno facile, ma istruzione, lavoro, determinazione e onestà”, ha dichiarato Iohannis.

Quest’ultimo ha aggiunto che il suo intento come presidente è costruire in Romania una società basata sui valori, e con questo pensiero ha proposto il progetto “Romania educata”, che riguarda un altro tipo di educazione, adatta ai bisogni della società.

“Il progetto “Romania educata” riguarda valori e punti di vista che generino anche soluzioni, e proprio per questo abbiamo iniziato il dialogo per questo progetto sociale, interpellando specialisti, professori, genitori, gente interessata, e non politici”, ha menzionato il capo dello stato.

In quest’occasione, il Presidente ha chiesto alle autorità di prendere misure atte a che non ci siano più scuole senza autorizzazione sanitaria.

Il capo dello stato ha precisato che gli scolari devono sentirsi in sicurezza nelle unità d’insegnamento, per questo le autorità devono prendere tutte le misure per autorizzare le scuole.

“Prendete tutte le misure necessarie affinché non ci siano più scuole senza autorizzazione sanitaria”, ha dichiarato Klaus Iohannis.

La richiesta del presidente arriva nel contesto in cui, all’inizio dell’anno scolastico, il Ministero dell’Educazione, in una risposta trasmessa all’agenzia stampa Mediafax, ha annunciato che oltre 4.200 scuole della Romania non hanno autorizzazione sanitaria o avviso dall’Ispettorato per le Situazioni di Emergenza (ISU).

 

Il premier Ciolos: Non cercate titoli a contenuto vuoto, come fanno alcuni

All’inizio dell’anno scolastico, il premier Dacian Ciolos ha invitato gli studenti ad aver fiducia nelle proprie forze e a non cercare solo voti alti e “titoli a contenuto vuoto”, che non “portano alcun progresso sul piano personale.

“Vi invito ad avere fiducia in voi stessi, nel vostro percorso, a non deviarlo e a non cercare necessariamente solo i voti alti, ma di assimilare e capire ciò che assimilate, a non cercare titoli a contenuto vuoto come fanno alcuni, perché sono risultati ottenuti senza alcun progresso personale. Credo che la scuola romena debba cambiare prospettiva, e lasciarvi lo spazio per esprimervi e per imparare la responsabilità”, ha dichiarato il premier, presso il Liceo Carol I di Fetesti, dove ha partecipato all’apertura dell’anno scolastico.

Ciolos ha precisato, allo stesso tempo, che l’attuale generazione di studenti “sarà quella che concluderà il processo di cambiamento della Romania”.

NO COMMENTS