”Vitis Metamorfosis”, una storia scritta nella Vigna Dealul Mare dalla famiglia Antinori

0
597

A Prahova, conosciuta come la patria dell’oro nero e anche del vino, la già nota Vigna Dealul Mare è diventata un importante nodo di sviluppo degli investimenti nell’ambito della viticultura, anche grazie ad una famosa famiglia di italiani. Si tratta della famiglia Antinori e del marchese, Piero Antinori, che assistito dalle sue tre figlie, ha sviluppato sulla terra di Prahova la compagnia “Vitis Metamorfosis”. La famiglia Antinori in Italia ha una storia nella produzione del vino che copre 26 generazioni.

La storia della “Vitis Metamorfosis” in Romania, a Prahova, è nata dal fatto che esiste una somiglianza tra la Vigna Dealu Mare e la Toscana, una delle più conosciute regioni viticole d’Europa e del mondo. L’iniziativa è appartenuta al marchese Piero Antinori, ora direttore della compagnia, che è assistito dalle sue tre figlie – Albiera, Allegra e Alessia, implicate nell’affare. La famiglia Antinori produce vino da più di 600 anni, da quando Giovanni di Piero Antinori abbracciò, nel 1385, all’arte fiorentina dei Vinattieri. Prima che il marchese decidesse dove concentrare l’attività di produzione in Romania, gli specialisti della compagnia hanno visitato più vigne, in tutte le maggiori regioni viticole. Alla fine si è deciso per la Vigna Dealu Mare di Prahova, visto il suo potenziale fantastico, le condizioni ottime e il suolo molto buono. Secondo i dati presentati da Alfred Binder, marketing & vendite, l’intera proprietà detenuta da “Vitis Metamorfosis” nella Vigna Dealu Mare – nei centri viticoli di Urlati e Breaza, le zone viticole di Valea Urloi, Fintesti e Naeni – copre una superficie di 100 ettari. Sulla superficie totale, 67,5 ettari sono coltivati con vigna e 58 ettari in produzione. Il resto del terreno non è ancora in produzione, poiché la piantagione è stata realizzata tra il 2010 e il 2012. I migliori terreni sono stati selezionati per coltivare le vigne Metamorfosis, con lo scopo di esprimere pienamente il terroir diverso della Vigna Dealu Mare. Le vigne sono state piantate su colli inclinati, e la varietà di uva è strettamente selezionata in base alle caratteristiche di ciascun lotto. Con una storia nell’ambito della produzione italiana di vino che copre 26 generazioni, anche sul terreno di Prahova la famiglia Antinori ha desiderato mostrare di avere un rispetto incrollabile per la tradizione e per il terreno. Così, Vitis Metamorfosis intende promuovere le varietà autoctone e una viticoltura sostenibile, ottenendo la qualificazione per i primi 15 ettari di vigna ecologica già nell’anno 2013, tramite Austria Bio Garantie, uno dei leader europei per l’ispezione e la certificazione ecologica in agricoltura. “Finora abbiamo piantato le varietà Cabernet Sauvignon, Feteasca Neagra, Negru de Dragasani, Feteasca Regala, Feteasca Alba, Tamaioasa Romaneasca, Muscat Ottonel, Merlot, Syrah, Pinot Noir, Sauvignon Blanc e Chardonnay. Sul totale delle vendite, la nostra compagnia ha esportato il 45% nei primi sei mesi del 2016, verso paesi come Olanda, Germania, Svizzera, Belgio, USA, Cina, Messico. Facciamo sforzi per raggiungere anche l’Italia, entro alla fine dell’anno”, ci ha detto Alfred Binder. La compagnia ha anche una cantina, situata nel comune di Prahova Vadu Sapat, completamente rinnovata e ri-tecnologizzata nel periodo 2012-2014, e posizionata in modo strategico, per servire le tre vigne detenute da Vitis Metamorfosis in diverse zone viticole, perché soprattutto, abbatte i tempi per il trasporto dell’uva nel periodo della raccolta. Inoltre, presso la cantina sono organizzati anche eventi per chi desideri visitarla, un tour del complesso e la degustazione fino a 5 varietà di vini, insieme a un aperitivi.

metamorfosis2

Creata con molto lavoro e passione, Vitis Metamorfosis sperimenta continuamente con le vigne e con le loro cantine, con la selezione di varietà autoctone e internazionali, con i metodi di coltivazione, le quote delle vigne, i metodi e le temperature di fermentazione, le tecniche di vinificazione tradizionali e moderne, le essenze di legno, i tipi di botti e i periodi di invecchiamento in bottiglia. Si tratta di un lavoro di squadra, dove ciascuno ha il suo ruolo ed esprime la sua visione in ogni singola bottiglia di vino. Concretamente, Giancorrado Ulrich è il presidente di Vitis Metamorfosis che, impressionato dalla qualità dei vini locali, ha convinto di questo anche il marchese Antinori e John Halewood, cooptando anche l’oenologo Fiorenzo Rista e Alfred Binder, consulente per affari, marketing e vendite.

metamorfosis3

Il riconoscimento dei prodotti realizzati da Vitis Metamorfosis non è tardato a ad arrivare. Così, il 2016 è stato pieno di successo per i vini prodotti, che hanno ottenuto una medaglia d’oro e due d’argento presso International Wine Contest Bucharest 2016 (IWCB 2016). I vini premiati sono stati: Tamaioasa Romaneasca, Muscat Ottonel 2015 – Vigne Metamorfosis – Medaglia d’Oro;     Shiraz 2014  – Vigna Coltul Pietrei – Medaglia d’Argento; Feteasca Alba, Sauvignon Blanc, 2015 – Vigne Metamorfosis – Medaglia d’Argento; Fluturi Merlot 2013 – punteggio per medaglia d’Argento; Fluturi Feteasca Regala 2015 – punteggio per medaglia d’Argento. La seconda partecipazione del marchio è stata a “Decanter World Wine Awards” in Gran Bretagna, in cui sono stati premiati il vino Fluturi Feteasca Regala 2015 (che ha ottenuto la Medaglia di Bronzo) e anche il vino Cabernet Sauvignon 2012 – Dealu Mare.

NO COMMENTS