Riconciliazione ad alto livello nel PSD tra Dragnea e Ponta: “Lotteremo insieme”

0
748

Dopo più di tre mesi di relazioni gelide, in cui non si sono neanche rivolti la parola, il presidente del Partito Social Democratico (PSD), Liviu Dragnea e l’ex premier Victor Ponta si sono riconciliati.

Il leader Social Democratico Liviu Dragnea ha annunciato venerdì che l’ex premier Victor Ponta è andato  a trovarlo giovedì sera a casa, e la conclusione della visita è stata che i due “lotteranno” insieme.

“Victor Ponta è venuto ieri sera da me. Abbiamo parlato della Romania, del PSD e del futuro. Lotterà accanto a me e ai colleghi di partito affinché le famiglie della Romania possano avere una vita migliore. La vittoria di dicembre sarà una vittoria dei romeni!”, ha scritto Dragnea venerdì sera su Facebook.

Il post arriva dopo che i social democratici hanno accusato venerdì il Partito Romania Unita (PRU) di “mirare alla base politica di TSD e di PSD” tramite una campagna rivolta ai nomi presenti nella base di dati di Victor Ponta delle elezioni presidenziali del 2014.

“Osservando l’entusiasmo con cui il PRU ha iniziato una campagna di comunicazione, tramite la telefonia mobile e l’internet, desidero lanciare un invito caloroso alla direzione PRU e a quelli che svolgono questa campagna di comunicazione, un invito a rispettare la legge relativa alla protezione dei dati a carattere personale e ad utilizzare con attenzione la base di dati dei sostenitori di Victor Ponta delle elezioni presidenziali del 2014. Il fatto che ho ricevuto segnali da più giovani simpatizzanti e sostenitori del PSD in riferimento ai messaggi ricevuto ultimamente da parte del Partito Romania Unita, mi spinge a richiedere pubblicamente che questa campagna di comunicazione elettronica che mira la base politica di TSD e PSD finisca”, ha trasmesso il leader TSD, Gabriel Oprea, tramite un comunicato stampa.

Il presidente PRU, il deputato Bogdan Diaconu, ha dichiarato venerdì per MEDIAFAX, in replica alle accuse mosse dal PSD, che la gente che ha lavorato con Victor Ponta si è unita a PRU e invita i collaboratori della campagna presidenziale di Victor Ponta a lavorare di nuovo per lui.

Allo stesso tempo, il presidente PRU, Bogdan Diaconu, giovedì ha lanciato un appello ai suoi omologhi di PSD e ALDE, perché si uniscano a lui nello sforzo di far dimettere il Governo Ciolos, azione che la sua formazione intende avviare la settimana prossima, accusandoli allo stesso tempo di “mimare l’opposizione” e affermando che Victor Ponta sostiene l’iniziativa.

 

Il  Comitato esecutivo del PSD deciderà questa settimana della candidatura di Victor Ponta

All’inizio della settimana scorsa, dopo l’apertura da parte degli inquirenti DNA del nuovo dossier a nome di Ponta e la sua messa sotto controllo giudiziario, Dragnea ha dichiarato che l’ex premier sarà invitato al prossimo Consiglio Esecutivo Nazionale CexN, che avrà luogo questa settimana, dove saranno prese decisioni sulla candidatura da parte del PSD alle elezioni parlamentari, precisando che questo foro deciderà se sarà possibile fare un’eccezione nel caso dell’ex premier..

 

Dragnea: Ponta dev’essere presente sulle liste PSD, è un caso speciale

“Il 15 – 16 settembre discuteremo questo aspetto perché Victor Ponta è tuttavia un caso speciale, dal mio punto di vista. Il CexN dovrà prendere una decisione. Victor Ponta deve essere presente sulle liste PSD per il Parlamento”, ha sostenuto egli.

Il presidente PSD ha mostrato che Victor Ponta è un caso speciale per due ragioni: è stato il presidente del PSD e premier. “È stato il presidente del partito e il premier della Romania che ha fatto che questo paese si sviluppasse molto di più rispetto ad altri periodi”, ha argomentato Dragnea.

Alla domanda se nel caso di Ponta si farà un’eccezione al codice d’etica e di condotta del partito, Dragnea ha risposto che questa cosa sarà decisa in modo “molto democratico” all’interno di CexN perché egli non è “un dittatore”.

NO COMMENTS