I concerti del Festival Internazionale “Enescu e la musica del mondo” di Sinaia, XVII edizione, si ascolteranno anche in Italia

0
528

Il 27 luglio, a Sinaia prenderà il via il più importante evento culturale estivo di Valea Prahovei – il Festival Internazionale “Enescu e la musica del mondo”. Alla sua XVII edizione, il festival ha in programma numerosi concerti e recital – la maggior parte sostenuti presso il Casinò –, parte dei quali sarà ripresa sia a Bucarest che in tournée internazionali, come per il Festival “Alto Adige” italiano. Inoltre, tra le orchestre che incanteranno gli appassionati, una è appena tornata dal Festival Internazionale delle Orchestre della Gioventù, svoltosi a Milano. Inaugurato nel 2000, l’edizione di quest’anno del Festival Internazionale “Enescu e la musica del mondo” si annuncia una sorpresa per i melomani, visto che gli organizzatori – il Centro Nazionale d’Arte “Gioventù Romena” e il Comune di Sinaia – intendono proporre a cittadini e turisti che si trovano a Sinaia un programma complesso. Concretamente, questa nuova edizione – la XVII – del festival, che si svolgerà tra il 27 luglio e il 23 agosto 2016 a Sinaia, ha in programma numerosi concerti e recital, la maggior parte dei quali sarà ospitata dalla splendida sala del Casinò, e anche ripetuta sia a Bucarest che nelle tournée internazionali. Iniziato dal direttore artistico, violinista e il professore Marin Cazacu, il Festival Internazionale “Enescu e la musica del mondo”di Sinaia ospiterà quattro orchestre composte da giovani e giovanissimi musicisti, una di queste – l’Orchestra della Gioventù del Portogallo diretta da Pedro Carneiro – con lo statuto di “orchestra invitata”. Le altre tre orchestre sono composte dall’élite delle giovani generazioni di musicisti del nostro paese, e rappresentano vere selezionate nazionali per tre categorie di età diverse: il festival di Sinaia, infatti, è l’evento culturale all’interno del quale Marin Cazacu ha creato il fenomeno delle orchestre della gioventù in Romania. Concretamente, l’Orchestra “Romanian Sinfonietta”, diretta da Horia Andreescu, solista Daniel Iulian Drutac-violino, aprirà il festival il 27 luglio, eseguendo brani di Ligeti, Bruch, Dvorak, programma che si ripeterà il 28 luglio a Bucarest, durante il Festival “Vara Magica” e il 30 luglio presso l’Auditorium Gustav Mahler, Toblach, Italia, durante il Festival “Alto Adige”. L’orchestra “Junior”, diretta da Cristian Orosanu, si esibirà il 16 agosto, sempre presso il Casinò, e impressionerà il pubblico con la sua performance sempre sorprendente. La terza orchestra – l’Orchestra della Gioventù Romania-Moldova, diretta da Cristian Mandeal, potrà essere ascoltata il 23 agosto, con un programma che includerà brani di George Enescu (Suite n. 1, op. 11, in Do maggiore), P.I. Tchaikovsky (Variazioni su un tema Rococò) e S. Prokofiev (Suite Romeo e Julieta, op. 64), programma che sarà ripetuto il 24 agosto presso l’Ateneo Romeno di Bucarest e poi presso la Konzerthaus Berlin, all’interno del Festival internazionale delle orchestre della gioventù, Young Euro Classic, cui la Romania ha partecipato in modo costante negli ultimi anni.

Va menzionato che, tuttavia, l’Orchestra Romena della Gioventù arriva a Sinaia per sostenere il concerto al Casinò, dopo essersi recentemente esibita in Italia, a Milano, in un concerto la cui solista è stata la violinista Julia Hagen, con “Variazioni su un tema rococò per violoncello e orchestra”, op. 33 di Tchaikovsky, direzione di Cristian Mandreal. Il concerto ha avuto luogo all’interno del Festival Internazionale delle Orchestre della Gioventù, svoltosi a Milano, presso il Padiglione UniCredit, Piazza Gae Aulenti, nel periodo 1 – 21 luglio 2016, con ingresso libero. Il programma ha incluso la Sinfonia n.1 in Re maggiore, op. 25 – Classica di Prokofiev e la Sinfonia no.4 in La maggiore, op. 90 – “Italiana” di Mendelssohn. Milano è stata per la prima volta padrona di casa di un evento dedicato alle orchestre giovanili, con un programma composto da sei concerti, presentati da orchestre di giovani italiani e provenienti anche da altri paesi europei.

NO COMMENTS