L’incontro del Presidente della Romania, il signor Klaus Iohannis, con gli ambasciatori degli stati membri UE accreditati a Bucarest

0
633

Il Presidente della Romania, il signor Klaus Iohannis, ha incontrato giovedì gli ambasciatori degli stati membri UE, accreditati a Bucarest, durante una colazione di lavoro, presso l’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi, detentore al momento della Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea.
Durante l’incontro sono stati discussi certi aspetti dei principali argomenti sull’agenda della riunione del Consiglio Europeo del 28-29 giugno a.c., gli obiettivi della Romania al futuro Summit NATO di Varsavia e le evoluzioni sul piano regionale.
Il capo dello stato romeno si è espresso sul referendum organizzato in Gran Bretagna relativo all’appartenenza all’Unione Europea, con la speranza che i cittadini britannici decidano di mantenere il Regno Unito nella famiglia europea. Un tale risultato è, nell’opinione della Romania, l’opzione migliore sia per la Gran Bretagna che per l’Unione Europea nel suo insieme, si legge in un comunicato dell’Amministrazione Presidenziale.
Inoltre, il presidente della Romania ha felicitato l’Olanda per gli sforzi deposti durante il periodo di Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, nel primo semestre di quest’anno, in un contesto europeo segnato da tante provocazioni.
Il capo dello stato ha sottolineato il fatto che la Romania è una democrazia forte, con istituzioni democratiche solide e, allo stesso tempo, rappresenta un fattore di stabilità in regione.
In merito alle elezioni locali recentemente conclusesi, il Presidente della Romania ha riferito siano state ben organizzate e con pochi incidenti segnalati, cosa che ha mostrato un miglioramento netto della qualità del processo elettorale in Romania. Nell’attuale contesto europeo, il capo dello stato ha sottolineato che la Romania resta uno stato membro di fiducia dell’Unione, impegnato a favore del progetto europeo, e che il nostro obiettivo principale è un’Unione Europea forte. I cittadini sono tra i più dedicati al progetto europeo, e hanno fiducia nel futuro dell’Unione Europea.
In riferimento al fenomeno della migrazione, il Presidente della Romania ha reiterato la posizione secondo cui Romania resta a favore di una risposta comune a livello europeo per affrontare questa provocazione particolarmente complessa, sottolineando la necessità di misure capaci di consolidare la cooperazione con i paesi d’origine e di transito, per affrontare le cause profonde di questo fenomeno.
D’altra parte, il capo dello stato si è pronunciato contro le soluzioni che si fondano su meccanismi obbligatori di distribuzione e sanzioni finanziarie.
In riferimento all’adesione del nostro paese allo Spazio Schengen, il Presidente della Romania ha sottolineato che resta un obiettivo prioritario.
Per quanto riguarda le relazioni esterne dell’Unione, il capo dello stato ha espresso la speranza che la Strategia Globale dell’Unione Europea possa essere presente alla riunione del Consiglio Europeo della settimana prossima. In questo contesto, il Presidente della Romania ha sottolineato la necessità di rivitalizzare il Partenariato Orientale, in favore di una nuova visione e nuovi strumenti di lavoro.
Inoltre, il Presidente Klaus Iohannis ha insistito sulla necessità di continuare a sostenere il percorso europeo della Repubblica Moldova, un paese che deve restare importante per l’Unione.
Un altro argomento discusso è legato al Summit NATO che avrà luogo a Varsavia nel mese di luglio. Il Presidente Iohannis ha presentato le aspettative della Romania a questa riunione, insistendo sulla necessità di consolidare in modo equilibrato e proporzionale il fianco orientale dell’Alleanza. Il Presidente della Romania ha poi insistito sulla necessità di rafforzare la cooperazione UE-NATO, essenziale per affrontare in modo efficiente le attuali provocazioni alla sicurezza.

NO COMMENTS