Cerco disperatamente visione

0
546

L`Unione Europea è più piccola. E il rischio che fa tremare di più oggi è che diventi ancor più piccola. I suoi leader si domandano di chi è la colpa e fortunamente non manca l`autocritica. C`è anche chi da la colpa ad una democrazia che non sa riconoscere i suoi limiti. Ma il referendum dei britannici doveva legittimare le scelte di un premier già abbastanza contestato. Forse molti hanno votato più contro Cameron che contro l`Unione Europea. Decisivo è stato il voto dei vecchi, che vogliono di più godersi una pensione serena che pensare ad un futuro da costruire con temerità. Ma al di là dei tanti motivi di questo tipo ci sono certi fallimenti delle strategie europee. Oggi ci sono più divergenze che convergenze tra i stati membri e la sola speranza è trovare un`atra filosofia per il processo di armonizzazzione. L`immigrazione è stato uno dei temi piu caldi del dibattito e la verità è che le risposte di certi stati sono stati deludenti. I romeni, per esempio, sono gli ultimi che desiderassero uscire adesso dall`Unione Europea. Nello stesso tempo sono tra i popoli più contrari all`accoglienza dei rifugiati. Purtroppo non capiscono che questo rifiuto insensato degli europei dell`Est porterà, prima o poi, all`implosione dell`Unione. Ma non serve soltanto sconfiggere gli euroscettici, bisogna anche dare una risposta ai loro timori, a quelli che non sono soltanto fantasmi senza legami con la realtà. Ma neanche questo salutare pragmatismo non basterà. Nuovi valori e nuove battaglie ideologiche devono conquistarci e cambiare le mentalità in nuove direzioni. Se qualcosa è invecchiato più di altro in Europa sono le idee politiche. Mancano i visionari lucidi tra i già troppi birocrati e diplomatici. E non si tratta di idealismo, ma di un nuovo, più saggio realismo

NO COMMENTS